orrfeos
orrfeos - Genius - 14616 Punti
Rispondi Cita Salva
Un lupo e un agnello, spinti dalla sete, vanno allo stesso ruscello.
Il lupo sta più in alto e, un po' più lontano, in basso, l'agnello.
Allora il malvagio, incitato dalla gola insaziabile, cerca una causa di litigio.
"Perché - dice - mi hai fatto diventare torbida l'acqua che sto bevendo?
E l'agnello, tremando:
"Come posso - dice - fare quello che lamenti, lupo? L'acqua scorre da te alle mie sorsate!"
Quello, respinto dalla forza della verità:
"Sei mesi fa - aggiunge - hai parlato male di me!"
Risponde l'agnello:
"Ma veramente… non ero ancora nato!"
"Per Ercole! Tuo padre - dice - ha parlato male di me!"
E così, lo afferra e lo uccide dandogli una morte ingiusta.
Questa favola è scritta per quegli uomini che opprimono gli innocenti con falsi pretesti.
Lupus et agnus---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ad rivum eundem lupus et agnus venerant, siti compulsi.
Superior stabat lupus, longeque inferior agnus.
Tunc fauce improba latro incitatus iurgii causam intulit:
"Cur - inquit - turbulentam fecisti mihi aquam bibenti?"
Laniger contra timens :
"Qui possum - quaeso - facere quod quereris, lupe? A te decurrit ad meos haustus liquor."
Repulsus ille veritatis viribus:
"Ante hos sex menses male - ait - dixisti mihi".
Respondit agnus:
"Equidem natus non eram!"
"Pater, hercle, tuus - ille inquit - male dixit mihi!"
Atque ita correptum lacerat iniusta
nece.
Haec propter illos scripta est homines fabula qui fictis causis innocentes opprimunt.
Questa narrazione è testimone che spesso le cose che hai disprezzato si scoprono più utili di quelle lodate. Un cervo, avendo bevuto, si fermò presso la fonte e vide nell’acqua la sua immagine. Qui mentre ammirandole lodava le corna ramose e disprezzava la troppa magrezza delle zampe, atterrito improvvisamente dalle voci dei cacciatori, cominciò a fuggire per la campagna e con la corsa leggera eluse i cani. La selva poi lo accolse selvaggio; ma in questa, bloccato dalle corna trattenute cominciò ad essere sbranato dai crudeli morsi dei cani. Allora si dice che morendo abbia espresso questa frase: ”O me infelice, che ora finalmente capisco, quanto mi siano state utili le cose che avevo disprezzato, e, quelle che avevo lodato, quanto (di )lutto abbiano recato.


ho dovuto aprire un nuovo tread perchè non mi rispondevi, anche sollecitato con pm!!
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Ma a chi stai a dì?
orrfeos
orrfeos - Genius - 14616 Punti
Rispondi Cita Salva
a uno che aveva chiesto due verione e gli ho chiesto lìautore,,poi l'ho trovate anche senza ma lui non rispondendomi mi ha costretto ad aprire un'altro tread perchè c'è la protezione!!!capito,,,??
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Si si, capito!! Credevo ti servisse a te!! ahah
orrfeos
orrfeos - Genius - 14616 Punti
Rispondi Cita Salva
cmq non si vede bene ma fra:

,,,Atque ita correptum lacerat iniusta
nece.Haec propter illos scripta est homines fabula qui fictis causis innocentes opprimunt.

ci vorrebbe uno spazio perchè quella che segue è l'altra versione i cui non t'ho messo il testo latino

Questa narrazione è testimone che spesso le cose che hai disprezzato si scoprono più utili ,,,
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
tiscali

tiscali Tutor 22610 Punti

VIP
Registrati via email