• Latino
  • La Leggenda di Arione

    closed post
Gabry92
Gabry92 - Sapiens Sapiens - 840 Punti
Rispondi Cita Salva
:satisfiedSalve a tutti...x domani avrei urgentemente bisogno di questa versione tradotta:

Arion clarissimus poeta et cantor fuit, qui Corinthi apud tyrannum Periandrum multos annos vixit.
Cum autem Methynam, in patriam, remeare statuisset, et iam in navem ascenderet, tyrannus eum muneribus et divitiis explevit.
Quae cum vidissent nautae, avaritia mmoti, contra eum coniuraverunt ut divitias arriperent.
Cum eos vidisset sicis armatos contra se procedentes, Arion oravit ut sibi liceret postremum cantare priusquam e vita excederet. Illi consenserunt et Arion, cum suavissime cecinisset, se in mare ultro proiecit.
At Delphinus, cum circum navem nataret, eum dorso suscepit atque incolumem Corinthum ad Periandrum reportavit.
Post aliquot dies, cum procella etiam navem illam, cuius nautae temptaverant, ad litius Corinthi impulisset, Periander raptores comprehendit et supplicio affecit, ut sceleris poenas persolverent.

Se me la traducete mi fate un favore immenso.

Grazie

Comunque mi sno sbagliato durante la registrazione...ho 15 anni...:satisfied
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Arion clarissimus poeta et cantor fuit, qui Corinthi apud tyrannum Periandrum multos annos vixit. | Cum autem Methymnam, in patriam, remeare statuisset et iam in navem ascenderet, | tyrannus eum muneribus et divitiis explevit. | Quae (acc. pl. neutro) cum vidissent nautae illius navis, qua (per mezzo della quale) poeta in patriam navigabat, avaritia moti (mossi dall’avidità), | contra eum coniuraverunt ut arriperent divitias. | Cum eos vidisset sicis armatos contra se procedentes, | Arion oravit ut sibi liceret postremum cantare priusquam e vita excederet. | Cum illi annuissent, Arion se in mare ultro proiecit. | Delphinus autem, qui circum navem natabat, eum dorso suscepit, | incolumemque Corinthum ad Periandrum reportavit.

Arione fu poeta e cantore assai famoso, che visse molti anni presso il tiranno Periandro. Avendo deciso di tornare a Metimna, in patria, e già salendo in nave, il tiranno lo riempì di doni e ricchezze. Avendo visto queste cose i marinai di quella nave, con la quale il poeta navigava in patria, mossi dall'avarizia, congiurarono contro di lui per rubargli le ricchezze. Avendoli visti che procedevano così armati contro di lui, Arione pregò che gli fosse con***** di cantare per l'ultima volta prima di morire.
Avendo quelli dato il consenso, Arione si gettò in mare. Un delfino tuttavia, che nuotava intorno alla nave, lo prese sul dorso e lo portò da Periandro incolume a Corinto.
Gabry92
Gabry92 - Sapiens Sapiens - 840 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie mille...Grande Mario!!!:inchino;):thx
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Manca solo l'ultima frase...ma penso tu ce la faccia tranquillamente a tradurla!
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego
Chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email