Patonumberseven
Patonumberseven - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao a tutti volevo sapere se c'era la disponibilità di qualcuno nel tradurmi queste ultime 3 versioni...ne ho fatto 17 in 3 giorni e mi mancano queste per finire i compiti di latino...qualcuno può
tutte e tre prese dal libro Tutor Discentium B

1) Camillo salva roma dai galli:Post viginti deinde annos Veientani rebellaverunt. Furius Camillus enim , dicatator creatus, contra eos missus est, qui primum eos vicit acie,mos copias suas urbi circumdedit et obsedit. Post eam cepit etiam Faliscos, non minus nobilem civitatem. Sed commota est ei invidia, quasi (come se) praedam male divisisset, damnatusque ob eam causam est et expulsus ex civitate . Statim Galli Senones in Latium venerunt et romanos vicerunt apud flumen Alliam, quod undecim milia passuum a Roma distat, et urbem occupaverunt. Nihil defendi potuit nisi Capitolium . Quod diu obsiderunt et,cum iam Romani fame laborarent,accepto auro ,recesserunt . Sed a Camillo, qui in vicina civitate exsulabat , Gallis superventum est, qui gravissime victi sunt. Postea eos consecutus est Camillus et aurum , quod eis datum erat, revocavit.

2) Modestia di grandi uomini: thrasybulus, lyci filius, atheniensis fuit. ei neminem ego praefero fide, constantia, magnitudine animi, in patriam amore. huic haec laus contigit : ut (che) patriam a triginta tyrannis oppressam e servitute in libertatem vindicaret.
ei pro tantis meritis a populo honoris causa corona donata est, facta ex virgulis oleaginis.haec, cum non vi sed amore civium expressa esset, nullam habuit( si attirò) invidiam magnaque fuit gloria. Bene ergo Pittacus ille, qui septem sapientum numero adnumeratus est, cum cives multa milia iugerum agri ei muneri daturi essent, "Nolite- inquit- mihi dare quod multis invidiae et cupidini sint. Quare mihi non amplius quam centum iugera tribuantur, quae omnibus meae animi aequitatis et vestrae voluntatis documento sint. Nam locupletibus muneribus multitudo semper invidet" . hoc suis civibus persuasit etiam trasybulus nec, Illa simplici corona donatus, quicquam alius sibi requisivit.

3)Il sacco di Persepoli: Alexander multas urbes refertas opulentia regia partim expugnaverat ,partim in fidem acceperat, sed urbis Persepolis divitiae vicere totam ceterarum praedam. in hanc totium Persidis opes congesserant barbari ; aurum argentumque cumulatum erat, vestium ingens copia, supellex non ad usum sed ad ostentationem luxus comparata. Itaque inter opsos victores ferro dimicabatur et pro hoste erat qui pretiosiorem occupaverat praedam. Lacerabant regia vestes, ad se quisque partem trahentes, dolabris pretiosae artis vasa caedebant ; nihil intactum erat , abrupta simulacrorum membra trahebant,ut(come) quisque avellerat. Neque avaritia solum,sed etiam crudelitas, in capta urbe grasata est: auro argentoque onusti, vilia captivorum corpora trucidabant . Multi ergo hostium manus voluntaria morte occupaverunt (pervennero) et , pretiosissima vestium induti, e muris semetipsos cum coniugibus ac liberis in praeceps iecerunt.

Questa risposta è stata cambiata da BIT5 (28-06-09 20:58, 7 anni 5 mesi 12 giorni )
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Queste sono due versioni molto simili alla tua già tradotte in passato:

Camillo salva Roma dai Galli

Post viginti deinde annos Veientani rebellaverunt. Dictator contra ipsos missus est Furius Camillus, qui primum eos vicit acie, mox etiam civitatem diu obsidens cepit, antiquissimam Italiaeque ditissimam. Post eam cepit et Faliscos, non minus nobilem civitatem. Sed commota est ei invidia, quasi praedam male divisisset, damnatusque ob eam causam et expulsus civitate. Statim Galli Senones ad urbem venerunt et victos Romanos undecimo miliario a Roma apud flumen Alliam secuti etiam urbem occupaverunt. Neque defendi quicquam nisi Capitolium potuit; quod cum diu obsedissent et iam Romani fame laborarent, accepto auro ne Capitolium obsiderent, recesserunt. Sed a Camillo, qui in vicina civitate exulabat, Gallis superventum est gravissimeque victi sunt. Postea tamen etiam secutus eos Camillus ita cecidit, ut et aurum, quod his datum fuerat, et omnia, quae ceperant, militaria signa revocaret.

