• Latino
  • AIUTOOOO!!!! URGENTE X FAVORE!!!!

    closed post
oO°GIULIA°Oo
oO°GIULIA°Oo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
Sono nuova d qua....x favore mica qlkn ha una di qst versioni:
PERSONAGGI FAMOSI I FABII E CINCINNATO è così:
C.Fabio et L. Virginio consulibus, trecenti nobiles homines, qui ex Fabiafamilia erant, contra Veientes bellum soli susceperunt, senatui et populo per se omne certamen impleturi. Itaque omnes nobiles, qui singuli magnorum exercituum duces futuri erant, in proelio conciderunt. Unus omnino superfuit EX tanta familia, qui propter aetatem puerilem duci non potuerat ad pugnam. Fostea census in urbe habitus est et intenta sunt CIVIUM capita CXVII milia CCCX1X.
Sequenti anno cum in Algido monte ab urbe duodecimofenne miliario Romanus obsideretur exercitus, L. Quintius Cincinnatus dictator est factus, qui agrum quattuor iugerum possidens manibus suis colebat. Is cum in opere et arans esset inventus, sudore deterso, togam frraetextam accepit et, caesis hostibus, liberavit exercitum.
da Eutropio
LA GUERRA IN AFRICA:
CaesaR cum videret milites acrius pugnare non posse nec tamen multum profici propter locorum difficultatem, cumque animum adverteret excelsissimum locum castrorum relictum esse ab Alexandrinis, quod et per se munitus erat et partim ut pugnarent partim itt sectarent decucurrerant in eum locum in quo pugnabatur, cohortes circumvenire castra et summum locum oppugnare iussit eisque Carfulenum praefecit, et animi magnitudine et rei militaris scientia virum praestantem. Quo ut ventum est, paucis defendentibus munitionem, nostris contra militibus acerrime pugnantibus, diverso clamore et proelio perterriti Alexandrini trepidantes in omnes partes castrorum discurrebant.
dal bellum alexandrinum
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
C. Fabio et L. Virginio consulibus trecenti nobiles homines, qui ex Fabia familia erant, contra Veientes bellum soli susceperunt, promittentes senatui et populo per se omne certamen implendum. Itaque profecti, omnes nobiles et qui singuli magnorum exercituum duces esse deberent, in proelio conciderunt. Unus omnino superfuit ex tanta familia, qui propter aetatem puerilem duci non potuerat ad pugnam. Post haec census in urbe habitus est et inventa sunt civium capita CXVII mulia CCCXIX.
Sequenti tamen anno cum in Algido monte ab urbe duodecimo ferme miliario Romanus obsideretur exercitus, L. Quintius Cincinnatus dictator est factus, qui agrum quattuor iugerum possidens manibus suis colebat. Is cum in opere et arans esset inventus, sudore deterso, togam praetextam accepit et, caesis hostibus, liberavit exercitum.

Essendo consoli C. Fabio e L. Virginio trecento nobili della famiglia Fabia intrapresero da soli la guerra contro i Veienti, promettendo al senato e al popolo che essi avrebbero posto fine a ogni guerra. E così partiti, tutti nobili e degni ciascuno del comando di grandi eserciti, caddero in battaglia. Uno soltanto sopravvisse di così gran famiglia, che per l'età fanciullesca non aveva potuto esser condotto in battaglia. Dopo queste vicende in città fu fatto il censimento e furon trovati cittadini 117milatreccentodiciannove.
Tuttavia nell’anno successivo, essendo l’esercito bloccato sul monte Algido, a circa dodici miglia dalla città, L. Quinto Cincinnato fu fatto dittatore, il quale coltivava con le sue mani un campo che occupava quattro iugeri. Essendo egli trovato durante il lavoro e mentre arava, dopo essere stato asciugato dal sudore, accettò la toga pretesta, e dopo aver sconfitto i nemici liberò l’esercito.
oO°GIULIA°Oo
oO°GIULIA°Oo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
GRAZIE 10000!!!! SEI UN GRANDE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE!!!!
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego;)!

Mi dispiace ma l'altra nn la trovo:(!
oO°GIULIA°Oo
oO°GIULIA°Oo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
nn importa figurati!!!!!
grazie ancora!!!!
:p
ma senti per caso mica riesci a trovare anche qst:
UN NOTO RE DI ROMA di Eutropio dal libro nova lexis 1 a-d pag 183 n°8...x favore!!! se no nn imp grazie cmq.....:D
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego;)!

