• Latino
  • Mi potete aiutare nella traduzione di questa versione?

    closed post
gigione89
gigione89 - Erectus - 55 Punti
Rispondi Cita Salva
IL SENATO DICHIARA GUERRA A FILIPPO DI MACEDONIA

Anno quingentesimo quinquagesimo primo ab urbe condita, bellum cum rege Philippo initum est, paucis mensibus post pacem Carthaginiensibus datam. Primum eam rem P. Sulpicius consul ad senatum rettulit, qui decrevit ut consules maioribus hostiis rem divinam facerent; post hanc rem divinam ut de re publica deque provinciis senatum consulerent. Per eos dies et litterae ab M. Aurelio legato et M. Valerio Laevino propraetore adlatae sunt et Atheniensium nova legatio venit, quae regem adpropinquare finibus suis nuntiaret, brevique non agros modo, sed ipsam urbem in dicionem regis venturam esse. Litterae Valeri Aurelique lectae sunt et legati Atheniensium auditi. Senatus deinde consultum factum est ut sociis gratiae agerentur, quod ne obsidionis quidem metu decessissent fide. De auxilio mittendo placuit ut Philippo, Macedonum regi, indiceretur bellum.

Livio

Se potete entro martedì 8 o mercoledì 9
orrfeos
orrfeos - Genius - 14616 Punti
Rispondi Cita Salva
5. Anno quingentesimo quinquagesimo primo ab urbe condita, P. Sulpicio Galba C. Aurelio consulibus, bellum cum rege Philippo initum est, paucis mensibus post pacem Carthaginiensibus datam. omnium primum eam rem idibus Martiis, quo die tum consulatus inibatur, P. Sulpicius consul rettulit senatusque decrevit uti consules maioribus hostiis rem divinam facerent quibus diis ipsis videretur cum precatione ea, 'quod senatus populusque Romanus de re publica deque ineundo novo bello in animo haberet, ea res uti populo Romano sociisque ac nomini Latino bene ac feliciter eveniret'; secundum rem divinam precationemque ut de re publica deque provinciis senatum consulerent. per eos dies opportune inritandis ad bellum animis et litterae ab M. Aurelio legato et M. Valerio Laevino propraetore allatae et Atheniensium nova legatio venit quae regem adpropinquare finibus suis nuntiaret brevique non agros modo sed urbem etiam in dicione eius futuram nisi quid in Romanis auxilii foret. cum renuntiassent consules rem divinam rite peractam esse et precationi adnuisse deos haruspices respondere laetaque exta fuisse et prolationem finium victoriamque et triumphum portendi, tum litterae Valeri Aurelique lectae et legati Atheniensium auditi. senatus inde consultum factum est ut sociis gratiae agerentur quod diu sollicitati ne obsidionis quidem metu fide decessissent: de auxilio mittendo tum responderi placere cum consules provincias sortiti essent atque is consul cui Macedonia provincia evenisset ad populum tulisset ut Philippo regi Macedonum indiceretur bellum.

INIZIO DELLA GUERRA MACEDONICA. CERIMONIE RELIGIOSE
Nell'anno 550 della fondazione di Roma, pochi mesi dopo la pace concessa ai Cartaginesi, essendo consoli P. Sulpicio Galba e C. Aurelio, ebbe principio la guerra con il re Filippo. Per prima cosa, al 15 marzo, data nella quale allora i consoli entravano in carica, il console P. Sulpicio propose e il Senato decise che i consoli offrissero un sacrificio solenne a quelle divinità a cui loro paresse opportuno con questa formula: "La decisione che il Senato e il popolo romano stava per prendere riguardante la Repubblica e la nuova guerra a cui si dava principio riuscisse buona e utile al popolo romano, agli alleati, alla confederazione latina"; subito dopo il sacrificio e la supplica augurale, i consoli prendessero accordi con il Senato circa lo Stato e l'assegnazione delle province. Giunsero opportune a stimolare gli animi alla guerra lettere del legato M. Aurelio e del propretore M. Aurelio Levino e una nuova ambasceria degli Ateniesi la quale informava che il re si avvicinava ai loro confini e che ben presto non solo il territorio ma anche la città stessa sarebbero caduti in suo potere se i Romani non avessero portato qualche aiuto. Quando i consoli ebbero dichiarato che il sacrificio era stato debitamente compiuto; quando gli aruspici ebbero comunicato che la supplica era riuscita accetta agli dei, che l'esame delle viscere era favorevole e preannunciava allargamento di confini e vittoria e trionfo, allora fu data lettura delle lettere di Valerio e di Aurelio e fu data udienza ai legati degli Ateniesi. A conclusione fu decretato di ringraziare gli alleati che, quantunque insistentemente stimolati, non erano venuti meno alla fedeltà neppure sotto la minaccia di un assedio. Quanto all'invio di soccorsi, avrebbero avuto una risposta non appena si fosse fatto il sorteggio dei comandanti tra i consoli; quello a cui fosse toccata la Macedonia, avrebbe intimato guerra a Filippo, re della Macedonia.
gigione89
gigione89 - Erectus - 55 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie 1000
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

sbardy

sbardy Admin 22784 Punti

VIP
Registrati via email