Vent'anni più tardi i Veientani si ribellarono. Dittatore contro di loro fu mandato Furio Camillo, il quale dapprima li vinse in battaglia, poi, assediatala a lungo, prese anche la città, tra le più antiche e ricche d'Italia. Dopo quella prese anche Faleri, città non menofamosa. Ma gli fu provocata contro la malevolenza , quasichè avesse divisa male la preda, e per tal ragione fu condannato ed espulso dalla città. Tosto i Galli Senoni vennero contro Roma e, vinti i Romani a undici miglia dalla città presso il fiume Allia, inseguitili anche la occuparono. Nè alcun luogo si potè difendere fuorchè il Campidoglio; e avendolo a lungo assediato e ormai i Romani soffrendo la fame, ricevuto denaro perchè non lo assediassero, si ritirarono. Ma Camillo che esulava in una città vicina piombò sopra i Galli e toccarono una gravissima sconfitta. Poi anche però (ricevuto denaro perchè non assediassero il Campidoglio, si ritirarono, ma) Camillo inseguitili ne fece tal scempio, che recuperò e l'oro che era stato dato loro e tutte le insegne militari che avevano preso.
Modestia degli antichi Greci - Cornelio Nepote

Thrasybulo pro tantis meritis honoris corona a populo data est, facta duabus virgulis oleaginis: quam quod amor civium et non vis expresserat, nullam habuit invidiam magnaque fuit gloria. Bene ergo Pittacus ille, qui in VII sapientum numero est habitus, cum Mytilenaei multa milia iugerum agri ei muneri darent, `Nolite, oro vos, inquit id mihi dare, quod multi invideant, plures etiam concupiscant. Quare ex istis nolo amplius quam centum iugera, quae et meam animi aequitatem et vestram voluntatem indicent. Nam parva munera diutina, locupletia non propria esse consuerunt'. Illa igitur corona contentus Thrasybulus neque amplius requisivit neque quemquam honore se antecessisse existimavit. Hic sequenti tempore cum praetor classem ad Ciliciam appulisset neque satis diligenter in castris eius agerentur vigiliae, a barbaris ex oppido noctu eruptione facta in tabernaculo interfectus est.

Per i suoi grandi meriti, a Trasibulo fu conferita come onorificenza dal popolo una corona, fatta di due ramoscelli di olivo. Poiché essa era espressione dell'amore dei cittadini e non di imposizione, non gli suscitò alcuna invidia, anzi fu per lui fonte di grande gloria: Bene disse dunque quel famoso Píttaco, che fu annoverato tra i sette sapienti, quando gli abitanti di Mitilene volevano dargli in dono molte migliaia di iugeri di terreno: "Non mi date, vi prego, ciò che molti potrebbero invidiare, parecchi persino desiderare. Perciò di codesti io non voglio più di cento iugeri che stiano ad indicare la mia equità e il vostro affetto". Infatti i doni piccoli sono di solito duraturi, quelli ricchi instabili. Pago dunque di quella corona, Trasibulo né ricercò di più né ritenne che nessuno fosse stato più onorato di lui. Egli, in seguito, in qualità di stratego fece uno sbarco in Cilicia, ma siccome i turni di guardia nel suo accampamento erano fatti con scarsa diligenza, i barbari fecero nottetempo irruzione dalla loro roccaforte e lo uccisero nella sua tenda.
:)
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

andrea1085

andrea1085 Blogger 397 Punti

VIP
Registrati via email