• Latino
  • Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, Liber II 60

Mystikal
Mystikal - Erectus - 52 Punti
Rispondi Cita Salva
Salve ragazzi, mi servirebbe questa versione entro stasera (anche tardi va bene). Come ho detto nel titolo è un pezzo del Liber II, Naturalis Historia di Plinio il Vecchio. Grazie mille in anticipo

[...] Arcus vocamus extra miraculum frequentes et extra ostentum. nam ne pluvios quidem aut serenos dies cum fide portendunt. manifestum est radium solis inmissum cavae nubi repulsa acie in solem refringi, colorumque varietatem mixtura nubium, ignium, aëris fieri. certe nisi sole adverso non fiunt nec umquam nisi dimidia circuli forma nec noctu, quamvis Aristoteles prodat aliquando visum, quod tamen fatetur idem non nisi XXX luna posse fier.

150 fiunt autem hieme maxime ab aequinoctio autumnali die decrescente. quo rursus crescente ab aequinoctio verno non exsistunt, nec circa solstitium longissimis diebus, bruma vero [id est brevissimis] frequenter, iidem sublimes humili sole humilesque sublimi, et minores oriente aut occidente, sed in latitudinem dimissi, meridie exiles, verum ambitus maioris. aestate autem per meridiem non cernuntur, post autumni aequinoctium quacumque hora, nec umquam plures simul quam duo.
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
Arcus vocamus extra miraculum frequentes et extra ostentum. nam ne pluvios quidem aut serenos dies cum fide portendunt. manifestum est radium solis inmissum cavae nubi repulsa acie in solem refringi, colorumque varietatem mixtura nubium, ignium, aëris fieri. certe nisi sole adverso non fiunt nec umquam nisi dimidia circuli forma nec noctu, quamvis Aristoteles prodat aliquando visum, quod tamen fatetur idem non nisi XXX luna posse fier.

chiamiamo arcobaleni fenomeni frequenti che non sono ( extra) miracolo e non sono ( extra) indicativi del futuro. Infatti, non presagiscono con sicurezza neppure le piogge o i giorni di sereno. E' evidente che il raggio di sole, penetrato nella nube che lo accoglie, respinta la sua punta, si rifrange di nuovo verso il sole, ed è originata una varietà di colori dalla mescolanza di nubi,fuoco e aria. Certamente non si formano se non col sole in posizione opposta e mai se non in forma di semicerchio e mai di notte, benchè Aristotele affermi che qualche volte è stato visto, cosa che ammette tuttavia non possa accadere se non ogni trecento lunazioni.

ciao Mystikal :hi
Mystikal
Mystikal - Erectus - 52 Punti
Rispondi Cita Salva
silmagister: Arcus vocamus extra miraculum frequentes et extra ostentum. nam ne pluvios quidem aut serenos dies cum fide portendunt. manifestum est radium solis inmissum cavae nubi repulsa acie in solem refringi, colorumque varietatem mixtura nubium, ignium, aëris fieri. certe nisi sole adverso non fiunt nec umquam nisi dimidia circuli forma nec noctu, quamvis Aristoteles prodat aliquando visum, quod tamen fatetur idem non nisi XXX luna posse fier.

chiamiamo arcobaleni fenomeni frequenti che non sono ( extra) miracolo e non sono ( extra) indicativi del futuro. Infatti, non presagiscono con sicurezza neppure le piogge o i giorni di sereno. E' evidente che il raggio di sole, penetrato nella nube che lo accoglie, respinta la sua punta, si rifrange di nuovo verso il sole, ed è originata una varietà di colori dalla mescolanza di nubi,fuoco e aria. Certamente non si formano se non col sole in posizione opposta e mai se non in forma di semicerchio e mai di notte, benchè Aristotele affermi che qualche volte è stato visto, cosa che ammette tuttavia non possa accadere se non ogni trecento lunazioni.

ciao Mystikal :hi

Manca il secondo pezzo ma grazie comunque! Sei grande! Se puoi procurarmelo te ne sarò infinitamente grato
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Registrati via email