Kargo
Kargo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
Ungente vi prego traducetemi qst versione spero nn ci siano errori:
L'apoteosi di romolo.

Romulus , dum in Campo Martio copias lustrat , repente nusquam comparuit.
Quare inter patres (senatori) et plebem magna seditio fuit. Tum Iulius Proculus , vir nobilis et magnae auctoritatis apud omnes , in forum venit et , ubi silentium fecit (ottenne) , sic suxit : Romulum in colle Quirinali vidi,in caelum ascendentem et dicentem : Romani colent virtutem et a civilibus seditionibus abstinebunt. Ita omnium gentium domini erunt . Talia verba audivi , dum ille (egli) in caelum ascendit . Cum pax et concordia inter omnes fuit , Romani in Quirinali colle templum aedificaverunt , Romulo dedicaverunt et in honorem eius (di lui) solemnes caeremonias statuerunt. Ita Romulum quasi deum coluerunt et Quirinum appellaverunt.
Noel
Noel - Eliminato - 36674 Punti
Rispondi Cita Salva
Guarda se va bene
Dopo che Romolo aveva vinto i Fidenati e i Veienti, i Romani per molti anni vissero in sicura pace. Una volta, mentre Romolo censiva (cerca meglio il verbo) l'esercito, all'improvviso si scatenò una violenta bufera, che oscurò il giorno, e il re svanì dal cospetto del popolo e più alcun romano vide Romolo. La cosa destò terrore e meraviglia tra i cittadini, al punto che tutti disperavano per la scomparsa del re della sua salvexxa. Allora accadde opportunamente che Giulio Pro****, uomo nobile e onesto, si alzò nell'assemblea e esclamò a gran voce: cittadini, io ho visto Romolo, che mi ha detto queste parole dal cielo: dopo che i romani apprenderanno perfettamente l'arte militare, tutti i popoli vinceranno, avranno il dominio di tutte le cose umane, e il loro impero non avrà fine e Roma sarà la capitale del mondo. Le parole di Pro**** rafforzarono la speranza dei cittadini romani, che salutarono Romolo come un dio e lo chiamarono Quirino.

e anche:

Postquam Romulus Fidenates et Veientes vicerat,Romani per multos annos in pace tuta vixerunt.Olim,dum Romulus exercitum recenset,subito saeva tempesta coorta est(si scatenò),quae diem obscuravit,et rex e populi conspectu evanuitostea nullus Romanus Romulum amplius vidit.Res maerorem et metum inter cives excitavit,quod omnes ob regis
discessum(scomparsa) de patriae salute desperabant.Tum opportune accidit quod Iulius Proculus,vir nobilis ac honestus,in contione surrexit et magna voce exclamavit:<<Cives,ego Romulum vidi,qui de caelo haec(queste) verba mihi dixit:"Postquam Romani artem militarem perfecte didicerint,omnes gentes vincent,omnium humanarum rerum dominatum habebunt,eorum imperium sine fine erit atque Roma caput mundi erit">>.Proculi verba redintegraverunt spem Romanorum civium,qui Romulum deum salutaverunt et eum(lo) Quirinum appellaverunt.
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Senti ma quanti thread e post lasci??
Kargo
Kargo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
Noel gia me l'han data non è al stessa per nieente ç_ç
Me li han chiusi e super gara mi ha detto aprine uno con la cosa postata per intero.
Noel
Noel - Eliminato - 36674 Punti
Rispondi Cita Salva
guarda la 2°
ah scusa è sempre quella penso!
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Ma allora è un adattamento.....
Kargo
Kargo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
è la traduzione in altinod ella 1° xD
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Autore? E' un adattamento...
Kargo
Kargo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
Non c'è l'autore ho bisogno di qst tradotta ;_;
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email