maruccia18
maruccia18 - Erectus - 70 Punti
Rispondi Cita Salva
Avrei bisogno della traduzione di questa versione di Giustino..grazie

Extincto in ipso aetatis ac victoriarum flore Alexandro Magno triste apud omnes tota Babylonia silentium fuit. Sed nec devictae gentes fidem nuntio habuerunt, quod ut invictum regem ita inmortalem esse crediderant, recordantes quotiens praesenti morte ereptus esset, quam saepe pro amisso repente se non sospitem tantum suis, verum etiam victorem obtulisset. Ut vero mortis eius fides adfuit, omnes barbarae gentes paulo ante ab eo devictae non ut hostem, sed ut parentem luxerunt. Mater quoque Darii regis, quae amisso filio a fastigio tantae maiestatis in captivitatem redacta indulgentia victoris in eam diem vitae non paenituerat, audita morte Alexandri mortem sibi ipsa conscivit, non quod hostem filio praeferret, sed quod pietatem filii in eo, quem ut hostem timuerat, experta esset. Contra Macedones versa vice non ut civem ac tantae maiestatis regem, verum ut hostem amissum gaudebat, et severitatem nimiam et adsidua belli pericula execrantes.:thx:thx
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Exstincto Alexandro in ipso aetatis flore,triste apud omnes tota Babylonia silentium fuit.Sed devictae gentes fidem nuntio non habuerunt,quod invictum regem immortalem esse credebant,recordantes quotiens praesenti morti ereptus esset,quam saepe,cum mortuus creditus esset,sospitem et victorem se suis obtulisset.Ut vero mortis eius fides adfuit,omnes barbarae gentes,paulo antea ab eo devictae,non ut hostem sed ut parentem luxerunt.Mater quoque Darei regis,quam a fastigio tantae maiestatis in servitutem redactam indulgentia victoris in eam diem vitae non paenituerat,mortem sibi ipsa conscivit,non quod hostem filio praeferret,sed quod pietatem filii in victore experta erat.Macedones contra non ut civem ac tantae maiestatis regem,sed ut hostem amissus gaudebant,et severitatem nimiam et assidua belli pericula exsecrantes.

Quando Alessandro spirò, nel fiore della sua giovinezza, in tutta Babilonia, e da tutti, fu osservato un religioso silenzio. D'altra parte, le popolazioni sconfitte [precedentemente da Alessandro] (all'inizio) non credettero alla notizia (della morte), perché ritenevano il re - (effettivamente) mai sconfitto - immortale, tenendo conto del gran numero di volte in cui egli fosse scampato a pericoli mortali, e di quante volte, creduto morto, si fosse (alla fine) mostrato ai suoi (soldati) sano e salvo e vincitore.
Tuttavia, quando la notizia della sua morte fu confermata, tutti i popoli stranieri, precedentemente soggiogati da lui, lo piansero non come un nemico, ma alla stregua di un familiare. La stessa madre del re Dario - che da una posizione di grande prestigio si era ritrovata ad essere schiava, ma che fino a quel giorno non aveva potuto dirsi scontenta, vista la buona disposizione del vincitore - si diede la morte, non perché prediligesse il nemico al figlio, ma perché nel(lo stesso) vincitore [ovvero, in Alessandro] aveva ritrovato la stessa disposizione alla pietà del (proprio) figlio.
I Macedoni, invece, (paradossalmente) godevano d'aver perso Alessandro, ritenendolo non alla stregua di un concittadino o di un re tanto glorioso, bensì di un nemico, cui rimproveravano sia l'eccessiva severità, sia i continui pericoli bellici (cui egli li sottoponeva).
maruccia18
maruccia18 - Erectus - 70 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie grazie grazieeeeeeeeeeee
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego ;)
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Blue Angel

Blue Angel Blogger 13141 Punti

VIP
Registrati via email