Shocker
Shocker - Habilis - 162 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao ragazzi, per domani devo fare 4 versioni.. 2 le ho già fatte io, ma non è che per queste ultime 2 potreste darmi una mano? :P (Non chiedetemi perchè devo farle per domani, fatto lungo e imbarazzante XD)

Uno Sciocco

Agricola quidam, stultissimus vir, cum in agello suo arvum thesaurum invenisset, ad mercatum properavit et robustissimum equum emit. Inter accolas nemo equum validiorem habebat. At agricola, cum in agris proximis vaccam vidisset, sic cogitavit: "Vacca multo utilior quam equus est: mihi certe copiosissimum lac et plurimos vitulos praebebit". itaque mutationem animalium fecit et maximo cum gaudio vaccam in stabulum duxit. Postridie autem agricola pulcherrimum asellum aspexit: in eius fronte macula candidior nive fulgebat et simillima lunae falci; statimque vaccam asello mutavit. Cum postea in ovem pinguissimam incidisset, exclamavit: "Numquam vellus spissius molliusque vidi: profecto asinus meus deterior ove tam pingui nitidaque est! Asinum igitur ove permutabo" Mutatio facillima fuit et etiam facilior ovis mutatio pro cane et canis pro ansere et anseris pro gallina. Nocte autem vulpes, cum in gallinarium penetravisset, gallinam voravit.

Vittoria dei Romani sui Sabini

Bello iterum cum Sabinis suscepto, Tarquinius, novis militibus conscriptis, multiplicatis copiis equitum, ad dolum etiam devenit. Nam Romanorum rex misit homines qui magnam lignorum vim, in Anienis ripa iacentem, in rates accensam imponerent. Deinde ligna incensa ratibus delata ad sublices perveniunt et, vento ignem iuvante, pontem incendunt. Ea res terrorem Sabinis attulit et militibus fusis fugam impediit, qua re multi in flumine perierunt. Tum hostium arma in Tiberi fluitantia Romae victoriam nuntiaverunt antequam legati nuntiaturi prosperum belli exitum pervenerunt.

Vi ringrazio in anticipo :angel
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Agricola quidam, stultissimus vir, cum in agello suo parvum thesaurum invenisset,ad mercatum properavit et robustissimus equum emit.inter accolas nemo equum validiorem habebat.At agricola,cum in agris proximis vaccam vidisset,sic cogitavit:"Vacca multo utilior quam equus est: mihi certe copiosissimum lac et plurimos vitulos praebit".itaque mutationem animalium fecit et maximo cum gaudio vaccam in stabulum duxit.Postridie autem agricola pulcherrimum asellum aspexit: in eius fronte macula candidior nive fulgebat et simillima lunae falci; statimque vaccam asello mutavit:Cum postea in ovem pinguissimam incidisset,exclamavit:"Numquam vellus spissius molliusque vidi: profecto asinus meus deterior ove tam pingui nitidaque est! Asinum igitur ove permutabo".Mutatio facillima fuit et etiam facilior ovis mutatio pro cane et canis pro ansere et anseris pro gallina.Nocte autem vulpes,cum in gallinarium penetravisset,gallinam voravit.

un contadino, un uomo molto sciocco, avendo trovato nel suo agnello un piccolo tesoro, andò di corsa al mercato e comprò un cavallo molto robusto . nessuno fra gli abitanti aveva un cavallo più vigoroso. ma il contadino,avendo visto nei campi vicini una vacca, penso cosi' :<< La vacca è molto più utile del cavallo mi fornirà sicuramente di latte in abbondanza e di parecchi vitellini>>.Perciò fece cambio di animale e con grande gioia condusse la vacca alla stalla. ma dopo alcuni giorni vide un bellissimo asino:nella sua fronte si distingueva una macchia più candida della neve e molto simile alla falce della luna; e subito scambiò la vacca con l' asino. in seguito essendosi imbattuto in una pecora molto grassa, disse:<< Mai ho visto un vello più spesso e morbido: senza dubbio il mio asino è peggiore di una pecora così grassa e bianca!quindi cambierò l' asino con la pecora>>ancor più facile fu lo scambio della pecora con un cane, e del cane con un' oca, e della oca con una gallina.ma di notte una volpe, essendo entrata nel pollaio, divorò la gallina.
Bello iterum cum Sabinis suscepto, Tarquinius, novis militibus conscriptis, multiplicatis copiis equitum, ad dolum etiam devenit. Nam Romanorum rex misit homines qui magnam lignorum vim, in Anienis ripa iacentem, in rates accensam imponerent. Deinde ligna incensa ratibus delata ad sublices perveniunt et, vento ignem iuvante, pontem incendunt. Ea res terrorem Sabinis attulit et militibus fusis fugam impediit, qua re multi in flumine perierunt. Tum hostium arma in Tiberi fluitantia Romae victoriam nuntiaverunt antequam legati nuntiaturi prosperum belli exitum pervenerunt.

