• Latino
  • Mi potete aiutare per piacere?

LuciaCrazy
LuciaCrazy - Erectus - 98 Punti
Rispondi Cita Salva
Salve a tutti per favore mi potreste aiutare con queste due versioni??

Titolo: L'amicizia
Autore: Cicerone
Libro: Superni Gradus Pag. 333 n° 66

Est amicitiz nihil aiud nisi omnium divinarum humanarumque rerum cum benivolentia et caritate consensio. Qua quidem haud scio an excepta sapientia nihil melius homini sit a dis immortalibus datum. Divitias alii praeponunt, bonam alii valitudinem, alii potentiam, alii honores, multi etiam voluptates. Beluarum hoc quidem extremum, illa autem superiora caduca et incerta, posita non tam in consiliis nostris quam in fortunae temeritate. Qui autem in virtute summum bonum ponunt, praeclare illi quidem, sed haec ipsa virtus amicitiam et gignit et continet, nec sine virtute amicita esse ullo pacto potest. Iam virtutem ex consuetudine vitae sermonisque nostri interpretemur nec eam, ut quidam docti, verborum magnificentia metiamur virosque bonos eos, qui habentur, numeremus, Paulos, Catones, Scipiones, Philos; his communis vita contenta est; eos autem omittamus qui omnino nusquam reperiuntur. Talis igitur inter viros amicitia tantas opportunitates habet, quantas vix queo dicere.

Titolo: Il culto di Cerere in Sicilia
Autore: Cicerone
Libro: Superni Gradus Pag. 332 n° 61

Mira quaedam tota sicilia privatim ac publice religio est Cereris Hennensis. Etenim multa saepe prodiga vim eius numenque declararunt; multis saepe in difficillimis rebus praesens auxilium aius oblatum est, ita ut haec insula ab illa dea non solum diligi, sed etiam incoli custodirique videatur. Non solum siculi, verum etiam ceterae gentes nationesque, Cererem Hennensem maxime colunt. Itaque apud patres nostros, atroci ac difficili rei publicae tempore, cum, Tiberio Gracco occiso, magnorum periculorum metus portenderetur, auditum est ad libros Sibyllinos, ex quibus inventum est Cererem antiquissimam placari oportere. Tum sacerdotes populi romani, cum esset in urbe nostra Cereris pulcherrimum et magnificentissimum templum, tamen usque ad Hennam profecti sunt. Tanta enim auctoritas et vetustas illius religionis fuit ut, cum illuc irent, non ad aedem Cereris, sed ad Cererem ipsam proficisci viderentur.
Jello Biafra
Jello Biafra - Genius - 8205 Punti
Rispondi Cita Salva
QUESTA E LA META DELLA PRIMA

Infatti l'amicizia non è niente altro che un accordo su tutte le cose divine e umane con benevolenza e affetto; non so di queste se, accettata la sapienza, nulla di migliore sia stato dato agli uomini dagli dei immortali. Alcuni antepongono le ricchezze, altri la buona salute, altri il potere, altri gli onori, molti altri anche i piaceri. Quest'ultimi sono propri delle bestie; le altre invece sono cose caduche ed incerte, poste non tanto nei nostri piani, quanto nella volubilità del caso. Quelli che pongono nella virtù il sommo bene, fanno benissimo, ma questa stessa virtù genera l'amicizia e la mantiene; senza virtù non può esserci in nessun modo l'amicizia.
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
Mira quaedam tota sicilia privatim ac publice religio est Cereris Hennensis. Etenim multa saepe prodiga vim eius numenque declararunt; multis saepe in difficillimis rebus praesens auxilium aius oblatum est, ita ut haec insula ab illa dea non solum diligi, sed etiam incoli custodirique videatur. Non solum siculi, verum etiam ceterae gentes nationesque, Cererem Hennensem maxime colunt. Itaque apud patres nostros, atroci ac difficili rei publicae tempore, cum, Tiberio Gracco occiso, magnorum periculorum metus portenderetur, auditum est ( forse è aditum est ? )ad libros Sibyllinos, ex quibus inventum est Cererem antiquissimam placari oportere. Tum sacerdotes populi romani, cum esset in urbe nostra Cereris pulcherrimum et magnificentissimum templum, tamen usque ad Hennam profecti sunt. Tanta enim auctoritas et vetustas illius religionis fuit ut, cum illuc irent, non ad aedem Cereris, sed ad Cererem ipsam proficisci viderentur.

E'in qualche modo straordinario sia in privato che in pubblico il culto di Cerere Ennense nell'intera Sicilia. In effetti più volte molti eventi prodigiosi hanno dimostrato la sua forza e il suo potere divino ( "numen" ) ; più volte è stato offerto il suo aiuto visibile ( evidente ) nelle situazioni più difficili, tanto che quest'isola sembra non solo essere amata , ma anche abitata e sorvegliata da quella dea. Non solo i Siculi, ma anche le altre razze e gli altri popoli, venerano in massimo grado la Cerere Ennense. Così in riferimento ai nostri padri, in un momento della repubblica duro e terribile, poichè, una volta ucciso Tiberio Gracco, si prospettava il timore di grandi pericoli, si andò a consultare i libri Sibillini, dai quali si scoprì che era necessario che l'antichissima Cerere venisse placata. Allora i sacerdoti del popolo Romano, benchè ci fosse (già) nella nostra città un bellissimo e sontuoso tempio di Cerere, tuttavia partirono alla volta di Enna. Fu ( meglio : era ) tanto grande il prestigio e l'età di quel culto religioso che, mentre andavano lì, sembrava che partissero non per il tempio di Cerere, ma per ( trovare ) Cerere stessa.

ciao LuciaCrazy :hi...fammi sapere se c'è qualcosa da chiarire
LuciaCrazy
LuciaCrazy - Erectus - 98 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie sil sei un tesoro! Jello scusa ma fin dove sei riuscito a tradurre???
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Pinchbeck

Pinchbeck Moderatore 2691 Punti

VIP
Registrati via email