• Latino
  • Eumene A Roma e altre... vi prego AIUTO!!!! non ci riesco!

Hyde555
Hyde555 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
eumene a roma ( livio)

inizio: aliqui scribunt attalum, regis eumenis fratrem, legatum venisse romam ad deferenda de perseo crimina indicandosque apparatus belli.

fine: haec secum eumenes volutans in animo, oppressus fato, regnum ei reliquit, quem infestissimum esse senserat romanis.




E Anche qst...



Pirati in visita da Scipione l'Africano da Valerio Massimo

Ad Africanum videndum in liternina villa se continentem complures praedonum duces eodem tempore forte confluxerunt. Quos com ad vim faciendam venire existimavisset, Scipio praesidium domesticorum in tecto collocavit, eratque occupatus in his repellendis et animo et apparatu. Quod ut praedones animadvertendunt, dimissis militibus abiectisque armis, ianuae adpropiquant et clara voce nuntiant Scipioni se non vitae eius hostes,sed virtutis admiratores venisse conspectum quasi caeleste aliqod beneficium expetentes. Haec postquam domestici Scipioni nuntiaverunt, fores reserari eosque intromitti iussit. Qui, postes ianuae tamquam aliquam religiosissimam aram sanctumque templum venerati, cupide Scipionis dexteram adprehenderunt ac diu osculati, positis ante vestibulum donis, laeti ad lares reverterunt.:satisfied:satisfied:satisfied:satisfied
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
http://www.skuola.net/forums.php?m=posts&p=41956
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Ipplala in quel thead nn c'è la trad!
Hyde555
Hyde555 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao a tutti!! :ciao:

Queste versioni non riesco proprio a tradurle (da 3 settimane!) ... magari con la vostra esperienza e il vostro aiuto ce la farò!!!
Sono bravo in mate, se voltete aiuto....

1. Pirati in visita da Scipione l'Africano (di Valerio Massimo)

Ad Africanum videndum in liternina villa se continentem complures praedonum duces eodem tempore forte confluxerunt. Quos com ad vim faciendam venire existimavisset, Scipio praesidium domesticorum in tecto collocavit, eratque occupatus in his repellendis et animo et apparatu. Quod ut praedones animadvertendunt, dimissis militibus abiectisque armis, ianuae adpropiquant et clara voce nuntiant Scipioni se non vitae eius hostes,sed virtutis admiratores venisse conspectum quasi caeleste aliqod beneficium expetentes. Haec postquam domestici Scipioni nuntiaverunt, fores reserari eosque intromitti iussit. Qui, postes ianuae tamquam aliquam religiosissimam aram sanctumque templum venerati, cupide Scipionis dexteram adprehenderunt ac diu osculati, positis ante vestibulum donis, laeti ad lares reverterunt.


2. Eumene a roma ( livio)

inizio: aliqui scribunt attalum, regis eumenis fratrem, legatum venisse romam ad deferenda de perseo crimina indicandosque apparatus belli.

fine: haec secum eumenes volutans in animo, oppressus fato, regnum ei reliquit, quem infestissimum esse senserat romanis.

3. Manlio e Camillo difendono roma dai galli

Cum Galli Senones relictis ob sterilitatem agris suis Clusium Italiae oppidum obsiderent, missi sunt Roma tres Fabii, qui Gallos menerent, ut ab oppugnatione desisterent. [6] Ex his unus contra ius gentium in aciem processit et ducem Senonum interfecit. [7] Quo commoti Galli petitis in deditionem legatis nec impetratis Romam petierunt et exercitam Romanum apud Alliam fluvium ceciderunt, die XVI Kal. Auguste qui dies inter nefastos relatus, Alliensis dictus. [8] Victores Galli urbem intraverunt, ubi nobilissimos senum in curulibus et honorum insignibus primo ut deos venerati, deinde ut homines despicati interfecere. [9] Reliqua inventus cum Manlio in Capitolium fugit, ubi obsessa Camilli virtute est servata. Qui absens dictator dictus collectis reliquiis Gallos improvisos internecione occidit. [10] Populum Romanum migrare Veios volentem retinuit. Sic et oppidum civibus et cives oppido reddidit.

4. Le paure di un tiranno crudele (Cicerone)

INIZIO: dionysius syracusarum tyrannus propter iniustam dominatus cupiditatem....

