pequena
pequena - Sapiens - 374 Punti
Rispondi Cita Salva
salve ragazzi potete aiutarmi sono disperata!! grazie 1000

la versione è di quintiliano- istitutione-liber 10- 1

Idem nobis per Romanos quoque auctores ordo ducendus est. Itaque ut apud illos Homerus, sic apud nos Vergilius auspicatissimum dederit exordium, omnium eius generis poetarum Graecorum nostrorumque haud dubie proximus. Vtar enim verbis isdem quae ex Afro Domitio iuvenis excepi, qui mihi interroganti quem Homero crederet maxime accedere "secundus" inquit "est Vergilius, propior tamen primo quam tertio". Et hercule ut illi naturae caelesti atque inmortali cesserimus, ita curae et diligentiae vel ideo in hoc plus est, quod ei fuit magis laborandum, et quantum eminentibus vincimur, fortasse aequalitate pensamus. Ceteri omnes longe sequentur. Nam Macer et Lucretius legendi quidem, sed non ut phrasin, id est corpus eloquentiae, faciant, elegantes in sua quisque materia, sed alter humilis, alter difficilis.
pukketta
pukketta - Mito - 72506 Punti
Rispondi Cita Salva
nada
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
nulla neanche io...
pequena
pequena - Sapiens - 374 Punti
Rispondi Cita Salva
;) beh grazie lo stesso
Thesuperman91
Thesuperman91 - Sapiens Sapiens - 1670 Punti
Rispondi Cita Salva
neank io....
Catonina87
Catonina87 - Erectus - 132 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao, provo a tradurre io la versione: Dobbiamo considerare la medesima successione/gerachia anke attraverso gli autori romani. Pertanto come presso quelli diede un inizio assai fortunato Omero, così presso di noi Virgilio, indubbiamente il più vicino d tutti i poeti greci e nostri d quel genere. Utilizzerò infatti le medesime parole che da giovane imparai da Afro Domizio, il quale,mentre gli domandavo chi credesse si avvicinasse d + ad Omero, mi disse "il secondo è Virgilio, tuttavia più vicino al primo che al terzo".E, x Ercole, come c siamo arresi/sottomessi a quella natura celeste ed immortale, così c siamo arresi/sottomessi allo scrupolo e all'impegno, anzi in questo (=Virgilio) c'è (n'è) d + (=di scrupolo*) per qsta ragione,cioé per il fatto ke egli avrebbe dovuto lavorare/rielaborare maggiormente, e x qnto siamo legati ai personaggi insigni, forse pensiamo cn oggettività/equità.Tutti gli altri seguiranno da lontano.Infatti Macro e Lucrezio devono essere scelti, ma nn perké facciano uno stile, cioé un' opera d eloquenza, (pur) essendo entrambi raffinati (lett. ciascuno raffinato) nella propria materia, ma l' uno (è) umile, l'altro difficile.

*Virgilio era infatti molto scrupoloso e perfezionista poiché rielaborava d continuo le sue opere
pequena
pequena - Sapiens - 374 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie tante catonina
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Selisa

Selisa Blogger 31 Punti

VIP
Registrati via email