• Latino
  • aiutooooo versione di gellio!!! urgentissimaaaaaaaaaaa

    closed post
Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao!! mi potreste tradurre questa versione?? IL RACCONTO DI ANDROCLO di gellio
INIZIO: CUM PROVINCIAM AFRICAM DOMINUS MEUS PROCONSULARI IMPERIO OBTINERET,
FINE: DIMISSUS EST ET POENA SOLUTUS,KEOQUE EI DONATUS EST.

vi prego traducetemela al più presto....ce la ho bisogno....heeeeeeeeeelp
grazie raga!!!! eheheheheheh :thx:thx:thx:dozingoff:dontgetit
vi prego traducetemelaaaaaaaaaaaaaaaa...io nn rieso!|!!!
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Trovato solo questo magari può aiutarti a tradurre la versione tua

"Cum1 provinciam” inquit “Africam proconsulari imperio meus dominus obtineret, ego ibi iniquis eius et cotidianis verberibus ad fugam sum coactus et in camporum et arenarum solitudines concessi. Tum, sole medio rabido et flagranti2, specum quandam nanctus3 remotam latebrosamque, in eam me penetro et recondo. Neque multo post ad eandem specum venit hic leo debili uno et cruento pede, gemitus edens et murmura dolorem cruciatumque vulneris commiserantia4. Postquam5 introgressus leo, uti6 re ipsa apparuit, in habitaculum illud suum, videt me procul delitescentem7, mitis et mansues8 accessit et sublatum pedem ostendere mihi et porrigere quasi opis petendae gratia9 visus est. Ibi ego stirpem ingentem vestigio pedis eius haerentem revelli conceptamque saniem volnere intimo10 expressi accuratiusque, sine magna iam formidine, siccavi penitus atque detersi cruorem. Illa tunc mea opera et medella11 levatus, pede in manibus meis posito12, recubuit et quievit, atque ex eo die triennium totum13 ego et leo in eadem specu eodemque et14 victu viximus.”
"Mentre il mio padrone - disse - governava la provincia (d') Africa con la carica di proconsole, io là fui costretto alla fuga dalle sue ingiuste fustigazioni quotidiane1, e mi ritirai in campagne e distese di sabbia deserte2. Allora, (poiché) il sole di mezzogiorno (era) rabbioso e infocato, imbattutomi in una caverna fuori di mano e nascosta, vi penetrai3 e mi nascosi4. E dopo non molto, alla medesima caverna, arrivò questo leone, con una zampa ferita e sanguinante, emettendo gemiti e lamenti che esprimevano il tormento della ferita. Dopo che il leone, entrato in quella (che era) - come risultò chiaro dalla situazione stessa - (la) sua tana, mi vide5 cercar di nascondermi in fondo, (mi) si avvicinò mite e mansueto e sembrò mostrarmi e porgermi la zampa sollevata come per chiedere aiuto. Allora io estrassi una enorme scheggia di legno conficcata nella pianta della sua zampa, feci uscire dal fondo della ferita il sangue infetto formatosi e con una certa cura6, ormai senza grande timore, (la) asciugai a fondo e (la) ripulii (del) sangue rappreso. Allora (il leone), confortato da quella mia opera di medicazione7, posta la zampa fra le mie mani, si sdraiò e si addormentò, e da quel giorno io ed il leone vivemmo per tre anni interi nella medesima caverna ed anche del medesimo cibo."
Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti
Rispondi Cita Salva
no nn riesco dai traducetemelaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa......vi preeeeeeeeeeeeeego ..nn ce la faccio!!!!!!!!!!
Noel
Noel - Eliminato - 36674 Punti
Rispondi Cita Salva
Guarda se questa va bene:

"Quando" egli dice "il mio padrone ottenne la carica di proconsole nella provincia d'Africa, fui costretto a fuggire da lui per l'indegno trattamento e le quotidiane fustigazioni che mi infliggeva, e per trovar più sicuro rifugio dal padrone che governava quel territorio, mi nascosi in campagne e spiagge deserte, pensando, se mi veniva a mancare il cibo, di darmi in qualche modo la morte. Essendomi imbattuto sotto un sole di mezzogiorno, rabbioso e infuocato, in una caverna fuor di mano e celata alla vista, vi penetrai e mi nascosi. Dopo non molto entrò in quella caverna un leone, con una zampa ferita e insanguinante; la belva emetteva gemiti e pianti, e si lamentava per il violento dolore della ferita". Sulle prime, a veder giungere un leone, Androclo provò un terribile spavento. "Ma" dice "quando il leone fu entrato nella caverna, che, come appariva, era la sua abitazione e mi vide cercar di nascondermi sul fondo, mi si fece vicino con atteggiamento mite e mansueto e, sollevata una zampa, me la mostrò; sembrava mi domandasse soccorso. Allora io trassi una grossa spina che si era conficcata nella pianta del piede, feci uscire l'infezione che si era formata in fondo alla ferita, infine, privo ormai di paura, accuratamente purificai e asciugai completamente la ferita. Allora il leone, che dal mio intervento era stato guarito, posta la zampa fra le mie mani, si addormentò tranquillamente; da quel giorno per tre anni vivemmo assieme nella stessa caverna e assieme mangiammo, giacché, al ritorno della caccia, mi portava nella caverna i bocconi più prelibati, che, non avendo fuoco, facevo arrostire al sole di mezzodì. Stancatomi, però, di tal genere di vita selvaggia, un giorno in cui il leone era andato a caccia, abbandonai la ceverna e dopo tre giorni di cammino fui scorto e preso da alcuni soldati e riportato al mio padrone che era rientrato a Roma dall'Africa. Questi, subito, mi condannò a morte e mi fece destinare alle belve feroci. Vedo che il leone è stato catturato anche lui dopo la nostra separazione, e vuole ora ricambiare la gratitudine per la mia bontà e la cura che ho avuto di lui".
Tale fu, secondo Apione, ciò che disse Androclo; e tutto ciò fu scritto su una tavoletta, fatta poi circolare fra gli spettatori; su richiesta di tutti Androclo venne graziato e inoltre il leone fu regalato al popolo romano. "Poi" dice "vidi Androclo che, tenendo legato il leone con una sottile corda, andava in giro per tutte le botteghe della città; si dava del denaro ad Androclo, si spargevan fiori al passaggio del leone e tutti coloro che incontravano quei due esclamavano: "Quello è il leone che ospitò l'uomo, quello è l'uomo che medicò il leone".
Iloveyou
Iloveyou - Sapiens Sapiens - 1482 Punti
Rispondi Cita Salva
:thxmi potresti dare il testo in latino così controllo...TI PREGO...iiii..grazie...
Noel
Noel - Eliminato - 36674 Punti
Rispondi Cita Salva
Prova a cercarlo,è questo quì il testo:

