zep
zep - Erectus - 80 Punti
Rispondi Cita Salva
(1° versione)
Nobis pueris fabula narrabatur: in avari agricolae agro parvula gallina erat. Cotidie bestiola pulchrum ovum gignebat , agricola in cista ovum inveniebat et in mensam suam apponebat. Sed agricola uno ovo contentus non erat multoque cibo gallinam farciebat. <<Propter saginam>> , stultus agricola suis liberis dicebat, <<gallina pinguescet, multa ova ab ea mihi deponentur et cotidie ego ova in cista inveniam>>. At gallina pinguedine ova numquam gignebat et agricolae cista semper vacua manebat. Sic nimia appetentia agricola nullum ovum habebat et vir, avaritiae exemplum, suam poenam luebat. Immodica desideria ruinae saepe multis causa erunt.


(2° versione)
Olim formica et musca acriter in agro contendebant; musca enim magna cum superbia sic dicebat: <<Cur te mecum comparas? Ego in mundo inter marmoreas columnas aureasque aras vivo, templa perlustro; tum in locum ubi semper sunt hostiae celeriter advenio extaque praegusto. Ego saepe in regio solio sedeo et magno cum gaudio matronarum candida membra permulceo>> . Sed formica sic muscae respondet: <<Importuna invisaque semper es atque eris viris matronisque, musca. Aras frequentas sed, cum in templa deum venis, semper viri te abigunt, atque cibos malos semper edis. Ego autem sedula aestate frumentum congero; postea hiems cum algidis ventis venit et ego cibum meum copiosum edo. Tu contra aestate me semper lacessis , autumno siles et hieme bruma te occidit>>.
Describit fabella et viros indoctos qui falsis verbis se ornant et illos qui vitam obscuram sed operosam et honestam degunt et modestiae exemplum dant.



Grazie mille in anticipo!!!!!!!!!

Questa risposta è stata cambiata da Cherubino (11-02-09 15:46, 7 anni 10 mesi 4 giorni )
valebella
valebella - Genius - 4711 Punti
Rispondi Cita Salva
2-Una volta la formica e la mosca discutevano aspramente in un campo. La mosca dunque con gran superbia diceva così: "Perché ti confronti con me? Io vivo nel mondo tra colonne di marmo e altari d'oro e perlustro i templi, e così arrivo rapidamente nel luogo dove ci sono sempre sacrifici (vittime sacrificali) e gusto per prima le viscere (ma anche "i banchetti", ironica e sottile ambiguità).
Io siedo spesso sul soglio (trono) regio (del re) e con gran piacere PERMULEO le candide membra delle matrone."
Ma la formica così rispose alla mosca: "Importuna (indesiderata) e invisa (malvista) sei e sempre sarai agli uomini e alle donne (matrone), mosca. Frequenti gli altari ma, quando arrivi nei templi del dio, gli uomini ti scacciano sempre, e mangi sempre cibi pessimi (sgradevoli).
Io invece raccolgo operosa il frumento in estate, e poi viene l'inverno con venti gelidi e io (mi) mangio il mio cibo abbondante. Tu mi deridi (sfidi, assali) sempre d'estate, (ma) in autunno taci (te ne stai zitta) e (infine) in inverno il gelo ti uccide."
La favola descrive sia quegli uomini ignoranti (sciocchi) che si adornano di false parole sia quelli che conducono (trascorrono) una vita oscura (anonima) ma operosa e onesta, e danno esempio di modestia.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 281 Punti

Comm. Leader
Registrati via email