• Latino
  • aiutooooooooo versione x stasera i pregooooo

ciccia94
ciccia94 - Habilis - 160 Punti
Rispondi Cita Salva
Posts: 1
Città: orentano
Scuola: Liceo Classico
Sesso:
Età: 14


In Harpyiarum insulis tertium oraculum Aeneae sociisque editur:"In Latii oris propter cibi penuriam mensas absumere congemini". E squalidis insulis Troiani in Epirum appellunt et Butrotum perveniunt, quia oppidum ab Heleno Troiano cum Andromacha recitur. Helenus Aeneae haeg praenuntiat:" Pelagus percurres et longe errabis. Primum in sicilia consistito, deind Cumas pergito et Sibyllam iucundis verbis blanditiisque demeteto: cum sibylla enim sub terram descendes et Inferos lustrabis; dandem ad Latium pervenies et, ubi porcam cum triginta porcellulis videbis, oppidum condito, quod Lavinium, a Lavinia, Latini filia, appellabis". Aeneas profecto Scyllam et Carybdim, monstra foeda atque saeva, vitat et in insulam Siciliam appelit. Insulam pelustrat et Drepani consistit, at ibi aerurmna magna laborat, quod pater Anchises e vita excedit. Deinder Drepano ad Latium solvit, sed subita procella scaphae iactantur et ad scopulos in Libyae oris alliduntur.
se_rena
se_rena - Genius - 2188 Punti
Rispondi Cita Salva
In Harpyiarum insulis tertium oraculum Aeneae sociisque editur: " In Latii oris propter cibi penuriam mensas absumere cogemini". E squalidis insulis Troiani in Epirum appellunt et Butrotum perveniunt, quia oppidum ab Heleno Troiano cum Andromacha regitur. Helenus Aeneae haec (= queste cose) praenuntiat: "Pelagus percurres et longe errabis. Primum in Sicilia consistito, deinde Cumas pergito et Sibyllam iucundis verbis blanditiisque demereto ( da demereo): cum Sibylla enim sub terram descendes et Inferos lustrabis; tandem ad Latium pervenies et, ubi (= dove) porcam cum triginta (= trenta) porcellulis videbis, oppidum condito, quod (= che -> acc.) Lavinium, a Lavinia, Latini filia, appellabis". Aeneas profecto Scyllam et Carybdim ( = Cariddi, acc.), monstra foeda atque saeva, vitat et in insulam Siciliam appellit. Insulam perlustrat et Drepani consistit, at ibi (= "lì";) aerumna magna laborat, quod pater Anchises e vita excedit. Deinde Drepano ad Latium solvit, sed subita procella scaphae iactantur et ad scopulos in Libyae oris alliduntur.


Nelle isole delle Arpie venne detto a Enea e ai compagni il terzo oracolo: nelle spiagge del lazio per la mancanza di cibo sarete costretti a (cerca absumere) le mense. Dalle squallide isole i troiani approdano in Epiro e giungono a (cerca Butrotum), poichè la città è retta dal troiano Eleno con Andromaca. Eleno preannuncia queste cose ad Enea: percorrerai il mare e a lungo errerai. Per prima ti fermerai in Sicilia, poi volgerai a Cuma e ti guadagnerai il favore della Sibilla con parole e lusinghe; discenderai con la sibilla sotto terra e vedrai gli inferi, poi giungerai nel lazio e, dove vedrai una scrofa con trenta porcellini, fonderai una città, che chiamerai Lavinio. da Lavinia, figlia di Latino. Enea sicuramente evita Scilla e Cariddi, mostri tremendi e feroci, e approda nell'isola di Sicilia. Visita l'isola e si ferma a Defrano, e lì soffre per una grande sciagura, perchè il padre Anchise muore. Quindi Drepano arrivò in Lazio, ma una tempesta gli rovinò la nave e dovette riparare sulle coste libiche.
ciccia94
ciccia94 - Habilis - 160 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie serena ma non potresti farmi anche l'ultima parte?
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Quale parte? :con
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mattbit

mattbit Geek 281 Punti

VIP
Registrati via email