• Latino
  • [HELP - URGENTISSIMO] Due Versioni

_valerio_
_valerio_ - Habilis - 180 Punti
Rispondi Cita Salva
Salve a tutti. E' da molto tempo che non posto richieste d'aiuto poichè ultimamente i compiti sono pochi e riesco a fare le mie versioni ;)

Ma per domani... Davvero sono intasato di compiti, mi servirebbe l'aiuto vostro Raga..

Sono due versioni una dal Latino e una dall' Italiano. L'autore non c'è sul libro, quindi penso sarà difficile trovarle su internet, o almeno io non le ho trovate, perchè prima di dare fastidio a voi, cerco per benino su internet :P

Qui sotto, i link delle due Versioni:

1) L'asino che attraversa il fiume: http://img228.imageshack.us/img228/5839/123lf5.png
2) Serse invade la Grecia: http://img228.imageshack.us/img228/4881/1233vp4.png

Thx in Anticipo!!

SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120307 Punti
Rispondi Cita Salva
Non ti preoccupare, adesso io ti faccio la prima: L'asino che attraversa il fiume

...Dammi un po' di tempo...:p
alkalewi
alkalewi - Genius - 6460 Punti
Rispondi Cita Salva
non è la stessa ma potrai trarne qualcosa



Sconfitto Dario, re dei persiani, presso Maratona dai Greci, successe il figlio Serse. Erede dell'odio paterno, Serse desiderava rinnovare la guerra contro i greci; per tale ragione arruolò nuove truppe, allestì una ingente flotta e, in piana estate, attraversò l'ellesponto. Infine attraverso la tracia e la macedonia passò in tessaglia con i suoi soldati e giunse allo stretto delle termopili. A presidio delle termopili vi era Leonida, re dei lacedemoni, con un esiguo numero di strenui soldati, ma la loro virtù fu (irrita). Infatti il traditore Efialte mostrò a Serse la nascosta (semitam) per i monti; e così i persiani accerchiarono i lacedemoni e li assalirono alle spalle. Leonida e i suoi soldati combatterono acremente contro i persiani mqa tutti caddero nel combattimento. Allora Serse dalla tessaglia entrò in boezia e poi in attica, dove i barbari con ferro e fiamme devastarono le città, incendiarono i templi e uccisero gli abitanti.

-----------------------------------------------------------------------------------------------

Dareò, Persam regi, apud Marathonem a Graecis profligato (=sconfitto), Xerses filius successit. Heres paterni odii, Xerses bellum in Graecos renovare cupiebat; quare novas copias conscripsit, magnam classem instruxit atque, media aestate, Hellespontum transit. Denique per Thraciam ac Macedoniam cum militibus suis in Thessalim descendit et ad angustias Thermophylarum pervenit. Praesidio Thermopylis erat Leonidas, Lacedaemoniorum rex, cum exiguo numero militum strenuorum, qui magno cum animo barbaris transitum (=passaggio) in Atticam impediebat; sed eorum virtus irrita fuit. Nam proditor Ephialtes occultam per montes semitam Xerxi ostendit, itaque Persae Lacedaemonis circumvenerunt et a tergo (=alle spalle) petiverunt. Leonidas et eius milites acriter contra Persas pugnaverunt sed omnes in proelio ceciderunt. Tum Xerses e Thessalia in Boetiam atque inde in Atticam penetravit, ubi barbari ferro ignique urbes vastaverunt, templa incenderunt atque incolas interfecerunt.
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Olim asinus, magno salis pondere gravatus, iter per flumen facere debebat.Dum est in flumine et super labricos lapides incertis pedibus procedit; forte in aquam cecidit et totum sal licuit.Cum igitur surrexit, magno cum gaudio sarcinae onus super dorsum valde deminutum animadvertit.Haud multo post rursus ad flumen pervenit cum magna sarcina, tum autem spongiis oneratus.Cum ad aquam accessit, sic cogitavit:"Si in flumen de industria incidero, iterum sine dubio ponderis levamen obtinebo". Valde laetus igitur per flumen procedere incepit; cum autem ad medium pervenit, ultro crura flexit et in aqua procubuit. Tunc vero spongiae, aqua imbutae, onus praeter modum auxerunt miserumque animal cum tota sarcina ad imum rapuerunt. Sic perfidum iumentum dignas fraudis poenas indigna morte persolvit.

Una volta un asino gravato dal peso di un grande sale, doveva fare un percorso attraverso il fiume. Mentre è nel fiume avanza sopra le pietre (cerca labricos) con zampe incerte; cadde per caso in acqua e sciolse tutto il sale. Quando si alzò, si accorse con grande piacere che tutto il peso del sacco sopra il dorso era diminuito. Non molto tempo dopo ritornò al fiume con un grande sacco, allora carico di spugne. Appena entrò in acqua, così pensò: se cadrò apposta nel fiume, di nuovo otterrò senza dubbio un minor peso. Fortemente lieto dunque iniziò ad avanzare nel giume quando giunse a metà piegò una gamba e cadde in acqua. Allora le spugne, imbevutesi di acqua, aumentarono di gran lunga il peso e strapparono in basso il povero animale con tutto il peso. Così il perfido animale pagò con una morte indegna le degne pene dell'inganno
alkalewi
alkalewi - Genius - 6460 Punti
Rispondi Cita Salva
eeeee bravo mario
_valerio_
_valerio_ - Habilis - 180 Punti
Rispondi Cita Salva
Mario ti ringrazio.

Ora però, mi servirebbe quella di Serse. ;)
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Beh, da italiano a latino nn ti so aiutare.
Prego
alkalewi
alkalewi - Genius - 6460 Punti
Rispondi Cita Salva
per me dall'italiano al latino è più difficile
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120307 Punti
Rispondi Cita Salva
Visto che Mario l'ha trovata, il mio lavoro per metà è inutile :cry...vabbè, almeno sai che questa che ti posto è la versione corretta ;):

Una volta un asino, appesantito dal peso del sale, doveva fare un percorso attraverso un fiume. Mentre era nel fiume e procedeva sopra sassi scivolosi, cadde violentemente in acqua e tutto il sale si sciolse. Così quando riemerse, l’animale sentì il peso del carico sopra il dorso fortemente diminuito. Non molto dopo giunse nuovamente al fiume con un carico pesante. Quando entrò in acqua, pensò così: “Se mi getterò nel fiume, senza dubbio otterrò di nuovo una diminuzione del peso”. Perciò fortemente lieto iniziò ad avanzare nel fiume, e quando giunse in mezzo al fiume piegò una gamba e cadde in acqua. In quel momento, però, era caricato di spugne: perciò le spugne, imbevutesi di acqua, aumentarono oltremodo il peso e trassero in basso il povero animale con tutto il peso. Così l’animale pagò con una morte indegna le degne punizioni dell'inganno.
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Stefano avevo tentato di dirti di nn tradurla...
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120307 Punti
Rispondi Cita Salva
Vabbè...fa lo stesso...ho fatto un po' di esercizio...:lol
_valerio_
_valerio_ - Habilis - 180 Punti
Rispondi Cita Salva
SuperGaara, Grazie.

ma ora mi occorre quella di Serse :(
celo8
celo8 - Genius - 9827 Punti
Rispondi Cita Salva
a distanza di quattro anni e tre mesi avete inconsciamente aiutato anche me:) grazieee
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Registrati via email