• Latino
  • la dea latona trasforma i contadini della licia in rane vi prego

    closed post
matte92
matte92 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
latona, postquam apollinem et dianiam, iovis filios, peperit, ex insula delo fugere coacta est a iunone, iovis uxore, quia deorum hominumque regina latonae invidebat. dea cumparvis filiis diu per asiam erravit; denique in lyciam pervenit, ubi longo itinere fesa quietem sibi et aquam filiis quaerebat, quia pueri solis calore fatigati siti cruciabantur. forte paludem videt et agricolas apud ripas: laeta cum filiis ad paludem accurrit sed, dum procumbit et aquam manibus captat, agricolae deam ab aqua amovent et contumeliosis verbis eam filiosque repellunt. tum latona divinitatem suam partefacit et irata exclamat: "impii agricolae, quia miserae matri misericordiam non adhibuistis atque filiis meis aquam denegavistis, abhinc in huius paludis aquis ripisque!". statim, deae voluntete, lyciae agricolae in ranas mutati sunt.
Fatemela vi prego!!!!!!!!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao e benvenuto ;)!

Mi dispiace di non essere riuscito ad essere utile col latino oggi, ma sono stato molto impegnato e non ce l'ho fatta a tradurre!
matte92
matte92 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
me la puoi fare apena puoi?grazie!!!!!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco a te la versione tradotta ;):

latona, postquam apollinem et dianiam, iovis filios, peperit, ex insula delo fugere coacta est a iunone, iovis uxore, quia deorum hominumque regina latonae invidebat. dea cumparvis filiis diu per asiam erravit; denique in lyciam pervenit, ubi longo itinere fesa quietem sibi et aquam filiis quaerebat, quia pueri solis calore fatigati siti cruciabantur. forte paludem videt et agricolas apud ripas: laeta cum filiis ad paludem accurrit sed, dum procumbit et aquam manibus captat, agricolae deam ab aqua amovent et contumeliosis verbis eam filiosque repellunt. tum latona divinitatem suam partefacit et irata exclamat: "impii agricolae, quia miserae matri misericordiam non adhibuistis atque filiis meis aquam denegavistis, abhinc in huius paludis aquis ripisque!". statim, deae voluntete, lyciae agricolae in ranas mutati sunt.

Latona, dopo aver partorito Apollo e Diana, figli di Giove, dall'isola di Delo fu costretta a fuggire da Giunone, moglie di Giove, poichè la regina degli uomini e degli dei portava invidia a Latona. La dea errava da lungo tempo per l'Asia con i piccoli figli; e alla fine giunse in Licia, dove stanca per il lungo viaggio cercava riposo per sè e l'acqua per i figli, poichè i ragazzi, spossati dal calore del sole, erano tormentati dalla sete. Vide per caso la palude e dei contadini presso le rive: lieta accorse alla palude con i figli ma, mentre si piegò in avanti e prese l'acqua con le mani, i contadini allontanano la dea dall'acqua e cacciano lei e i figli con parole ingiuriose. Allora Latona PARTEFACIT (trovalo tu) la sua divinità e arrabbiata esclamò: "Contadini scellerati, poichè avete negato l'acqua a miei figli e non avete mostrato misericordia ad una povera signora, d'ora in poi [starete] nelle acque e nelle rive di questa palude!" Subito, per la volontà della dea, i contadini della Licia furono trasformati in rane.
matte92
matte92 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email