• Latino
  • Un viaggio da Atene a Roma

basket
basket - Sapiens - 464 Punti
Rispondi Cita Salva
Chi mi aiuta a tradurre e analizzare questa versione???

Navis, et vectorum et mercium plena, Piraeum , Athenarum portum, relinquit: vectores oculos adiciunt in mirum Athenae deae templum, - Graeca lingua Parthenon dicitur - quod splendet in urbis arce, quae Acropolis appellatur. Celeriter navis ventis secuntis in altum mare ducitur. Post aliquot horas sol occidit et nox in caelum sidera fert, quae nautis viam ostendunt. Iam navis laeva Cytheram, insulam Veneri deae sacra, relinquit, dextra Taenarum promunturium, qua iter ad Inferos est. Cum navis in Mare Ionium intrat, vectores litora Italiae vident et salutant. Navigatio usque ad Siciliam tranquilla est, sed fretum Siculum, inter Scyllam et Carybdim, horrida monstra, ventorum vi agitatur. Denique gubernatoris peritia navis in mare Tyrrhenum pervenit et vectores, longo itinere fessi, magno cum gaudio Latii litora vident. Tandem navis ex alto mari in Ostiae portum intrat; vectores de navi descendunt et Neptuno, aquarum mariumque regi, atque Iovi, hominum deorumque patri, sacrificium praebent.
se_rena
se_rena - Genius - 2188 Punti
Rispondi Cita Salva
La nave, piena di merci e vettovaglie, lascia il pireo porto di atene: i marinai volgono lo sguardo al mirabile tempio di atena-che nella lingua greca è chiamato Partenone- che splende nella rocca della città che è chiamata acropoli. Velocemente la nave con venti favorevoli è condotta in alto. Il sole tramonta e la notte porta gli astri in cielo che mostrano la via ai marinai, già la nave leggera lascia l'isola di Citerea sacra alla dea venere, alla destra il promontorio di Tenaro, che è la via agli inferi. Quanto i marinai entrano nel mar ionio salutano i lidi della grecia e navigano verso l'italia. La navigazione fino alla sicilia è tranquilla ma lo stretto degli scogli, tra scilla e cariddi, orribili mostri, è agitato dalla forza dei venti. Infine per l'esperienza dei timonieri e la perizia dei marinai la nave passa integra nel mar tirreno. I vettori, stanchi per il lungo viaggio, quando vedono i lidi del lazio gridano a gran voce: italia, italia! Allora la nave entra dall'alto nel porto di Ostia. I marinai scendono dalla nave e fanno un sacrificio a Nettuno re delle acque dei mari, e a giove padre degli dei e degli uomini.
andreasabbatella
andreasabbatella - Ominide - 4 Punti
Rispondi Cita Salva
Molto bello articolo!



Andrea Sabbatella da b&b roma
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email