• Latino
  • per favore mi serve un aiutino per questa versione di latino...

    closed post
jeppika
jeppika - Sapiens Sapiens - 817 Punti
Rispondi Cita Salva
LA CONQUISTA DI FIDéNE
Romani, quia Fidenates foedera ruperant atque legatos infanda caede necaverant, perfidos socios punire statuerunt. ..........
Milites, dictatoris verbis confirmati ( rinfrancati), proelium renovaverunt et fortiter repugnantes faces a civium manibus eripuerunt ac urbem incenderunt.
P.S vi rego è molto urgente... grazie mille baci!!!
dj142
dj142 - Genius - 12048 Punti
Rispondi Cita Salva
presa da yahoo:
Romani, quia Fidenates foedera ruperant atque eorum legatos infanda caede necaverant perfidos socios punire statuërunt. Statim Mamercum Aemilium dictatorem creaverunt, qui exercitum comparavit, in Fidenatium fines contendit et cum iis proelium commisit. Iam Romanorum legiones, acriter pugnantes, hostium copias fugaverant, cum repente ex oppido Fidenis erüpit multitudo civium faces ardentes in manibus ferentium. qui in Romanorum milites impetum fecerunt. Inusitati proelii genus Romanos parumper exterruit sed dictator, eorum trepidationem videns, militibus Laborantibus subsidio accurrit et magna voce exclamavit: “Romani, cur inermium civium ignes timêtis? Faces ab iis eripite atque, virtutis Romanae memores, flammas in hostium urbem vertite Fidenasque incendiate!”. Milites, dictatoris verbis confirmati (= rinfrancati),proelium renovavërunt et fortiter repugnantes faces e manibus civium eripuerunt ac urbem incenderunt.

I Romani, poiché gli abitanti di Fidene erano venuti meno ai patti e con una esecranda strage avevano ucciso i loro ambasciatori, decisero di punire i perfidi alleati. Elessero subito dittatore Mamerco Emilio che arruolò un esercito, si diresse verso il territorio dei Fidenati e venne a combattimento con essi. Ormai le legioni romane, combattendo vigorosamente, avevano volto in fuga le truppe nemiche, quando all'improvviso dalla città di Fidene fece una sortita una moltitudine di cittadini che portavano nelle mani torce accese, che si slanciarono contro i soldati romani. Per un po' quel genere di combattimento diverso dal consueto spaventò i Romani, ma il dittatore vedendo i suoi trepidanti, accorse in aiuto dei soldati che si trovavano in difficoltà ed a gran voce esclamò: "Romani, perché temete i fuochi di cittadini inermi? Strappate loro le torce e, memori del valore romano, rivolgete contro la città nemica le fiamme ed incendiate (in latino INCENDITE) Fidene!" Rinfrancati dalle parole del dittatore i soldati ripresero il combattimento e con lotta accanita strapparono dalle mani dei cittadini le fiaccole ed incendiarono Fidene.
jeppika
jeppika - Sapiens Sapiens - 817 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie mille non so propio come ringrazierti...bacioni
dj142
dj142 - Genius - 12048 Punti
Rispondi Cita Salva
di niente figuarati buona Pasqua ;)
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

nemo0772

nemo0772 Blogger 57 Punti

VIP
Registrati via email