• Latino
  • versione...aiuto please

    closed post
superkikka
superkikka - Sapiens Sapiens - 1553 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao a tutti... stavo facendo una versione ma vi giuro nn ci capisco nnt...potreste darmi una mano... vi prego...
nella versione ci sn i seguenti argomenti:comparativi e superlativi; particolarità della comparazione; coniugazione attiva e passiva; cum + narrativo; preposizioni relative, infinitive; complementi di argomento, causa, modo, mezzo, paragone.

Ecco la versione:

UN CONDOTTIERO ARDIMENTOSO

"Ex multis, quae de Caesaris ingenio narrantur, facile perspici potest(= si può capire) eum magis mitem quam severum interdum fuisse, cum militibus suis persaepe consuluisset( + dat. =provvedere a)humanius quam pro eorum meritis.
Cum enim, innumerabili multitudine ferocique impetu Nerviorum, inclinari aciem suam videret, timidius pugnanti militi scutum detraxit, eoque tectus acerrime proeliari coepit( = iniziò a combattere): ita fortitudinem per totum exercitum diffudit labentemque belli fortunam praeclaro animi ardore restituit.
In alio proelio autem Caesar legionis Martiae aquiliferum, ad fugam iam conversum, faucibus comprehensum, in contrariam partem dexerit dexteramque ad hostem tendens << Quorsum tu >>, inquit( =disse), << abis( = tenestai andando)? Illic sunt ii cum quibus dimicamus>>. Et quidem non solum unum militem, adhortatione vero tam acri, sed etiam omnium legionum trepidationem correxit et eas ad victoria duxit."

Grazie a tutti... un bacione....

Giorgia...
klight
klight - Sapiens - 730 Punti
Rispondi Cita Salva
Dalle molte cose che si narrano sull’ingeno di Cesare, si può facilmente percepire che egli era talvolta più mite che severo, avendo deciso spessissimo con i suoi soldati più umanamente dei loro meriti.
Vedendo infatti che per l’innumerevole moltitudine ed il feroce assalto dei Nervi il suo esercito veniva piegato, tolse chi più timidamente combatteva e nascostolo cominciò a combattere molto vigorosamente: diffuse così coraggio in tutto l’esercito e restaurò con l’egregio ardore dell’animo la cadente fortuna della guerra. In un’altra battaglia poi Cesare, presolo per la gola, diresse l’aquilifero della legione Marzia, già voltosi alla fuga, verso la parte contraria e, tendendo la mano destra verso il nemico disse: “ Dove te ne stai andando? Lì sono quelli con i quali combattiamo”. E certamente non solo un unico soldato, ma anche la tredipazione di tutte le legioni corresse con l’esortazione invero così aspra, e le condusse alla vittoria.
Ciao!é una traduzione letterale!
superkikka
superkikka - Sapiens Sapiens - 1553 Punti
Rispondi Cita Salva
tranquillo grazie mille... un bacio....
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Bene, allora chiudo il thread :)
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 341 Punti

Comm. Leader
Ithaca

Ithaca Blogger 9254 Punti

VIP
Registrati via email