• Latino
  • VERSIONE DI IGINO "ULISSE DIVENTA NESSUNO"

    closed post
au94
au94 - Sapiens - 354 Punti
Rispondi Cita Salva
ecco il testo:

Inde Ulixes pervenit ad Cyclopem Polyphemum, Neptuni filium, cui responsum erat ab augure Telemo, Eurymi filio, ut curaret ne ab Ulixe excaecaretur. Polyphemus media fronte oculum habebat et carnem humanam edebat. Qui, cum pecus in speluncam adduxisset, molem saxeam ingentem ad ianuam opposuit et, cum Ulixem cum sociis inclusisset,nonnullos eorum consumere coepit. Ulixes, cum videret eius immanitatem et feritatem vetare se non posse, vino, quod a Marone acceperat, eum inebriavit seque "Utin" vocari nuntiavit. Itaque cum oculum eius trunco ardenti exureret, Polyphemus clamore suo ceteros Cyclopas convocavit ut auxilium oraret eisque a spelunca, quae praecludebatur, dixit: <<Utis me excaecat>>. illi autem, cum crederent eum id dicere ut fratres derideret, neglexerunt. At Ulixes socios suos ad pecora et se ad arietem itaque a spelunca omnes fugerunt.
[da Igino]

ecco la mia traduzione:

Da quel luogo Ulisse giunse presso il Ciclope Polifemo, figlio di Nettuno, al quale vi era un responso dell'oracolo Telemo, figlio di Eurimo, affinchè provvedesse per non farsi accecare da Ulisse. Polifemo aveva un solo occhio al centro della fronte e si cibava di carne umana. E questo, quando condusse il bestiame in una grotta, pose innanzi alla porta un grande masso e, poichè chiuse dentro Ulisse con i suoi compagni, incominciò a mangiarne alcuni. Ulisse, poichè capì che non poteva impedire la ferocia e la ferità del Ciclope, lo ubriacò con il vino, che aveva ricevuto da Marone, e gli disse di chiamarsi "Nessuno". Perciò, poichè infiammò il suo occhio con un tronco ardente, Polifemo con un suo grido chiamò i restanti Ciclopi per chiedere aiuto e dalla sua grotta, che era chiusa, disse: <<Nessuno mi accecò>>. ma questi, poichè credevano che lui parlava in quel modo per deridere i fratelli, non lo tennero in conto. ma Ulisse lego i suoi compagni a delle pecore e sè ad un ariete e così tutti fuggirono dalla grotta.
[da Igino]

x favore me la correggete... è di vitale importanza... :thx
grazie mille in anticipo... :move
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
La tua traduzione era buona, ho soltanto risistemato alcune parti per renderle più leggibili.

Da quel luogo (oppure: In seguito) Ulisse giunse presso il Ciclope Polifemo, figlio di Nettuno, al quale era stato predetto dall'oracolo Telemo, figlio di Eurimo, di stare attento a non farsi accecare da Ulisse. Polifemo aveva un occhio in mezzo alla fronte e si cibava di carne umana. E questo, dopo aver condotto il bestiame in una grotta, pose innanzi alla porta un grosso sasso (lett: sasso dalla grande mole) e, avendo chiuso dentro Ulisse con i suoi compagni, incominciò a mangiarne alcuni [di loro]. Ulisse, vedendo che non poteva impedire la sua (=di lui) ferocia e la crudeltà, lo ubriacò con il vino che aveva ricevuto da Marone, e gli disse di chiamarsi "Nessuno". Perciò, quando bruciò il suo occhio con un tronco ardente, Polifemo con un suo grido chiamò gli altri (=i restanti) Ciclopi per chiedere aiuto e dalla sua grotta, che era chiusa, disse: "Nessuno mi acceca". Quelli, però, credendo che lui parlasse in quel modo per deridere i fratelli, non lo ascoltarono (=non lo tennero in conto). Ma Ulisse legò i suoi compagni a delle pecore e sè ad un ariete, e così tutti fuggirono dalla grotta.

:)
au94
au94 - Sapiens - 354 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie mille SuperGaara... 6 stato molto utile...

:woot
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego, mi fa piacere :satisfied

Ciao au94 :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Pinchbeck

Pinchbeck Moderatore 2689 Punti

VIP
Registrati via email