• Latino
  • ANALISI E TRADUZIONE - SENECA - IL MESTIERE DI VIVERE

silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
IL MESTIERE DI VIVERE
Seneca De Brevitate Vitae VII, 3-5

Denique inter omnes convenit nullam rem bene exerceri posse ab homine occupato non eloquentiam non liberales disciplinas quando districtus animus nihil altius recipit sed omnia velut inculcata respuit. Nihil minus est hominis occupati quam vivere: nullius rei difficilior scientia est. Professores aliarum artium vulgo multique sunt quasdam vero ex his pueri admodum ita percepisse visi sunt ut etiam praecipere possent: vivere tota vita discendum est et quod magis fortasse miraberis tota vita discendum est mori. 4 Tot maximi viri relictis omnibus impedimentis cum divitiis officiis voluptatibus renuntiassent hoc unum in extremam usque aetatem egerunt ut vivere scirent; plures tamen ex his nondum se scire confessi vita abierunt nedum ut isti sciant. 5 Magni mihi crede et supra humanos errores eminentis viri est nihil ex suo tempore delibari sinere et ideo eius vita longissima est quia quantumcumque patuit totum ipsi vacavit. Nihil inde incultum otiosumque iacuit nihil sub alio fuit neque enim quicquam repperit dignum quod cum tempore suo permutaret custos eius parcissimus. Itaque satis illi fuit.

Denique inter omnes convenit // nullam rem bene exerceri posse ab homine occupato, non eloquentiam non liberales disciplinas, // quando districtus animus nihil altius recipit sed omnia velut inculcata respuit.

principale
infinitiva
causale


- ANALISI SINGOLE PROPOSIZIONI
convenit è impersonale non essendoci soggetto --> regge "inter omnes"
nullam rem --> soggetto infinitiva , come "eloquentiam" e "liberales disciplinas"
animus --> soggetto della causale
districtus --> partic. con valore attributivo rif. a "animus"
nihil altius --> termini collegati al neutro
recipit / respuit --> verbi della causale coordinati da "sed"
velut --> significato : come se : comparativa ipotetica
inculcata --> participio riferito a "omnia"


Nihil minus est hominis occupati quam vivere: nullius rei difficilior scientia est. Professores aliarum artium vulgo multique sunt quasdam vero ex his pueri admodum // ita percepisse // visi sunt // ut etiam praecipere possent: vivere tota vita discendum est et // quod magis fortasse miraberis // tota vita discendum est mori.

principali
infinitiva
consecutiva
relativa


- ANALISI SINGOLE PROPOSIZIONI
Nihil minus est hominis occupati quam vivere: nullius rei difficilior scientia est

- se c'è "minus" è evidente che ci deve essere un 2° termine di paragone
infatti troviamo "quam" che introduce il 2° termine

- quando troviamo una forma del verbo 'sum' + un genitivo, possiamo tentare di dedurre che sia un genitivo di pertinenza ( «proprio di..»)

quasdam vero ex his pueri admodum ita percepisse visi sunt

- quasdam è un femminile, riferito ad un femm. della frase precedente ( artium )
- ex his è un partitivo
- pueri [ sogg. ] admodum sono legati
- visi sunt --> costruz. personale di "videor" , riferito a "pueri"
- ita --> segnale una 'consecutiva' che viene dopo

quod magis fortasse miraberis

spesso "quod" si riferisce a tutta la frase reggente e assume il valore di "il che" / "cosa che"

- discendum est --> perifrastica passiva
shark
shark - Genius - 8072 Punti
Rispondi Cita Salva
analisi perfetta, mika si potrebbe avere l'analisi uguale del de brevitate vita di seneca?? i primi 2 capitoli




