• Latino
  • Cornelio Nepote: La battaglia dei serpenti

    closed post
frances90
frances90 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Chiedo umilmente aiuto! Grazie in anticipo.


Illusis cretensibus, hannibal in pontum ad prusiam pervenit, a quo dissidebat pergamenus rex eumenes, romanis amicissimus: nam bellum inter eos gerebatur et mari et terra; cupiebat igitur hannibal eum opprimi. Ad hunc interficiendum tale consilium cepit: cum par non esset armis, dolo erat pugnandum. Imperavit quam plurimas venenatas serpentes vivas colligi easque in vasa fictilia conici. Classiarios deinde convocat, iisque praecipit ut omnes in unam eumenis navem concurrant; ut palam faceret suis quo loco rex esset, tabellarum in scapha cum caduceo misit. Qui, ubi ad naves adversariorum pervenit epistulamque ostedens se regem professus est quaerere, statum ad eumenem deductus est: omnes enim arbitrabantur aliquid de pace in ea esse scriptum. Sic regis sui patefacta, tabellarius ad eundem locum, unde erat egressus, se recepit. At Eumenes, soluta epistula, nihil in ea repperit, nisi quae ad eum irridendum pertinerent. Etsi causam inopunatae reu mirabatur neque reperiebat, tamen proelium statim committere statuit. Hannibalis iussu universi navem Eumenis adoriuntur. Cum rex tantam vim sustinere non posset, fuga salutem petit, quam consecutus est se intra sua praesidia recipiendo. Cum reliquae pergamenae naves adversarios premerent acrius, repente in eas vasa fictilia, de quibus supra mentionem fecimus conici coepta sunt. Quae iacta initio risum pugnantibus concitaverunt puppes averterunt seque ad sua castra nautica receperunt. Sic Hannibal consilio arma Pergamenorum superavit.
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Questo è il testo d'autore, guarda se ti può essere utile qualche frase:

Sic conservatis suis rebus Poenus illusis Cretensibus omnibus ad Prusiam in Pontum pervenit. Apud quem eodem animo fuit erga Italiam neque aliud quicquam egit quam regem armavit et exercuit adversus Romanos. Quem cum videret domesticis opibus minus esse robustum, conciliabat ceteros reges, adiungebat bellicosas nationes. Dissidebat ab eo Pergamenus rex Eumenes, Romanis amicissimus, bellumque inter eos gerebatur et mari et terra; sed utrobique Eumenes plus valebat propter Romanorum societatem. Quo magis cupiebat eum Hannibal opprimi; quem si removisset, faciliora sibi cetera fore arbitrabatur. Ad hunc interficiundum talem iniit rationem. Classe paucis diebus erant decreturi. Superabatur navium multitudine; dolo erat pugnandum, cum par non esset armis. Imperavit quam plurimas venenatas serpentes vivas colligi easque in vasa fictilia conici. Harum cum effecisset magnam multitudinem, die ipso, quo facturus erat navale proelium, classiarios convocat hisque praecipit, omnes ut in unam Eumenis regis concurrant navem, a ceteris tantum satis habeant se defendere. Id illos facile serpentium multitudine consecuturos. Rex autem in qua nave veheretur, ut scirent, se facturum. Quem si aut cepissent aut interfecissent, magno iis pollicetur praemio fore.

Così, salvate le sue ricchezze e ingannati tutti i Cretesi, il Cartaginese giunse da Prusia nel Ponto. Presso di questo ebbe gli stessi sentimenti verso dell'Italia e non fece altra cosa che armare il re ed usarlo contro i Romani. E visto che vedeva che costui con i soli suoi mezzi non era molto forte, gli accattivava il favore di altri re e gli procurava alleanze con popoli bellicosi. Era in contrasto con lui Eumene, re di Pergamo, grande alleato dei Romani, e fra di loro si combatteva una guerra sia per mare che per terra; ma dall'una e dall'altra parte era più forte Eumene a causa dell'allenza con i Romani. Per questo Annibale desiderava ancora di più eliminarlo; riteneva che, se lo avesse tolto di mezzo, tutte le altre cose sarebbero state più facili. Escogitò il seguente piano per ucciderlo. Entro pochi giorni essi avrebbero combattuto con la flotta. Egli era inferiore per numero di navi; doveva pertanto combattere con astuzia, visto che non era pari nelle armi. Ordinò di raccogliere quanti più serpenti velenosi possibili e di gettarli in vasi di terracotta. Dopo che ne ebbe raccolti una gran numero, nello stesso giorno in cui stava per verificarsi la battaglia navale convoca i marinai e comanda loro di dirigersi tutti verso la sola nave di Eumene e di limitarsi a proteggersi dalle altre. Essi avrebbero conseguito facilmente l'obiettivo con la moltitudine di serpenti. D'altra parte lui avrebbe fatto in modo di fare sapere loro su quale nave viaggiasse Eumene. Viene promesso che, se lo avessero catturato o ucciso, ci sarebbe stato per loro un grande premio.
frances90
frances90 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Già.. il mio dannato libro delle vacanze ha modificato tutte le versioni per facilitarle/ renderle più difficili rispetto all'originale. Grazie, cercherò di cavarne qualcosa!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego ;)
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

strategeek

strategeek Geek 71 Punti

VIP
Registrati via email