• Latino
  • Timoleonte di Corinto

    closed post
stefysky
stefysky - Erectus - 120 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciau a tutti...mi servirebbe la traduzione della seguente versione...se riusciste a trovarla ve ne sarei molto grata!!! un bacio a tutti e grazie in anticipo!!:hi
"Timoleon Corinthius sine dubio magnus vir omnium iudicio exstitit. Namque patriam, in qua erat natus, a tyranno liberavit et a Syracusanis, quibus auxilio erat missus, iam inveteratam servitutem depulit totamque Siciliam multos annos a barbaris oppressam in pristinum statum restituit. Arcem Syracusis, quam munierat Dionysius ad urbem obsidendam, a fundamentis didiecit; cetera tyrannidis propugnacula demolitua est deditque operam ne vestigia servitutis manerent. Cum tantis esset opibus, ut etiam invitis imperare posset, atque tantum amorem haberet omnium Siculorum, ut nullo recusante regnum obtinere, maluit se diligi quam metui. Itaque, cum primum potuit, imperium deposuit ac privatus Syracusis, quod reliquum vitae fuit, vixit. Neque vero id imperite fecit; nam quod ceteri reges imperio potuerunt, hic benevolentia tenuit."
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
qui trovi la traduzione:
http://www.****/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!20!timoleon/01.lat
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Cioè questa in pratica:

TIMOLEON Corinthius. Sine dubio magnus omnium iudicio hic vir exstitit. Namque huic uni contigit, quod nescio an nulli, ut et patriam, in qua erat natus, oppressam a tyranno liberaret et a Syracusanis, quibus auxilio erat missus, iam inveteratam servitutem depelleret totamque Siciliam multos annos bello vexatam a barbarisque oppressam suo adventu in pristinum restitueret. 2 Sed in his rebus non simplici fortuna conflictatus est et, id quod difficilius putatur, multo sapientius tulit secundam quam adversam fortunam. 3 Nam cum frater eius Timophanes, dux a Corinthiis delectus, tyrannidem per milites mercennarios occupasset particepsque regni posset esse, tantum afuit a societate sceleris, ut antetulerit civium suorum libertatem fratris saluti et parere legibus quam imperare patriae satius duxerit. 4 Hac mente per haruspicem communemque affinem, cui soror ex eisdem parentibus nata nupta erat, fratrem tyrannum interficiundum curavit. Ipse non modo manus non attulit, sed ne aspicere quidem fraternum sanguinem voluit. Nam dam res conficeretur, procul in praesidio fuit, ne quis satelles posset succurrere. 5 Hoc praeclarissimum eius factum non pari modo probatum est ab omnibus. Nonnulli enim laesam ab eo pietatem putabat et invidia laudem virtutis obterebant. Mater vero post id factum neque domum ad se filium admisit neque aspexit, quin eum fratricidam impiumque detestans compellaret. 6 Quibus rebus ille adeo est commotus, ut nonnumquam vitae finem facere voluerit atque ex ingratorum hominum conspectu morte decedere
Timoleonte corinzio. Senza dubbio questo uomo fu grande a giudizio di tutti. Infatti a costui solo toccò, cosa che non so se a nessun altro, sia di liberare la patria, in cui era nato, oppressa dal tiranno, sia di allontanare dai Siracusani, in aiuto ai quali era stato mandato, una schiavitù ormai inveterata e restituire all’antico, col suo arrivo, tutta la Sicilia straziata dalla guerra per molti anni e oppressa dai barbari.
Ma in queste cose lottò con una sorte non semplice e, cosa che si pensa piuttosto difficile, sopportò molto più saggiamente la prospera che l’avversa sorte. Infatti poiché suo fratello Timofane, scelto come comandante dai Corinzi, aveva occupato la tirannide per mezzo di soldati mercenari e poteva essere partecipe del regno, fu tanto lontano dall’alleanza del delitto, che preferì la libertà dei suoi concittadini alla salvezza del fratello e ritenne meglio obbedire alle leggi che comandare alla patria. Con questa mentalità fece uccidere il fratello tiranno per mezzo di un aruspice e un parente comune, cui era stata sposata la sorella nata dagli stessi genitori.
Egli non solo non mise le mani, ma neppure volle vedere il sangue fraterno. Infatti mentre si concludeva la cosa, stette lontano nella guarnigione, perché nessuna sentinella potesse portare aiuto. Questo suo gesto mobilissimo non fu approvato allo stesso modo da tutti. Alcuni infatti pensavano che fosse stata violata ad lui la pietà e per invidia svilivano l’elogio del coraggio. La madre però dopo tale fatto né ammise il figlio alla sua presenza né lo incontrò senza chiamarlo fratricida ed empio, maledicendolo.
Da tali cose egli fu talmente turbato da voler finalmente metter fine alla vita ed allontanarsi con la morte dal cospetto di uomini ingrati.
stefysky
stefysky - Erectus - 120 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie mille a tutti e due per le risposte...siete stati grandi!!:love
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Perfetto!

Chiudo il thread, alla prossima :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 281 Punti

Comm. Leader
sbardy

sbardy Admin 22784 Punti

VIP
Registrati via email