• Latino
  • per favore aiutatemi....ve ne sarò davvero grata:)

foffy
foffy - Genius - 12274 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao ragazzi ho molte versioni...e alcune le ho fatte xò non riesco a farle tutte....volevo kiedervi se mi potevate aiutare a farne 2....
la prima non ha autore si chiama "nettuno e minerva" ed è:
neptunus, saturni filius, deus antiquus est atque olim non solum aquarum, sed etiam terrae totius dominus erat. mox autem terras relinquit quia saturnus pater e caelo ab iove filio expellitur: nunc et rivi et fluvii et pelagus vastum neptuni templum sunt. neptuno multa et amoena domicilia in pelagi insulis sunt: euboeae cum nymphis saepe restat, cyprum ad minervam, delum ad phoebus saepe venit. graeci viri pelagus incerta fortuna percurrunt, quod pios atque peritos deus mira benevolentia adiuvat atque ad oras integros ducit, improbos autem saeva ira infestis ventis atque procellis punit. unius terrae imperium deo adhuc est: paeninsula attica. at minervam quoque probi atticae incolae colunt neque dea tutelam athenarum oppidi et sacrificia incolarum amittere vult, quia vulgus philosophiae studio deditum sapientiae deae gratum est. controversia surgit, dona mira a dis praebentur: solum a neptuno fuscina icitur et aquae marinae puteum in medio oppido exsurgit ; apud puteum autem olea seritur a dea. minerva dono suo pulchro atque vulgo grato proelium vincit. in consilio declaratur: " populus athenarum minervae sacer esto". sic in aeterno erit: terra attica oppidumque a dea defendentur et athenae magnae atque clarae inter graeciae oppida semper erunt.


ecco la prima...
la seconda è di Cesare e si chiama "due fratelli valorosi"
inizia con "hostes,ubi primum nostros equites" e finisce cn "hostes acriter pugnans confoditur"

se potete rispondetemi grazie:)
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Per la seconda versione ho trovato questo, spero ti possa esser d'aiuto...;)

At hostes, ubi primum nostros equites conspexerunt, quorum erat V milium numerus, cum ipsi non amplius DCCC equites haberent, quod ii qui frumentandi causa erant trans Mosam profecti nondum redierant, nihil timentibus nostris, quod legati eorum paulo ante a Caesare discesserant atque is dies indutiis erat ab his petitus, impetu facto celeriter nostros perturbaverunt; rursus his resistentibus consuetudine sua ad pedes desiluerunt subfossis equis compluribus nostris deiectis reliquos in fugam coniecerunt atque ita perterritos egerunt ut non prius fuga desisterent quam in conspectum agminis nostri venissent. In eo proelio ex equitibus nostris interficiuntur IIII et LXX, in his vir fortissimus Piso Aquitanus, amplissimo genere natus, cuius avus in civitate sua regnum obtinuerat amicus a senatu nostro appellatus. Hic cum fratri intercluso ab hostibus auxilium ferret, illum ex periculo eripuit, ipse equo vulnerato deiectus, quoad potuit, fortissime restitit; cum circumventus multis vulneribus acceptis cecidisset atque id frater, qui iam proelio excesserat, procul animadvertisset, incitato equo se hostibus obtulit atque interfectus est.

Ma i nemici, non appena videro la nostra cavalleria - benché contasse circa cinquemila unità, mentre essi non erano più di ottocento, non essendo ancora rientrati i cavalieri che avevano varcato la Mosa in cerca di grano - si lanciarono all'attacco e scompaginarono in breve tempo i nostri, che non nutrivano alcun timore, in quanto l'ambasceria dei Germani aveva appena lasciato Cesare chiedendo, per quel giorno, tregua. Quando i nostri riuscirono a opporre resistenza, gli avversari, secondo la loro tecnica abituale, balzarono a terra e, ferendo al ventre i cavalli, disarcionarono molti dei nostri e costrinsero alla fuga i superstiti, premendoli e terrorizzandoli al punto che non cessarono la ritirata se non quando furono in vista del nostro esercito in marcia. Nello scontro perdono la vita settantaquattro nostri cavalieri, tra cui l'aquitano Pisone, uomo di grandissimo valore e di alto lignaggio: un suo avo aveva tenuto la suprema autorità tra la sua gente e ricevuto dal senato di Roma il titolo di amico. Pisone, accorso in aiuto del fratello circondato dai nemici, era riuscito a liberarlo; disarcionato - il suo cavallo era stato colpito - resistette con estremo valore finché ebbe forza: poi, circondato da molti avversari, cadde. Il fratello, che aveva già lasciato la mischia, lo vide da lontano: sferzato il cavallo, si gettò sui nemici e rimase ucciso.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

andrea1085

andrea1085 Blogger 418 Punti

VIP
Registrati via email