Intrapresa di nuovo la guerra contro i Sabini, reclutati nuovi soldati, ampliate le truppe dei cavalieri, Tarquinio cadde quindi in un inganno. Infatti il re dei romani inviò degli uomini affinchè collocassero sulle zattere una grande quantità incendiata di legni, che giaceva sulla riva dell'Anieno. Quindi i legni incendiati trasportati dalle zattere giunsero (lett.: giungono) presso i piloni e, con il vento che aiutava il fuoco, bruciarono (lett.:bruciano) il ponte. Questa cosa incusse paura ai sabini ed impedì la fuga ai soldati sparpagliati, e, per questo motivo, molti morirono nel fiume. Allora le armi dei nemici nell'impetuosità del Tevere annunciarono la vittoria di Roma prima che gli ambasciatori furono giunti per annunciare il fausto esito della guerra.
Shocker
Shocker - Habilis - 162 Punti
Rispondi Cita Salva
marios46 : Agricola quidam, stultissimus vir, cum in agello suo parvum thesaurum invenisset,ad mercatum properavit et robustissimus equum emit.inter accolas nemo equum validiorem habebat.At agricola,cum in agris proximis vaccam vidisset,sic cogitavit:"Vacca multo utilior quam equus est: mihi certe copiosissimum lac et plurimos vitulos praebit".itaque mutationem animalium fecit et maximo cum gaudio vaccam in stabulum duxit.Postridie autem agricola pulcherrimum asellum aspexit: in eius fronte macula candidior nive fulgebat et simillima lunae falci; statimque vaccam asello mutavit:Cum postea in ovem pinguissimam incidisset,exclamavit:"Numquam vellus spissius molliusque vidi: profecto asinus meus deterior ove tam pingui nitidaque est! Asinum igitur ove permutabo".Mutatio facillima fuit et etiam facilior ovis mutatio pro cane et canis pro ansere et anseris pro gallina.Nocte autem vulpes,cum in gallinarium penetravisset,gallinam voravit.

un contadino, un uomo molto sciocco, avendo trovato nel suo agnello un piccolo tesoro, andò di corsa al mercato e comprò un cavallo molto robusto . nessuno fra gli abitanti aveva un cavallo più vigoroso. ma il contadino,avendo visto nei campi vicini una vacca, penso cosi' :<< La vacca è molto più utile del cavallo mi fornirà sicuramente di latte in abbondanza e di parecchi vitellini>>.Perciò fece cambio di animale e con grande gioia condusse la vacca alla stalla. ma dopo alcuni giorni vide un bellissimo asino:nella sua fronte si distingueva una macchia più candida della neve e molto simile alla falce della luna; e subito scambiò la vacca con l' asino. in seguito essendosi imbattuto in una pecora molto grassa, disse:<< Mai ho visto un vello più spesso e morbido: senza dubbio il mio asino è peggiore di una pecora così grassa e bianca!quindi cambierò l' asino con la pecora>>ancor più facile fu lo scambio della pecora con un cane, e del cane con un' oca, e della oca con una gallina.ma di notte una volpe, essendo entrata nel pollaio, divorò la gallina.
Bello iterum cum Sabinis suscepto, Tarquinius, novis militibus conscriptis, multiplicatis copiis equitum, ad dolum etiam devenit. Nam Romanorum rex misit homines qui magnam lignorum vim, in Anienis ripa iacentem, in rates accensam imponerent. Deinde ligna incensa ratibus delata ad sublices perveniunt et, vento ignem iuvante, pontem incendunt. Ea res terrorem Sabinis attulit et militibus fusis fugam impediit, qua re multi in flumine perierunt. Tum hostium arma in Tiberi fluitantia Romae victoriam nuntiaverunt antequam legati nuntiaturi prosperum belli exitum pervenerunt.

Intrapresa di nuovo la guerra contro i Sabini, reclutati nuovi soldati, ampliate le truppe dei cavalieri, Tarquinio cadde quindi in un inganno. Infatti il re dei romani inviò degli uomini affinchè collocassero sulle zattere una grande quantità incendiata di legni, che giaceva sulla riva dell'Anieno. Quindi i legni incendiati trasportati dalle zattere giunsero (lett.: giungono) presso i piloni e, con il vento che aiutava il fuoco, bruciarono (lett.:bruciano) il ponte. Questa cosa incusse paura ai sabini ed impedì la fuga ai soldati sparpagliati, e, per questo motivo, molti morirono nel fiume. Allora le armi dei nemici nell'impetuosità del Tevere annunciarono la vittoria di Roma prima che gli ambasciatori furono giunti per annunciare il fausto esito della guerra.

Grazie mille! Velocissimo e impeccabile :beer
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email