nicky995
nicky995 - Erectus - 52 Punti
Rispondi Cita Salva
Orpheus poeta lyrae sono etiam beluas molliebat, etiam saxa movebat. Eurydicam nympham in matrimonio habebat et cum ea beatam vitam agebat. Sed Eurydicam olim vipera necavit et vir maestitia perditus in vitam eam revocare temptavit. Tum de terra in inferos descendit, per vias obscuras et loca praerupta ad solium Proserpinae, mortuorum mundi reginae, pervenit et ante eam lyra suaviter cecinit. Tandem Orpheus musica animum Proserpinae movit et dea poetae vota exaudivit eique dixit: "Duc tecum ab inferis Eurydicam, sed numquam in via oculos ad feminam verte. Si meis verbis non obtemperaveris, ad inferorum umbras ea remeabit". Orpheus gaudio exsultavit sed postea vehementer suam sponsam videre cupivit: ita anxius se vertit et Eurydicam incaute spectavit. Statim inferorum regina eam revocavit et miser Orpheus Eurydicam in aeternum amisit.

Vorrei la traduzione
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
per favore...no ?
giu92d
giu92d - Genius - 7167 Punti
Rispondi Cita Salva
Ricordiamoci sempre di essere almeno gentili nel chiedere un aiuto,
NULLA ci è dovuto, vi aiutiamo gratuitamente ma chiediamo un minimo di cortesia.

eccoti la traduzione, per questa volta...

Orpheus poeta lyrae sono etiam beluas molliebat, etiam saxa movebat. Eurydicam nympham in matrimonio habebat et cum ea beatam vitam agebat. Sed Eurydicam olim vipera necavit et vir maestitia perditus in vitam eam revocare temptavit. Tum de terra in inferos descendit, per vias obscuras et loca praerupta ad solium Proserpinae, mortuorum mundi reginae, pervenit et ante eam lyra suaviter cecinit. Tandem Orpheus musica animum Proserpinae movit et dea poetae vota exaudivit eique dixit: "Duc tecum ab inferis Eurydicam, sed numquam in via oculos ad feminam verte. Si meis verbis non obtemperaveris, ad inferorum umbras ea remeabit". Orpheus gaudio exsultavit sed postea vehementer suam sponsam videre cupivit: ita anxius se vertit et Eurydicam incaute spectavit. Statim inferorum regina eam revocavit et miser Orpheus Eurydicam in aeternum amisit.

Il poeta Orfeo con il suono della lira ammansiva anche le belve, commuoveva addirittura i sassi.
Amava in sposa la ninfa Euridice, e con essa conduceva una vita felice.
Ma un giorno una vipera uccise Euridice e l'uomo, distrutto per la tristezza, tentò di riportarla in vita.
Allora scese dalla terra agli Inferi, per percorsi bui e luoghi scoscesi giunse al trono di Proserpina,regina del regno dei morti e davanti a lei suonò dolcemente la cetra.
Infine Orfeo con la (sua) musica commosse l'animo di Proserpina e la dea esaudì le preghiere del poeta e gli disse: "Conduci con te dagli Inferi Euridice, ma non voltare mai gli occhi verso la donna durante il cammino" Se non obbedirai alle mie parole, lei tornerà tra le anime degli Inferi".
Orfeo esultò per la gioia ma poi desiderò ardentemente vedere la propria sposa: pertanto ansioso si voltò verso Euridice e incautamente (la)guardò.
Subito la regina degli Inferi la richiamò e il povero Orfeo perse Euridice per sempre.


:hi
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email