• Latino
  • iter siculum di lucilio

    closed post
stefano.pezze
stefano.pezze - Ominide - 46 Punti
Salva
ho bisogno di appunti o pezzi in latino su iter siculum di lucilio
cichinella
cichinella - Genius - 5407 Punti
Salva
vedi un pò in questi link...spero che qualcosa possa servirti...

http://www.skuola.net/letteratura-latina-arcaica/vita-opere-lucilio-gaio.html

http://www.gruppoarcheologicosalernitano.org/ricerca_scientifica1.htm

http://www.griseldaonline.it/percorsi/7cucchiarelli_link6.htm

pezzi in latino però non ne ho trovati...
Miyuki
Miyuki - Genius - 9449 Punti
Salva
Lucilio, nella famosa satira, descrive il suo viaggio in Sicilia (Iter Siculum) tra il 119 e il 116 a.C. Egli aveva preferito la via del mare alla via terrestre impraticabile: tutta la via- egli dice - è faticosa e fangosa.

Dal mio libro di letteratura latina:

UN "MENù" DELUDENTE:
Ostrea nulla fuit, non purpura, nulla peloris;
asparagi nulli
...nam mel regionibus illis
incrustatus calix rutai caulis habetur.
...exhalas tum acidos ex pectore ructus

Di ostriche neppure l'ombra, e nemmeno di noci e tantomeno di datteri di mare; asparagi: niente proprio [...] In quelle zone lì ti servono, come se fosse miele, il gambo della ruta amaro come il fiele e per di più in una ciotola con ancora tutte le incrostazioni addosso [...] E a quel punto incominci a scaricare rutti acidi dal piuù profondo dello stomaco.
Se il pasto si è rivelato deludente, pirotecnica è invece la descrizione di Lucilio, che quasi si compiace di mimare la richiesta, sempre frustrata, di piatti prelibati, ignoti a quella sudicia osteria. La sequenza degli enunciati negativi (nulla...non...nulla...nulli), impreziosita dal chiasmo in enjambement (nulla peloris / asparagi nulli), solennizza fino al grottesco la realtà di leccornie puntualmente richieste e puntualmente negate. La desinenza del genitivo arcaico (un "pesante" bisillabo) di rutai serva a sua volta a nobilitare un'umile verdura; la parte più amara della ruta suggerisce il confronto per antitesi con la dolcezza del miele e introduce l'immagine di un servizio che lascia molto a desiderare. Quale degna conclusione, non parole che salgono dal profondo del petto (come capita agli eroi dei poemi epici) bensì le manifestazioni di un'indigestione.

:hi

Aggiunto 14 minuti più tardi:

Oppure, ancora dal mio libro:
LA VIRTU' E'...
Virtus, Albine, est pretium persolvere verum
quis in versamur, quis vivimus rebus, potesse,
virtus est homini scire id quod quaeque habeat res,
virtus scire homini rectum, utile quid sit, honestum,
quae bona, quae mala item quid inutile, turpe, inhonestum,
virtus quaerendae finem re scire modumque,
virtus divitiis pretium persolvere posse,
virtus id dare quod re ipsa debetur honori,
hostem esse atque inimicum hominum morumque malorum
contra defensorem hominum morumque bonorum,
hos magni facere, his bene velle, his vivere amicum,
commoda praeterea patriai prima putare,
deinde parentum, tertia iam postremaque nostra.

O Albino, virtù è poter stimare al giusto le persone fra cui ci troviamo, le cose di cui viviamo; virtù è sapere che valga ogni cosa per l'uomo, virtù sapere che cosa per l'uomo sia giusto, utile, onesto, quali siano beni e, per converso, quali siano mali, che cosa sia inutile, turpe, disonesto; virtù è saper porre un termine e una misura all'avidità; virtù potere assegnare il loro valore alle ricchezze, virtù dare ciò che si deve realmente all'onorabilità, essere nemico giurato degli uomini e dei costumi cattivi e, invece, difendere gli uomini e i costumi buoni, stimarli molto, amarli, essere loro amico; finalmente mettere al primo posto il bene della patria, poi quello dei genitori e da ultimo il nostro.

Il tono è autorevole e solenne (vedi l'arcaismo patriai = patriae): ricorre con frequenza martellante la parola-chiave virtus, efficacemente sostenuta dalla sequenza ininterrotta delle interrogative, dell'antitesi (quae bona quae mala item), dall'anafora (hos magni facere, his bene velle, his vivere amicum). Notiamo ancora le riprese in fine di verso (honestum...inhonestum; malorum...bonorum; in opposizione concettuale) e l'allitterazione (pretium persolvere posse; praeterea patriai prima putare).

...me lm merito la miglior risposta? ;)
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

ciampax

ciampax Tutor 29109 Punti

VIP
Registrati via email