• Latino
  • traduzione versione di latino

    closed post
davidominus
davidominus - Sapiens Sapiens - 844 Punti
Rispondi Cita Salva
Rusticus magna laetitia in casam suam remeat. Postridie amicis suis omnia (= ogni cosa, acc.) narrat et Mercurii dona iis ostendit. Unus amicorum erat vir avidus et stultus et sic secum cogitat: <<Si asciam meam perdere simulabo, ego quoque Mercurii dona obtinebo>>. Statim ad fluvium currit et in aquam suam iactat; postea in ripa sedet et multis lacrimis Mercurium invocat. Deus eius animum improbum et avidum cognoscit, tamen temptare eum cupit. Itaque in terram descendit et malum rusticum interrogat: <<Cur fles?>> Rusticus respondet: <<Asciam meam iam non habeo: in fluvium cecidit.>>. Tum Mercurius: <<Defatigatus sum, sed asciam tuam bene describe et ego tibi eam recuperabo>>. <<Ascia mea magna et aurea est>>. Deus in fluvium se mergit, unde sine ascia emergit: <<Illic solum ascia ferrea est: ergo tua non est>>; et in Olympum statim remeat. Avidus rusticus igitur non solum asciam auream non accipit sed etiam suam iam non recuperat.
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
L'ho appena tradotta, ecco a te:

Rusticus magna laetitia in casam suam remeat. Postridie amicis suis omnia (= ogni cosa, acc.) narrat et Mercurii dona iis ostendit. Unus amicorum erat vir avidus et stultus et sic secum cogitat: <<Si asciam meam perdere simulabo, ego quoque Mercurii dona obtinebo>>. Statim ad fluvium currit et in aquam suam iactat; postea in ripa sedet et multis lacrimis Mercurium invocat. Deus eius animum improbum et avidum cognoscit, tamen temptare eum cupit. Itaque in terram descendit et malum rusticum interrogat: <<Cur fles?>> Rusticus respondet: <<Asciam meam iam non habeo: in fluvium cecidit.>>. Tum Mercurius: <<Defatigatus sum, sed asciam tuam bene describe et ego tibi eam recuperabo>>. <<Ascia mea magna et aurea est>>. Deus in fluvium se mergit, unde sine ascia emergit: <<Illic solum ascia ferrea est: ergo tua non est>>; et in Olympum statim remeat. Avidus rusticus igitur non solum asciam auream non accipit sed etiam suam iam non recuperat.

Un contadino ritorna con grande felicità a casa sua. Il giorno dopo racconta ai suoi amici ogni cosa e mostra loro i doni di Mercurio. Uno solo tra gli amici era un uomo avido e stolto, e così pensa tra se e se:<< Se simulerò di perdere la mia ascia, anch’io otterrò i doni di Mercurio>>. Subito corre al fiume e si getta nella sua acqua; in seguito siede sulla riva e invoca Mercurio con molte lacrime. Il dio conosce il suo animo malvagio e avido, tuttavia desidera tentarlo. Pertanto scende sulla terra e interroga il cattivo contadino:<<Perché piangi?>>. Il contadino risponde:<<Non ho più la mia ascia: è caduta nel fiume>>. Allora Mercurio:<<Sono stanco, ma descrivimi bene la tua ascia ed io te la recupererò>>. <<La mia ascia è grande e d’oro>>. Il dio si immerge nel fiume, da cui riemerge senza l’ascia:<< Laggiù c’è solo un’ascia di ferro: perciò non è la tua>>; e ritorna subito nell’Olimpo. Pertanto l’avido contadino non solo non riceve l’ascia d’oro, ma non recupera più nemmeno la sua.
davidominus
davidominus - Sapiens Sapiens - 844 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie mille
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego ;)

Alla prossima :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email