campoforever
campoforever - Erectus - 51 Punti
Rispondi Cita Salva
Libro: Cotidie discere pag 268
Autore: Sconosciuto
Entro oggi alle 18.00
Si intitola: Menenio Agrippa
Il testo è il seguente:
Plebs Romana, cum patrum iniurias moleste ferret, urbem reliquit secessitque in Montem Sacrum, ubi castra posuit ac munivit. Cum igitur magna perturbatio in urb exstitisset, patres, ut plebis iras placrent, ad eam Menenium Agrippam miserunt, qui, vir magne eloquentiae et consilii plenus, populo valde carus erat. Fretud eum, cum ad plebem vensset, hanc fabulam narravisset:"Olim corporis artus, ventris desidiam aegre ferentes, coniuraverunt ne manus ad os cibum ferrent, neu os acceptum et tritum ventri praeberet. Sed cum artus nullum cibum ventri suppeditarent, mox ad extremam tabem pervenerunt: tum demum intellexerunt ventris opus haud inutle esse et cumeo in gratiam reverterunt. Sic patres et lebes concordia valent, discridia deficiunt". Hac fabula Menenius Agrippa plebem flexit induxitque ut in urbem remearet. Populus tamen creavit tribunus plebis, qui plebis iura defenderent.

INIZIO TRADUZIONE
La plebe romana, sopportando a malincuore le ingiurie dei patrizi, lasciò la città e si ritirò sul monte sacro, dove pose e fortificò l' accampamento. Essendosi verficato un grande tumulto nella città...

su altri sito tipo Splash oppure **** è sbagliata quindi se è possibile me la potete tradurre???
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
Plebs Romana, cum patrum iniurias moleste ferret, urbem reliquit secessitque in Montem Sacrum, ubi castra posuit ac munivit. Cum igitur magna perturbatio in urbe exstitisset, patres, ut plebis iras placrent, ad eam Menenium Agrippam miserunt, qui, vir magne eloquentiae et consilii plenus, populo valde carus erat. Fretud (ferunt ??) eum, cum ad plebem vensset, hanc fabulam narravisset:"Olim corporis artus, ventris desidiam aegre ferentes, coniuraverunt ne manus ad os cibum ferrent, neu os acceptum et tritum ventri praeberet. Sed cum artus nullum cibum ventri suppeditarent, mox ad extremam tabem pervenerunt: tum demum intellexerunt ventris opus haud inutle esse et cumeo in gratiam reverterunt. Sic patres et lebes concordia valent, discridia deficiunt". Hac fabula Menenius Agrippa plebem flexit induxitque ut in urbem remearet. Populus tamen creavit tribunos plebis, qui plebis iura defenderent.


La plebe romana, sopportando a malincuore le ingiurie dei patrizi, lasciò la città e si ritirò sul monte sacro, dove pose e fortificò l' accampamento. Essendosi verificato un grande tumulto nella città, i senatori, per placare l'ira della plebe, le inviarono Menenio Agrippa, il quale, uomo pieno (dotato) di grande eloquenza e saggezza, era molto caro al popolo. Raccontano che lui, giunto davanti alla plebe, avesse raccontato questa favoletta: «Un tempo le membra del corpo, mal sopportando l'inattività del ventre (stomaco), congiurarono perché le mani non portassero (più) cibo alla bocca né la bocca lo offrisse, accolto e triturato, allo stomaco. Ma mentre le membra non fornivano nessun cibo allo stomaco, ben presto giunsero ad un'estrema consunzione: allora finalmente capirono che la funzione dello stomaco non era inutile e si riconciliarono con lui. Così i senatori e la plebe stanno bene in concordia, vengono meno con la discordia». Con questa storiella Menenio Agrippa piegò la plebe e la indusse a tornare in città. Il popolo tuttavia creò i tribuni della plebe, perché difendessero i diritti della plebe.

ciao campoforever :hi
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
Suzy90

Suzy90 Moderatore 8656 Punti

VIP
Registrati via email