• Latino
  • ho bisogno di un auto x favore!!!

claudiakarin
claudiakarin - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Ho VERAMENTE bisogno della traduzione di questa versione...

Cydnus amnis Mediam interfluit. Et tunc aestas erat, cuius calor non aliam magis quam Ciliciae oram vapore solis accendit, et diei fervidissimum tempus esse coeperat. Pulvere simul ac sudore perfusum regem liquor fluminis invitavit ut calidum adhuc corpus ablueret. Itaque, veste deposita, n cospectu agminis Alexander in flumen descendit. Sed ut primum se in aquas merserat, statim subito horrore artus rigere coeperunt: pallor deinde suffusus est, et propemodum totum corpus vitalis calor reliquit. Eum similem expiranti ministri manu excipiunt, nec satis compotem mentis in tabernaculum deferunt. Tum ingens sollicitudo et paene iam luctus in castrs erat. Omnes milites flebant et Querebantur (da queror), in tanto impetu cursusque rerum, ereptum et exstinctum esse regem clarissimum omnis aetats ac memoriae, at non in acie saltem, non ab hoste deiectum, sed abluentem aqua corpus.

su internet l'ho gia trovata ma è smile la trduzione nn corrisponde!! x favore ho davvero bisogno d qst aiuto da sola ci ho pravato ma ovviamente la mia traduzione nn ha un minimo di senso
un bacio grazie
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
Cydnus amnis Mediam interfluit. Et tunc aestas erat, cuius calor non aliam magis quam Ciliciae oram vapore solis accendit, et diei fervidissimum tempus esse coeperat. Pulvere simul ac sudore perfusum regem liquor fluminis invitavit ut calidum adhuc corpus ablueret. Itaque, veste deposita, n cospectu agminis Alexander in flumen descendit. Sed ut primum se in aquas merserat, statim subito horrore artus rigere coeperunt: pallor deinde suffusus est, et propemodum totum corpus vitalis calor reliquit. Eum similem expiranti ministri manu excipiunt, nec satis compotem mentis in tabernaculum deferunt. Tum ingens sollicitudo et paene iam luctus in castrs erat. Omnes milites flebant et Querebantur (da queror), in tanto impetu cursusque rerum, ereptum et exstinctum esse regem clarissimum omnis aetats ac memoriae, at non in acie saltem, non ab hoste deiectum, sed abluentem aqua corpus.

il fiume Cidno scorre attraverso la Media. Era allora estate, il calore della quale brucia con il fuoco del sole non altra se non la costa della Cilicia, e aveva cominciato ad essere il momento della giornata più caldo. L'acqua del fiume invitò il re, cosparso allo stesso modo di polvere e sudore, a pulire (bagnare) il corpo ancora caldo. Ma non appena si immerse nelle acque , subito le membra cominciarono ad irrigidirsi con un improvviso brivido : poi si diffuse un pallore, e il calore vitale abbandonò quasi l'intero corpo. I servi lo presero mentre era già simile ad uno che esalasse l'ultimo respiro, e lo portarono nella tenda non sufficientemente con la mente in sè. Allora nell'accampamento c'era preoccupazione e ormai quasi il lutto. Tutti i soldati piangevano e si lamentavano che, in un così grande slancio e corso degli avvenimenti, fosse stato loro tolto e fosse morto il re più illustre di ogni tempo a memoria d'uomo ( memoriae ), ma non almeno in campo di battaglia, non abbattuto da un nemico, ma mentre lavava il corpo con l'acqua.

ciao claudiakarin :hi...benvenuta
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Registrati via email