• Latino
  • help!!! versione di latino..

rajnic
rajnic - Erectus - 90 Punti
Rispondi Cita Salva
perfavore aiutatemi a tradurre queste verioni..


vercingetorige eletto capo dei ribelli

vercingetorix, celtilli filius, Arvenus, summae potentiae adulescens, cuius pater principatum Galliae totius obtinuerat et ob eam causam, quod regnum adpetebat, ab civitate erat interfectus, convocatis suis clientibus, facile incendit. cognito eius consilio, ad arma concurritur.prohibetur a Gobannitione, patruo suo, reliquisque principibus, qui hanc temptandum fortunam non existimabant; expellitur ex oppido Gergovia; non desistit tamen atque in agris habet delectum egentium ac perditorum. hac coacta manu, quoscumque adit ex civitate ad suam sententiam perducit; hortatur ut communis libertatis causa arma capiant, magnisque coactis copiis, adversarios suos a quibus paulo ante erat eiectus, expelli ex civitate. rex ab suis appellatur. dimittit quoquoversus legationes; obtestatur ut in fide maneant. celeriter sibi Senones, Parisios, Pictones, Cadurcos, [...] Andos reliquosque omnes, qui Oceanum attingunt, adiungit; omnium consensu ad eum defertur imperium.

Grandezza di Atene e di Sparta

adsunt Athenienses, unde humanitas, doctrina, religio,fruges,iura,leges ortae atque in omnis terras distributae putantur, de quorum urbis possessione propter pulchritudinem etiam inter deos certamen fuisse proditum est, quae vetustate eaest ut ipsa ex sese suos civis genuisse ducatur, et eorum eadem terra parens, altrix, patria dicatur; auctoritate autem tanta est ut iam fractum prope ac debilitatum Graeciae nomen huius urbis laude nitatur. adsunt Lacedemonii, cuius civitatis spectata ac nobilitata virtus non solum natura corroborata, verum etiam disciplina putatur; qui soli toto orbe terratum septingentos iam annos amplius unis moribus et numquam multatis legibus vivunt.
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Vercingetorige eletto capo dei ribelli

Vercingetorix Celtilli filius, Arvernus, summae potentiae adulescens, cuius pater principatum totius Galliae obtinuerat et ob eam causam, quod regnum adpetebat, a civitate erat interfectus, convocatis suis clientibus facile incendit. Cognito eius consilio ad arma concurritur. Prohibetur a Gobannitione patruo suo reliquisque principibus, qui hanc temptandam fortunam non existimabant, expellitur ex oppido Gergovia. Non desistit tamen atque in agris habet dilectum egentium ac perditorum. Hac coacta manu, quoscumque adit ex civitate, ad suam sententiam perducit; hortatur ut communis libertatis causa arma capiant, magnisque coactis copiis adversarios suos, a quibus paulo ante erat eiectus, expellit ex civitate. Rex ab suis appellatur. Dimittit quoque versus legationes; obtestatur ut in fide maneant. Celeriter sibi Senones, Parisios, Pictones, Cadurcos, Turonos, Aulercos, Lemovices, Andes reliquosque omnes, qui Oceanum attingunt, adiungit; omnium consensu ad eum defertur imperium.

Vercingetorìge, figlio di Celtillo, Arverno, giovane di grandissimo prestigio, il cui padre aveva detenuto il sommo potere in tutta la Gallia e per questo motivo, (ossia) perché [oppure: (ossia per il fatto) che] aspirava al regno, era stato ucciso dai (suoi) concittadini, convocati i suoi clienti, (li) infiammò facilmente. Conosciuta la sua intenzione, si corre alle armi. Viene ostacolato da suo zio Gobannizione e dagli altri capi, che non ritenevano si dovesse tentare questa avventura, (e) viene cacciato dalla città di Gergovia. Tuttavia non si dà per vinto e nelle campagne tiene una leva di miserabili e disperati. Radunato questo contingente, guadagna alla sua causa tutti i cittadini che incontra; (li) esorta a prendere le armi per la libertà comune, e, riunite grandi forze militari, espelle dalla città i suoi avversari, dai quali poco prima era stato cacciato. Viene proclamato re dai suoi. Manda dappertutto delle ambascerie; supplica (gli alleati) di mantenersi fedeli. Rapidamente unisce a sé i Sènoni, i Parisii, i Pittoni, i Cadurci, i Turoni, gli Aulerci, i Lemovici, gli Andi e tutti gli altri che vivono sulla costa dell’Oceano; per consenso generale il comando viene affidato a lui.
Grandezza di Atene e di Sparta

Adsunt Athenienses, unde humanitas, doctrina, religio, fruges, iura, leges ortae (esse) atque in omnis terras distributae (esse) putantur; de quorum urbis possessione propter pulchritudinem etiam inter deos certamen fuisse proditum est; quae vetustate ea est ut ipsa ex sese suos cives genuisse ducatur, et eorum eadem terra parens, altrix, patria dicatur, auctoritate autem tanta est ut iam fractum prope ac debilitatum Graeciae nomen huius urbis laude nitatur. Adsunt Lacedaemonii, cuius civitatis spectata ac nobilitata virtus non solum natura corroborata verum etiam disciplina putatur; qui soli toto orbe terrarum septingentos iam annos amplius unis moribus et numquam mutatis legibus vivunt.

Ci sono gli ateniesi da cui si ritiene che l’umanità, la dottrina, la religione, i frutti, il diritto e le leggi sono nate e furono distribuite in tutte le terre; sul possesso delle città dei quali è stato tramandato che ci fu una disputa a causa della bellezza anche fra gli dei; e questa per la bellezza è tale che si ritiene che essa abbia generato i suoi cittadini da se stessa ed è detta la loro terra madre, allevatrice, patria e inoltre per l’autorità è tanto grande che il nome di questa città ormai quasi distrutta e indebolita in Grecia si è innalzato con la lode. Ci sono i Lacedemoni, della quale città il valore celebrato e stimato è considerato non solo rafforzato dalla natura ma anche dalla disciplina; loro soli vivono in tutto il mondo da ormai già settecento anni, secondo gli stessi costumi e secondo leggi mai mutate.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email