• Latino
  • per favore entro stasera. VERSIONE!

__great__sam
__great__sam - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
buongiorno:hi scusate il disturbo. mi servirebbe la traduzione della versione seguente entro questa sera:

titolo:Alessandro conquista il dominio dell'Asia

versione: Post haec proelium committitur. Macedones in ferrum cum contemptu totiens a se victi hostis ruebant: contra Persae mori quam vinci praeoptabant.Raro ullo proelio tantum sanguinis fusum est. Darius, cum vinci suos videret, mori et ipse voluit, sed a proximis fugere compulsus est. Suadentibus deinde quibusdam ut pons Cydni fluminis, ad iter hostium inpediendum intercideretur,non ita se saluti suae velle consultum ait, ut tot milia sociorum hosti obiciat. Alexander autem periculosissima quaeque adgrediebatur, et ubi confertissimos hostes acerrime pugnare conspexisset, eo se semper immergebat periculaque sua esse, non militis volebat. Hoc proelio Asiae imperium rapuit, cuius tanta felicitas fuit, ut post hoc nemo rebellare ausus sit patienterque Persae post imperium tot annorum iugum servitutis acceperint. Expugnat et Persepolim, caput Persici regni, urbem multis annis inlustrem refertamque orbis terrarum spoliis, quae interitu eius primum apparuere. Interea Dareus, in gratiam victoris, a cognatis suis aureis conpedibus catenisque in quodam Parthorum vico vincitur.

per favore aiutatemi!:thx:thx
Moon96
Moon96 - Genius - 18754 Punti
Rispondi Cita Salva
In seguito fu attaccata battaglia. I Macedoni correvano alle armi con il disprezzo per il nemico da loro tante volte vinto: viceversa i Persiani preferivano morire piuttosto che essere vinti. Raramente in una battaglia fu versato tanto sangue. Dario, vedendo che i suoi venivano sconfitti, anche lui stesso volle morire, ma fu obbligato a fuggire da coloro che gli erano più vicini. Disse ad alcuni che consigliavano di tagliare il ponte sul fiume Cidno per impedire la marcia dei nemici che non voleva provvedere alla sua salvezza in modo da esporre tante migliaia di alleati al nemico. Alessandro invece intraprendeva tutte le cose più pericolose, ogni volta che vedeva i nemici serratissimi combattere assai accanitamente sempre vi si gettava e pretendeva che i pericoli fossero suoi e non dei soldati. Con questa battaglia conquistò il dominio dell'Asia; il successo di questo fu tanto che dopo questo nessuno osò insorgere e con rassegnazione i Persiani dopo un dominio di tanti anni accettarono il giogo della schiavitù. Espugnò anche Persepoli, capitale dell'impero persiano, città per molti anni illustre e ricca di bottini di tutto il mondo che vennero alla luce per la prima volta con la sua distruzione.

Spero di esserti stata d'aiuto, un bacio,

Doll
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
Post haec proelium committitur. Macedones in ferrum cum contemptu totiens a se victi hostis ruebant: contra Persae mori quam vinci praeoptabant.Raro ullo proelio tantum sanguinis fusum est. Darius, cum vinci suos videret, mori et ipse voluit, sed a proximis fugere compulsus est. Suadentibus deinde quibusdam ut pons Cydni fluminis, ad iter hostium inpediendum intercideretur,non ita se saluti suae velle consultum ait, ut tot milia sociorum hosti obiciat. Alexander autem periculosissima quaeque adgrediebatur, et ubi confertissimos hostes acerrime pugnare conspexisset, eo se semper immergebat periculaque sua esse, non militis volebat. Hoc proelio Asiae imperium rapuit, cuius tanta felicitas fuit, ut post hoc nemo rebellare ausus sit patienterque Persae post imperium tot annorum iugum servitutis acceperint. Expugnat et Persepolim, caput Persici regni, urbem multis annis inlustrem refertamque orbis terrarum spoliis, quae interitu eius primum apparuere. Interea Dareus, in gratiam victoris, a cognatis suis aureis conpedibus catenisque in quodam Parthorum vico vincitur.

Dopo questi fatti venne attaccata battaglia. I Macedoni si precipitavano alle armi con il disprezzo del nemico più volte da loro vinto : al contrario i Persiani preferivano morire che essere sconfitti
Raramente in una battaglia fu versato tanto sangue. Dario, vedendo che i suoi venivano sconfitti, anche lui stesso volle morire, ma fu spinto a fuggire da coloro che gli erano più vicini. E ad alcuni che lo cercavano di convincere a che il ponte sul fiume Cidno fosse distrutto per impedire la marcia dei nemici, disse che non voleva che si provvedesse alla sua salvezza in modo da esporre tante migliaia di alleati al nemico. Alessandro invece intraprendeva tutte le azioni più pericolose,e tutte le volte che vedeva i nemici serratissimi combattere assai accanitamente, sempre vi si gettava e pretendeva che i pericoli fossero suoi e non dei soldati. conquistò il dominio dell'Asia con questa battaglia, il cui successo fu tanto grande che dopo questo avvenimento nessuno osò insorgere e con rassegnazione i Persiani dopo un dominio di tanti anni accettarono il giogo della schiavitù. Espugnò anche Persepoli, capitale dell'impero persiano, città per molti anni illustre e ricca di bottini di tutto il mondo che vennero alla luce per la prima volta con la sua distruzione. Nel frattempo Dario venne legato , a riconoscenza del vincitore, dai suoi parenti con ceppi e catene d'oro in un villaggio dei Parti.


ciao __great__sam :hi
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Pinchbeck

Pinchbeck Moderatore 2665 Punti

VIP
Registrati via email