• Latino
  • correzione versione per domani..

themagick
themagick - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao a tutti vi scrivo la versione e quello che ho fatto...me lo potreste correggere grazie!! mi servirebbe per domani mattina..:blush:blush:blush:blush

versione: una martire della scienza

marcellus consul,bello punico secundo,syracusas,siciliae urbem splendissimam,quae comcartaginiensibus societatem iunxerat,per multos menses oppugnaverat.diturna fuit obsido,neque urbem marcellus cepit nisi post tres annos.syracusanos vero citius vicisset,nisi unus vir in eorum urbe fuisset: archimedes is fuit,machinarum mirabilis fabricator,quibus omnia militaria romanorum opera impediebat. cum vero romani in urbem vi armisuqe penetravissent,miles quidam in archimedis domum forte irrupit,ignorans quis in ea habitaret.ibi senem invenit,et veste et specie venerabilem,qui tum in pulvere quasdam geometricas formas descridebat,eumque interrogavit quis esset. archimedes,cuius mens in geometricis investigationibus omnio intenta erat,ad vocem oculos suos non convertit,velut si militis verba non audivisset, hoc tantum respondit: recede,ne calculos meos turbes. ira tum miles arsit senemque gladio transfixit...

il mio lavoro (spero di non aver scritto troppe cavolate:D)

il console marcello,nella seconda guerra punica,per molti mesi assiedò siracusa la più bella città della sicilia,essendo legata alla scietà dei cartaginesi.
l'assedio fu duraturo,nessuna città riuscì a conquistare dopo tre anni.
un uomo vi fù tra le loro città: archimede era,costruttore di macchine mirabili,che ostacolavano le opere militari dei romani.
quando i romani penetrarono con le armi nella città, alcuni soldati irrupero casualmente nella casa di archimede,non sapendo chi abitasse li, trovarono il vecchio,venerabile per le vesti che tracciava qualche forma geometrica nella polvere ed essi chiesero chi fosse.
archimede,la cui mente era intenta alla investigazione geometrica non spostò i sui ochi lla voce,come se non avesso sentito il milite, archimede rispose: vattene,distrurbi i miei calcoli. allora l'ira avvolse il soldato che lo trafisse con il gladio..

spero di non farvi vomitare con questa traduzione ma sto facendo latino da 4 mesi perchè ho appena cambiato scuola e sn un po scarsino...mi servirebbe entro domani mattna presto...grazie mille
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Eccoti la versione corretta:

Un martire della scienza

marcellus consul,bello punico secundo,syracusas,siciliae urbem splendissimam,quae comcartaginiensibus societatem iunxerat,per multos menses oppugnaverat.diturna fuit obsido,neque urbem marcellus cepit nisi post tres annos.syracusanos vero citius vicisset,nisi unus vir in eorum urbe fuisset: archimedes is fuit,machinarum mirabilis fabricator,quibus omnia militaria romanorum opera impediebat. cum vero romani in urbem vi armisuqe penetravissent,miles quidam in archimedis domum forte irrupit,ignorans quis in ea habitaret.ibi senem invenit,et veste et specie venerabilem,qui tum in pulvere quasdam geometricas formas descridebat,eumque interrogavit quis esset. archimedes,cuius mens in geometricis investigationibus omnio intenta erat,ad vocem oculos suos non convertit,velut si militis verba non audivisset, hoc tantum respondit: recede,ne calculos meos turbes. ira tum miles arsit senemque gladio transfixit...

Il console Marcello, nella seconda guerra punica, per molti mesi assediò Siracusa, la più bella città della Sicilia, la cui società era legata con i Cartaginesi. L'assedio fu duraturo, e Marcello non conquistò nessuna città se non dopo tre anni. In realtà avrebbe vinto i Siracusani più in fretta, se non ci fosse stato un unico uomo nella loro città: questo fu Archimede, costruttore di straordinarie macchine, con le quali impediva tutte le imprese militari dei Romani. Però, dopo che i Romani erano penetrati nella città con la forza e le armi, qualche soldato irruppe per caso nella casa di Archimede, ignorando chi vi (=in quella) ci abitasse. Là trovarono un vecchio, venerabile sia per la veste sia per l’aspetto, che in quel momento tracciava delle forme geometriche nella polvere, e gli chiesero chi fosse. Archimede, la cui mente era tutta intenta in indagini geometriche, non rivolse i suoi occhi alla voce, come se non avesse sentito le parole del soldato, a questo rispose solamente: “Allontanati, per non sconvolgere i miei calcoli”. Allora il soldato arse d’ira e trafisse il vecchio con la spada…
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Blue Angel

Blue Angel Blogger 13141 Punti

VIP
Registrati via email