I.1 Maior pars mortalium Pauline de naturae malignitate conqueritur quod in exiguum aevi gignimur quod haec tam velociter tam rapide dati nobis temporis spatia decurrant adeo ut exceptis admodum pacis ceteros in ipso vitae apparatu vita destituat. Nec huic publico ut opinantur malo turba tantum et imprudens vulgus ingemuit; clarorum quoque virorum hic affectus querellas evocavit. Inde illa maximi medicorum exclamatio est: "vitam brevem esse longam artem". 2 Inde Aristotelis cum rerum natura exigentis minime conveniens sapienti viro lis: "aetatis illam animalibus tantum indulsisse ut quina aut dena saecula educerent homini in tam multa ac magna genito tanto citeriorem terminum stare." 3 Non exiguum temporis habemus sed multum perdidimus. Satis longa vita et in maximarum rerum consummationem large data est si tota bene collocaretur; sed ubi per luxum ac neglegentiam diffluit ubi nulli bonae rei impenditur ultima demum necessitate cogente quam ire non intelleximus transisse sentimus. 4 Ita est: non accipimus brevem vitam sed fecimus nec inopes eius sed prodigi sumus. Sicut amplae et regiae opes ubi ad malum dominum pervenerunt momento dissipantur at quamvis modicae si bono custodi traditae sunt usu crescunt: ita aetas nostra bene disponenti multum patet.
I. La maggior parte dei mortali, o Paolino, si lagna per la cattiveria della natura, perché siamo messi al mondo per un esiguo periodo di tempo, perché questi periodi di tempo a noi concessi trascorrono così velocemente, così in fretta che, tranne pochissimi, la vita abbandoni gli altri nello stesso sorgere della vita. Né di tale calamità, comune a tutti, come credono, si lamentò solo la folla e il dissennato popolino; questo stato d’animo suscitò le lamentele anche di personaggi famosi. Da qui deriva la famosa esclamazione del più illustre dei medici, che la vita è breve, l’arte lunga; di qui la contesa, poco decorosa per un saggio, dell’esigente Aristotele con la natura delle cose, perché essa è stata tanto benevola nei confronti degli animali, che possono vivere cinque o dieci generazioni, ed invece ha concesso un tempo tanto più breve all’uomo, nato a tante e così grandi cose. Noi non disponiamo di poco tempo, ma ne abbiamo perduto molto. La vita è lunga abbastanza e ci è stata data con larghezza per la realizzazione delle più grandi imprese, se fosse impiegata tutta con diligenza; ma quando essa trascorre nello spreco e nell’indifferenza, quando non viene spesa per nulla di buono, spinti alla fine dall’estrema necessità, ci accorgiamo che essa è passata e non ci siamo accorti del suo trascorrere. È così: non riceviamo una vita breve, ma l’abbiamo resa noi, e non siamo poveri di essa, ma prodighi. Come sontuose e regali ricchezze, quando siano giunte ad un cattivo padrone, vengono dissipate in un attimo, ma, benché modeste, se vengono affidate ad un buon custode, si incrementano con l’investimento, così la nostra vita molto si estende per chi sa bene gestirla.



. 1 Quid de rerum natura querimur? Illa se benigne gessit: vita si uti scias longa est. [At] alium insatiabilis tenet avaritia; alium in supervacuis laboribus operosa sedulitas; alius vino madet alius inertia torpet; alium defetigat ex alienis iudiciis suspensa semper ambitio alium mercandi praeceps cupiditas circa omnis terras omnia maria spe lucri ducit; quosdam torquet cupido militiae numquam non aut alienis periculis intentos aut suis anxios; sunt quos ingratus superiorum cultus voluntaria servitute consumat; 2 multos aut affectatio alienae formae aut suae querella detinuit; plerosque nihil certum sequentis vaga et inconstans et sibi displicens levitas per nova consilia iactavit; quibusdam nihil quo cursum derigant placet sed marcentis oscitantisque fata deprendunt adeo ut quod apud maximum poetarum more oraculi dictum est verum esse non dubitem: "Exigua pars est vitae qua vivimus. Ceterum quidem omne spatium non vita sed tempus est. 3 Urgent et circumstant vitia undique nec resurgere aut in dispectum veri attollere oculos sinunt. Et immersos et in cupiditatem infixos premunt numquam illis recurrere ad se licet. Si quando aliqua fortuito quies contigit velut profundo mari in quo post ventum quoque volutatio est fluctuantur nec umquam illis a cupiditatibus suis otium stat. 4 De istis me putas dicere quorum in confesso mala sunt? Aspice illos ad quorum felicitatem concurritur:bonis suis effocantur. Quam multis divitiae graves sunt! Quam multorum eloquentia et cotidiana ostentandi ingenii sollicitatio sanguinem educit! Quam multi continuis voluptatibus pallent! Quam multis nihil liberi relinquit circumfusus clientium populus! Omnis denique istos ab infimis usque ad summos pererra: hic advocat hic adest ille periclitatur ille defendit ille iudicat nemo se sibi vindicat alius in alium consumitur. Interroga de istis quorum nomina ediscuntur his illos dinosci videbis notis: ille illius ius cultor est hic illius; suus nemo est. 5 Deinde dementissima quorundam indignatio est: queruntur de superiorum fastidio quod ipsis adire volentibus non vacaverint! Audet quisquam de alterius superbia queri qui sibi ipse numquam vacat? Ille tamen te quisquis es insolenti quidem vultu sed aliquando respexit ille aures suas ad tua verba demisit ille te ad latus suum recepit: tu non inspicere te umquam non audire dignatus es. Non est itaque quod ista officia cuiquam imputes quoniam quidem cum illa faceres non esse cum alio volebas sed tecum esse non poteras.


