• Latino
  • PER FAVORE .ho da fare questa versione x domani potete aiutarmi?

heroes
heroes - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
porsenna, rex Etruscorum, cum tarquinios in urbem restituere temptaret et primo impetu ianiculum cepisset, horatius Cocles - illo cognomine, quod in alio proelio oculum amiserat-pro ponte Sublicio stetit et aciem hostium solus sustinuit, donec pons a tergo interrumperetur, cum quo in Tiberim decidit et armatus ad suos transnavit.
Ob hoc ei tantum agri publice datum, quantum uno die ambire <vomere> potuisset. Statua quoque ei in Vulcanali posita.
Cum Porsenna rex urbem obsideret, Mucius Cordus, vir Romanae constantiae, senatum adiit et veniam transfugiendi petiit necem regis repromittens. Accepta potestate in castra Porsemiae venit ibique purpuratum pro rege deceptus occidit. Apprehensus et ad regem pertractus dextram aris imposuit, hoc supplicii a rea exigens, quod in caede peccasset. Unde cum misericordia regis abstraheretur, quasi beneficium referens ait trecentos adversus eum similes coniurasse. Qua re ille territus bellum acceptis obsidibus deposuit.

Dal [de viris illustribus]
giu92d
giu92d - Genius - 7167 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco a Te:

porsenna, rex Etruscorum, cum tarquinios in urbem restituere temptaret et primo impetu ianiculum cepisset, horatius Cocles - illo cognomine, quod in alio proelio oculum amiserat-pro ponte Sublicio stetit et aciem hostium solus sustinuit, donec pons a tergo interrumperetur, cum quo in Tiberim decidit et armatus ad suos transnavit.
Ob hoc ei tantum agri publice datum, quantum uno die ambire <vomere> potuisset. Statua quoque ei in Vulcanali posita.
Cum Porsenna rex urbem obsideret, Mucius Cordus, vir Romanae constantiae, senatum adiit et veniam transfugiendi petiit necem regis repromittens. Accepta potestate in castra Porsemiae venit ibique purpuratum pro rege deceptus occidit. Apprehensus et ad regem pertractus dextram aris imposuit, hoc supplicii a rea exigens, quod in caede peccasset. Unde cum misericordia regis abstraheretur, quasi beneficium referens ait trecentos adversus eum similes coniurasse. Qua re ille territus bellum acceptis obsidibus deposuit.


Porsenna, re degli Etruschi, cerca di ristabilire i Tarquini a Roma; già, al primo colpo, aveva preso il Gianicolo; allora Orazio Cocle (soprannominato così, perché aveva perso un occhio in un altro combattimento) se tiene al capo del ponte di legno, dove da solo ferma gli sforzi di tutta l'armata nemica, fino a che il ponte non è tagliato dietro a lui ; cade quindi con il ponte nel Tevere, e tutto armato, raggiunge i suoi a nuoto. In ricompensa di questa azione, la repubblica gli donò tutto il terreno rinchiuso nel cerchio che il vomere di un aratro poteva tracciare in un giorno. In più, gli fu eretta una statua nel Vulcanale.
Il re Porsenna assediò Roma; Muzio Cordo, uomo di una fermezza veramente notevole, si reca al senato, e chiede la facoltà di passare al nemico; promette infatti di uccidere il re. Il permesso concesso, arriva al campo di Porsenna dove, di sorpresa, uccide, al posto del principe, un funzionario vestito di porpora. afferrato e trascinato davanti al re, Muzio mette la sua mano destra sul braciere di un altare, per punirlo, con questo genere di supplizio, del suo errore nella scelta della vittima. Toccato dalla compassione, Porsenna lo fa staccare dall’ altare; allora, come per riconoscenza, Muzio gli dice che tre cento Romani come lui hanno giurato la sua morte. Spaventato da queste parole, Porsenna riceve degli ostaggi, e depone le armi.


Ciao heroes
:hi
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email