FINE: alterum quia dictum id risu adprobavisset.


5. Dalla monarchia alla repubblica (di Eutropio)

Inizio: Tarquinius, cum imperavisset annos quattour et viginti, cum uxore et liberis...

Fine:et loco ipsius creatus est L.Valerius Publicola consul.


6. Trionfale ritorno di Alcibiade ad Atene (nepote)

INIZIO: Cum obviam his -Alcibiadi, Therameni et Thrasybulo- universa Atheniensium in Piraeum descendisset....

FINE: ut omnes lacrimaverint eosque accusaverint, qui patria eum pepulerant.

7. Amilcare salva Cartagine dopo la prima guerra Punica (di Nepote)


INIZIO: Bello Poenico confecto, Hamilcar, dux Carthaginiensium, ut Cathaginem venit, rem publicam graviter prostatam esse vidit. Namque diuturnitate externi mali tantum exarsit intestinum bellun, ut numquam par periculum cognovit Carthago nisi cum delecta est. Primo mercennariimilites qui (i quali) adversusromanos pugnaverant, desciverunt. Hi totam abalienaverunt Africam, ipsam Carthaginem oppugnaverunt.


FINE: tota Africa tantum otum reddidit ut nullum in ea bellum multis annis fuerit.

Grazie mille in anticipo..... e vi pego AIUTATEMI (anche solo frammenti) !!!!!!!:ciao:
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ho trovato solo questi due pezzi:

4) Ita propter iniustam dominatus cupiditatem in carcerem quodam modo ipse se incluserat. Quin etiam ne tonsori collum committeret, tondere filias suas docuit. Ita sordido ancillarique artificio regiae virgines ut tonstriculae tondebant barbam et capillum patris. Et tamen ab is ipsis, cum iam essent adultae, ferrum removit instituitque, ut candentibus iuglandium putaminibus barbam sibi et capillum adurerent

Così per l'ingiusto desiderio di dominio si era rinchiuso per così dire in una prigione da solo. Anzi per non affidare la gola ad un barbiere insegnò alle figlie e fare la barba. Così esercitando un mestiere vile e da serve, le principesse come parrucchiere tagliavano barba e capelli al padre. E ancora quando furono cresciute ad esse sottrasse gli arnesi di ferro e decise di farsi bruciare la barba e i capelli con gusci di noci incandescenti
6) His cum obviam universa civitas in Piraeum descendisset, tanta fuit omnium exspectatio visendi Alcibiadis, ut ad eius triremem vulgus conflueret, proinde ac si solus advenisset. Sic enim populo erat persuasum, et adversas superiores et praesentes secundas res accidisse eius opera. Itaque et Siciliae amissum et Lacedaemoniorum victorias culpae suae tribuebant, quod talem virum e civitate expulissent. Neque id sine causa arbitrari videbantur. Nam postquam exercitui praeesse coeperat, neque terra neque mari hostes pares esse potuerant. Hic ut e navi egressus est, quamquam Theramenes et Thrasybulus eisdem rebus praefuerant simulque venerant in Piraeum, tamen unum omnes illum prosequebantur, et, id quod numquam antea usu venerat nisi Olympiae victoribus, coronis laureis taeniisque vulgo donabatur. Ille lacrumans talem benevolentiam civium suorum accipiebat reminiscens pristini temporis acerbitatem. Postquam astu venit, contione advocata sic verba fecit, ut nemo tam ferus fuerit, quin eius casui illacrumarit inimicumque iis se ostenderit, quorum opera patria pulsus fuerat, proinde ac si alius populus, non ille ipse, qui tum flebat, eum sacrilegii damnasset. Restituta ergo huic sunt publice bona, eidemque illi Eumolpidae sacerdotes rursus resacrare sunt coacti, qui eum devoverant, pilaeque illae, in quibus devotio fuerat scripta, in mare praecipitatae.