XIV. Quod Apion, doctus homo, qui "Plistonices" appellatus est, vidisse se Romae scripsit recognitionem inter sese mutuam ex vetere notitia hominis et leonis. 1 Apion, qui "Plistonices" appellatus est, litteris homo multis praeditus rerumque Graecarum plurima atque varia scientia fuit. 2 Eius libri non incelebres feruntur, quibus omnium ferme, quae mirifica in Aegypto visuntur audiunturque, historia comprehenditur. 3 Sed in his, quae vel audisse vel legisse sese dicit, fortassean vitio studioque ostentationis sit loquacior - est enim sane quam in praedicandis doctrinis sui venditator -; 4 hoc autem, quod in libro Aegyptiacorum quinto scripsit, neque audisse neque legisse, sed ipsum sese in urbe Roma vidisse oculis suis confirmat. 5 "In circo maximo" inquit "venationis amplissimae pugna populo dabatur. 6 Eius rei, Romae cum forte essem, spectator" inquit "fui. 7 Multae ibi saevientes ferae, magnitudines bestiarum excellentes, omniumque invisitata aut forma erat aut ferocia. 8 Sed praeter alia omnia leonum" inquit "immanitas admirationi fuit praeterque omnis ceteros unus. 9 Is unus leo corporis impetu et vastitudine terrificoque fremitu et sonoro, toris comisque cervicum fluctuantibus animos oculosque omnium in sese converterat. 10 Introductus erat inter compluris ceteros ad pugnam bestiarum datus servus viri consularis ; ei servo Androclus nomen fuit. 11 Hunc ille leo ubi vidit procul, repente" inquit "quasi admirans stetit ac deinde sensim atque placide tamquam noscitabundus ad hominem accedit. 12 Tum caudam more atque ritu adulantium canum clementer et blande movet hominisque se corpori adiungit cruraque eius et manus prope iam exanimati metu lingua leniter demulcet. 13 Homo Androclus inter illa tam atrocis ferae blandimenta amissum animum recuperat, paulatim oculos ad contuendum leonem refert. 14 Tum quasi mutua recognitione facta laetos" inquit "et gratulabundos videres hominem et leonem." 15 Ea re prorsus tam admirabili maximos populi clamores excitatos dicit accersitumque a Caesare Androclum quaesitamque causam, cur illi atrocissimus leo uni parsisset. 16 Ibi Androclus rem mirificam narrat atque admirandam. 17 "Cum provinciam" inquit "Africam proconsulari imperio meus dominus obtineret, ego ibi iniquis eius et cotidianis verberibus ad fugam sum coactus et, ut mihi a domino, terrae illius praeside, tutiores latebrae forent, in camporum et arenarum solitudines concessi ac, si defuisset cibus, consilium fuit mortem aliquo pacto quaerere. 18 Tum sole medio" inquit "rabido et flagranti specum quandam nanctus remotam latebrosamque in eam me penetro et recondo. 19 Neque multo post ad eandem specum venit hic leo debili uno et cruento pede gemitus edens et murmura dolorem cruciatumque vulneris commiserantia." Atque illic primo quidem conspectu advenientis leonis territum sibi et pavefactum animum dixit.
........
21 "Sed postquam introgressus" inquit "leo, uti re ipsa apparuit, in habitaculum illud suum, videt me procul delitescentem, mitis et mansues accessit et sublatum pedem ostendere mihi et porrigere quasi opis petendae gratia visus est. 22 Ibi" inquit "ego stirpem ingentem vestigio pedis eius haerentem revelli conceptamque saniem volnere intimo expressi accuratiusque sine magna iam formidine siccavi penitus atque detersi cruorem. 23 Illa tunc mea opera et medella levatus pede in manibus meis posito recubuit et quievit, 24 atque ex eo die triennium totum ego et leo in eadem specu eodemque et victu viximus. 25 Nam, quas venabatur feras, membra opimiora ad specum mihi subgerebat, quae ego ignis copiam non habens meridiano sole torrens edebam. 26 Sed ubi me" inquit "vitae illius ferinae iam pertaesum est, leone in venatum profecto reliqui specum et viam ferme tridui permensus a militibus visus adprehensusque sum et ad dominum ex Africa Romam deductus. 27 Is me statim rei capitalis damnandum dandumque ad bestias curavit. 28 Intellego autem" inquit "hunc quoque leonem me tunc separato captum gratiam mihi nunc beneficii et medicinae referre." 29 Haec Apion dixisse Androclum tradit eaque omnia scripta circumlataque tabula populo declarata atque ideo cunctis petentibus dimissum Androclum et poena solutum leonemque ei suffragiis populi donatum. 30 "Postea" inquit "videbamus Androclum et leonem loro tenui revinctum urbe tota circum tabernas ire, donari aere Androclum, floribus spargi leonem, omnes ubique obvios dicere: "Hic est leo hospes hominis, hic est homo medicus leonis"."
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

pizzibutti

pizzibutti Blogger 284 Punti

VIP
Registrati via email