zlatan93
zlatan93 - Habilis - 180 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao ragazzi......volevo chiedervi aiuto su questa versione che si intitola "Augusto disapprova la crudeltà", perché sulla rete non c'è.


Seneca Philosophus insignae irae et immanis crudelitatis exemplum narrat.cum Caesar Octavianus Augustus olim apud Vedium Pollionem cenaret,hominem ditissimum et crudelissimum,unus ex servis,parum attentus,cum pocula in convivio ministraret,imprudenter crystallinum fregit.confestim Vedius,vehementi ira motus,statuit servum incantum nova et efferata poena punire:cum forte(avverbio)in piscina multae murenae alerentur,imperavit servis ut infelix puer illuc(colà)coniceretur,ut eorum esca esset.cum autem puer e manibus carnificum evavisset,ingenti metu et ploratu ad Caesaris pedes se proiecit.magna voce Caesarem implorabat et obsecrabat ne corpus suum murenarum cibus esset,sed aliud mortis genus sibi reservaretur.tunc Caesar Octavianus,ob tantam crudelitatem iratus,imperavit servis ut miserum limitterent et omnia crystallina sine mora frangerent et in piscinam conicerent.

ciao e scusate x il disturbo e inoltre grazie

Questa risposta è stata cambiata da cinci (02-04-08 16:31, 8 anni 8 mesi 12 giorni )
cinci
cinci - Mito - 35782 Punti
Rispondi Cita Salva
Augusto disapprova la crudeltà

Il filosofo Seneca narra un esempio di grande ira e forte crudeltà. Quando Cesare Ottaviano Augusto, una volta, stava cenando presso Vedio Pollione, uomo ricchissimo e molto crudele, uno dei servi, un po' disattento, mentre stava portando la copula sulla tavola, urtò per sbaglio un ornamento in cristallo. All'istante Vedio, mosso da una cattivissima violenza, decise di punire sul colpo il servo con una punizione nuova e violentissima: mentre nella piscina ci sarebbero state molte murene che nuotassero, avrebbe ordinato ai servi di portare colà il povero ragazzo ed imprigionarlo come loro cibo. Quando il ragazzo si liberò dalle mani dei carnefici, con grande paura e devozione, si protrò ai piedi di cesare. A gran voce Cesare implorava e si faceva sentire ed urlava di non fare del suo corpo cibo per le murene, ma di riservargli un'altro tipo di morte. Allora Cesare Ottaviano, divenuto cattivo da tanta crudeltà, ordinò ai servi di (limitterent?) e di spaccare tutti gli ornamenti di cristallo senza aver paura e di buttarli in piscina.

:hi
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
Registrati via email