Tutta la città era scesa al Pireo per farsi loro incontro e tanta era l'ansia di tutti di vedere Alcibiade, che il popolo si accalcò intorno alla sua trireme, come se fosse stato lui solo a tornare. Il popolo infatti aveva questa convinzione: che si dovevano a lui e le disfatte precedenti e le attuali vittorie. Così e la perdita della Sicilia e le vittorie degli Spartani le attribuivano a colpa loro, che avevano cacciato dalla città un tale uomo. Sembrava loro di avere buone ragioni per pensare così. Infatti da quando l'esercito era stato affidato al suo comando, i nemici non avevano resistito né per terra né per mare. Non appena Alcibiade fu sbarcato, sebbene Terámene e Trasibulo avessero avuto il comando delle stesse imprese e fossero giunti al Pireo insieme con lui. tuttavia tutti seguivano in corteo lui soltanto e, cosa mai prima capitata se non ai vincitori di Olimpia, gli donavano da ogni parte corone di alloro e nastri. Lui accoglieva tra le lacrime tali manifestazioni d'affetto da parte dei suoi concittadini, ricordando l'astio dei tempi precedenti. Giunto che fu in città, fu convocata un'assemblea ed egli parlò in modo tale che nessuno fu tanto duro di cuore, che non si mettesse a piangere sulla sua disavventura e non si mostrasse ostile a coloro per colpa dei quali egli era stato cacciato dalla patria, come se un altro popolo e non quello stesso che allora piangeva, lo avesse condannato per sacrilegio. Gli furono quindi restituiti con pubblico decreto i suoi beni e quegli stessi sacerdoti Eumolpidi che lo avevano scomunicato furono di nuovo costretti a ribenedirlo e quelle colonne dove era stata scritta la scomunica, furono precipitate in mare.
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Bello Poenico confecto, Hamilcar, dux Carthaginiensium, ut Cathaginem venit, rem publicam graviter prostatam esse vidit. Namque diuturnitate externi mali tantum exarsit intestinum bellun, ut numquam par periculum cognovit Carthago nisi cum delecta est. Primo mercennariimilites qui (i quali) adversusromanos pugnaverant, desciverunt. Hi totam abalienaverunt Africam, ipsam Carthaginem oppugnaverunt.

Finita la guerra punica, Amilcare, re dei Cartaginesi, come giunse a Cartagine, si accorse che lo stato era gravemente indebolito (cerca il verbo): infatti per la lunghezza del male esterno tanto divampò la guerra interna, che Cartagine mai conobbe un simile pericolo se non quando venne distrutta. Per prima cosa i soldati mercenari che avevano combattuto contro i romani, si allontanarono (cerca desciverunt). Questi infatti alienarono tutta l'Africa e assediarono la stessa Cartagine.
Hyde555
Hyde555 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie a tutti! Mi manca ancora questa... se qualcuno riuscisse a trovarla...

2. Eumene a roma ( livio)

inizio: aliqui scribunt attalum, regis eumenis fratrem, legatum venisse romam ad deferenda de perseo crimina indicandosque apparatus belli.

fine: haec secum eumenes volutans in animo, oppressus fato, regnum ei reliquit, quem infestissimum esse senserat romanis.
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Se l'avessimo trovata, l'avremmo già postata!!
Hyde555
Hyde555 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
scusa.... era solo un invito a non cercare più le altre perchè ormai le ho già.
brenini92
brenini92 - Sapiens Sapiens - 1610 Punti
Rispondi Cita Salva
non so se ti serve ancora.... cmq questa è quella di Eumene...

"Alcuni scrivono che Attalo, fratello del re Eumene, sia venuto come ambasciatore a roma per riferire dei crimini di Perseo e per indicare l'apparato della guerra. Molti tuttavia dicono che sia venuto anche lo stesso Eumene. Eumene dunque, appena venne a roma, fu accolto con grande onore e fu introdotto dal pretore in senato. Disse che lui era venuto per vedere roma, per il desiderio di vedere gli dei e gli uomini per il quale beneficio eta in tanta fortuna, per la volontà di ammonire il senato affinchè si opponessero ai tentativi di Perseo. Narrò dei piani di Filippo, sulla strage del figlio di Demetrio, che (obsto) alla guerra romana, disse sulla gente dei bastarni cacciata dalle loro sedi, sull'aiuto dei quali Perseo confidava per venire in italia. Eumene (volutans) in animo, oppresso dal fato, lasciò queste cose con lui che aveva capito che erano assai ostili per i romani."
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Suzy90

Suzy90 Moderatore 8653 Punti

VIP
Registrati via email