• Latino
  • mi serve la traduzione di questa versione

morPhine
morPhine - Genius - 3866 Punti
Rispondi Cita Salva
cum antigonus eumenem captum in custodiam dedisset et praefectus custodum quaesivisset quemadmodum eum servare deberet:"ut acerrimum leonem_iniquit-et ferocissimum elephantum". nondum enim statuerat utrum eum conservaret an interimeret. veniebant autem ad eumenem multa genera hominum: alii propter odium vetus ex eius casu voluptatem capere volebant: alii propter veterem amicitiam colloqui consolarique eum cupiebant; multi etiam cognoscere studebant qualis esset ille homo, quem magnopere timuerant, quem vultum haberet, quantae fortitudinis speciem in aspectu praeberet. at eumenes, cum diutius in vinculis esset, ait onomarcho, qui eius custodiae praeerat:"magnopere miror cur iam tertium diem(gia da 3 giorni) vinctus in custodia detinear nec victor statuat utrum interficiar an liberet". cui respondit onomarchus:"iniuria(a torto) quereris. si tam ferox(fiero) animo eras, cur non in porelio mortem oppetivisti ne in potestatem victoris venires?"
non è disponibile su internet
aiutooooooooo
alessandroass
alessandroass - Genius - 4438 Punti
Rispondi Cita Salva
Non so se ti servono ancora, ma nel caso servono a qualcun'altro le posto

Cum Antigonus Eumenem captum in custodiam dedisset, et praefectus custodum quaesisset quem ad modum servari vellet: "Ut acerrimun - inquit -leonem aut ferocissimum elephantum"; nondum enim Antigonus statuerat, conservaret eum necne. Veniebat enim ad Eumenem utrumque genus hominum, et qui propter odium fructum oculis ex eius casu capere vellent, et qui propter veterem amicitiam colloqui consolarique cuperent. At Eumenes, cum diutius in vinclis esset, ait Onomarcho, penes quem summa imperii erat custodiae, se mirari quare iam tertium diem sic teneretur: non enim hoc convenire Antigoni prudentiae; quin aut interfici aut missum fieri iuberet. Hic cum ferocius Onomarcho loqui videretur: "Quid? tu - inquit - animo si isto eras, cur non in proelio cecidisti potius quam in potestatem inimici venires?".

Avendo Antigono assegnato in custodia Eumene fatto prigioniero, e avendo chiesto il comandante della guardia in che modo voleva si sorvegliasse, egli disse: "Come un fortissimo leone o un ferocissimo elefante"; Antigono infatti non aveva ancora stabilito se conservarlo in vita o no. Si presentavano infatti da Eumene entrambi i generi di uomini, e coloro che, a causa dell'odio, volevano procurare godimento agli occhi per la sua sventura, e coloro che, per un'antica amicizia, desideravano parlare e confortare.. Ma Eumene, stando troppo a lungo in prigione, disse a Onomarco, in possesso del quale era il comando supremo del corpo di guardia, di trovare strano come già al terzo giorno fosse tenuto in quel modo: che infatti ciò non conveniva alla prudenza di Antigono; che comandasse che fosse ucciso o che facesse un mandato. Sembrando ad Onomarco che questo parlasse con troppa arroganza egli disse "Cosa? Se tu eri di codesto animo perché non uccidesti in battaglia piuttosto che venire in potere del nemico?".
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
Cum Antigonus Eumenem captum in custodiam dedisset, et praefectus custodum quaesisset quem ad modum servari vellet: "Ut acerrimun - inquit -leonem aut ferocissimum elephantum"; nondum enim Antigonus statuerat, conservaret eum necne. Veniebat enim ad Eumenem utrumque genus hominum, et qui propter odium fructum oculis ex eius casu capere vellent, et qui propter veterem amicitiam colloqui consolarique cuperent. At Eumenes, cum diutius in vinclis esset, ait Onomarcho, penes quem summa imperii erat custodiae, se mirari quare iam tertium diem sic teneretur: non enim hoc convenire Antigoni prudentiae; quin aut interfici aut missum fieri iuberet. Hic cum ferocius Onomarcho loqui videretur: "Quid? tu - inquit - animo si isto eras, cur non in proelio cecidisti potius quam in potestatem inimici venires?".

Avendo Antigono assegnato in custodia Eumene fatto prigioniero, e avendo chiesto il comandante della guardia delle guardie in che modo voleva si sorvegliasse volesse essere custodito , egli disse: "Come un fortissimo leone o un ferocissimo elefante"; Antigono infatti non aveva ancora stabilito se conservarlo in vita o no. Si presentavano infatti da Eumene entrambe i generi di uomini le categorie di persone , sia coloro che, a causa dell'odio, volevano procurare trarre dalla sua sventura godimento per gli occhi , sia coloro che, per antica amicizia, desideravano parlare e confortare parlargli e confortarlo. Ma Eumene, stando troppo a lungo in prigione, disse a Onomarco, in possesso del quale era il comando supremo del corpo di guardia, di trovare strano meravigliarsi del motivo per cui già da tre giorni fosse tenuto in quel modo: che infatti ciò non conveniva si confaceva alla prudenza di Antigono; che comandasse che fosse ucciso o che facesse un mandato fosse liberato (missum fieri). Sembrando ad Onomarco che questo parlasse con troppa arroganza, egli disse "Cosa? Se tu eri di codesto animo dotato di questo coraggio, perché non uccidesti sei caduto in battaglia piuttosto che venire cadere in potere del nemico?".
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
eleo

eleo Moderatore 18253 Punti

VIP
Registrati via email