2. [1] Perché ci lamentiamo della natura? Essa si è comportata con generosità: la vita, se solo tu sappia impiegarla, è lunga. Uno è dominato da un’avidità insaziabile, un altro da uno zelo instancabile a faticare inutilmente, uno è fradicio di vino, un altro è paralizzato dall’inerzia, uno, lo esaurisce un’ambizione che sempre dipende dai giudizi altrui, un altro, una smania precipitosa di commerciare lo conduce, con la speranza del guadagno, per ogni dove, terra o mare che sia; certuni sono torturati dalla voglia di far la guerra, e non c’è istante in cui non siano o tesi ai pericoli altrui o angosciati per i propri; c’è chi si lascia logorare in una volontaria schiavitù, da un ingrato ossequio tributato ai superiori; [2] molti sono tenuti occupati dal cercar di raggiungere la bellezza altrui o dall’aver cura della propria; moltissimi, senza punti fermi da cui lasciarsi guidare, sono sballottati in mezzo a (sempre) nuove decisioni da una volubilità ondeggiante e instabile e scontenta di sé; a certuni non piace nulla a cui dirigere la rotta, ma la morte li sorprende a marcire tra uno sbadiglio e l’altro, al punto che non ho dubbi sulla verità di ciò che è detto, in forma di sentenza solenne nel (verso del) più grande dei poeti: «piccola è la parte della vita nella quale viviamo». Effettivamente tutto lo spazio rimanente non è vita, ma tempo. Non danno tregua e incalzano da ogni parte, i vizi, e non permettono di rialzarsi né di levar su gli occhi a veder chiaramente il vero, ma tengono schiacciati già e conficcati nella brama Non è possibile mai, a quelle persone, ritornare a se stesse, se mai capita loro un momento, per caso di pace, come in alto mare, dove c’è agitazione anche dopo il vento, ondeggiano e non hanno mai stabile tregua dalle loro brame. [4] Pensi che io parli di questi qui, i cui mali sono indubitati? Guarda quegli altri, alla cui buona fortuna in massa si accorre: i loro beni li soffocano. Per quanti la ricchezza è un peso! A quanti spreme sangue l’eloquenza e (il darsi da fare) tutti giorni a mettere in mostra il (proprio) ingegno! Quanti sono smorti per i continui piaceri! A quanti non lascia un istante di libertà la folla di clienti che si serra loro addosso! Tutti costoro, insomma, passali in rassegna, dai più in basso ai più in alto: questo chiede assistenza legale, quest’altro fornisce la sua, quello è imputato, quell’altro è difensore, quell’altro ancora giudice, nessuno rivendica a sé il possesso di se stesso, ci si spende l’uno per l’altro. Chiedi di costoro i cui nomi s’imparano a memoria, vedrai che i loro segni di riconoscimento sono questi: il tale è al servizio del tal altro, questo di quell’altro: nessuno appartiene a se stesso. [5] È quindi quanto mai insensato lo sdegno di certuni: si lagnano che i loro superiori facciano i difficili, che non abbiano avuto tempo per loro quando volevano averne udienza! Ha il coraggio di lagnarsi dell’altrui alterigia, uno che non ha mai tempo, lui, per se stesso? Per lo meno quello, con un’espressione d’arroganza sul volto, è vero, ma s’è pur voltato una buona volta a guardare te, chiunque tu sia, quello ha abbassato le sue orecchie alle tue parole, quello ti ha ammesso al suo fianco: tu non ti sei mai degnato di guardar dentro te stesso, di ascoltare te stesso. Non c’è dunque motivo per cui tu ti faccia merito presso alcuno di codesti servizi, dal momento che, appunto, mentre li rendevi, non già volevi stare con un altro, bensì non potevi stare con te stesso.


grazie skuola.net
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao shark...per quando ti serve ?
shark
shark - Genius - 8072 Punti
Rispondi Cita Salva
mi servirebbe per dmn mattina, ke ho il compito, però nn voglio rompere, solo se puoi...
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
e come faccio a fartela tutta ?...

ci vorrebbe 'superman'... :lol
shark
shark - Genius - 8072 Punti
Rispondi Cita Salva
Dmn la prof ci assegna l'analisi di qst!Se almeno puoi scrivermi le cose essenziali, altrimenti fa niente
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email