Se ti serve altro posta sul forum:)!
oO°GIULIA°Oo
oO°GIULIA°Oo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
senti per caso mica riesci a trovare anche qst:
UN NOTO RE DI ROMA di Eutropio dal libro nova lexis 1 a-d pag 183 n°8...x favore!!! se no nn imp grazie cmq 100000..... grazie ancora!!!
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
scrivi le parole di inizio e fine....
oO°GIULIA°Oo
oO°GIULIA°Oo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
ok.....allora inizia così......septimus atque ultimus romanorum regum fuit lucius tarquinius superbus, qui Volscos vicit, gabios civitatem et Suessam pometiam subegit. mentre finisce così...postquam imperaverat annos quattuor et viginti......grazie grazie!!!!:move
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Septimus atque ultimus Romanorum regum fuit Lucius Tarquinius Superbus, qui Volscos vicit, Gabios civitatem et Suessam Pometiam subegit. Postquam cum Tuscis pacem facerat, templum Iovi in Capitolio aedificavit. Postea, Ardeam oppugnans, in octavo decimo miliario ab urbe Roma positam civitatem, imperium perdidit. Nam filius eius Tarquinius iunior vim attulit nobilissimae feminae Lucretiae, Collatini uxori. Postquam Lucretiaob ignominiam in omnium conspectum se occidit, Brutus, propinquus Tarquinii, populum Romanum concitavit et Tarquinio ademit imperium. Mox esercitus quoque, dum civitatem Ardeam cum rege oppugnat Tarquinium Superbum reliquit et veniens rex at urbem, portis clausis, exclusus est, et cum uxore et liberis suis fugit, postquam imperaverat annos quattruor et vigenti.

Il settimo e ultimo re dei Romani fu Lucio Tarquinio il Superbo, che vinse i Volsci, sottomise la città di Gali e Suessa Pometzia. Dopo aver fatto la pace con gli Etruschi, costruì il tempio di Giove sul Campidoglio. In seguito, assediando Ardea, città posta sulla diciottesima pietra miliare da Roma, perse il suo regno. Infatti il suo figlio più giovane, Tarquinio, aveva fatto violenza alla nobilissima donna Lucrezia, moglie di Collatino. In seguito Lucrezia, a causa del disonore, si era uccisa davnti a tutti; Bruto, parente di Tarquinio, aveva incitato il popolo di Roma e aveva sottratto il potere a Tarquinio. In breve tempo anche l'esercito, mentre combatteva contro il re nella città di Ardea, Tarquinio il Superbo scappò, e andandosene il Re dalla città, chiuse le porte, fu tagliato fuori e fuggi con la moglie e con i suoi figli, dopo aver regnato per ventiquattro anni.
oO°GIULIA°Oo
oO°GIULIA°Oo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
oddio grazie 1000000!!! grazie grazie grazie grazie grazie!!!!
grazie t scoccia se te ne chiedo un altra????? se no no è!!!! hai già fatto tanto grazie grazie grazie grz grz grz grz!!!!!
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Vabbè dì....
oO°GIULIA°Oo
oO°GIULIA°Oo - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie allora è....DOPO I FUNERALI DI CESARE di svetonio....inizia così...plebs statim a funere ad domum Bruti et casii cum facibus tetendit atque, postquam aegre repulsa est....e finisce così....apud eam longo tempore sacrificabatur, vota suscipiebantur, controversiae distrahebantur. grazie 10000...xò se t scoccia nn t preokup!!! grazie grazie!!!!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Io ho trovato questa traduzione, aggiustala tu in base al tuo testo!

Plebs statim a funere ad domum Bruti et Cassii cum facibus tetendit atque aegre repulsa obuium sibi Heluium Cinnam per errorem nominis, quasi Cornelius is esset, quem grauiter pridie contionatum de Caesare requirebat, occidit caputque eius praefixum hastae circumtulit. postea solidam columnam prope uiginti pedum lapidis Numidici in foro statuit in scripsitque parenti patriae. apud eam longo tempore sacrificare, uota suscipere, controuersias quasdam interposito per Caesarem iure iurando distrahere perseuerauit.

Appena ebbe termine il rito funebre, la plebe si diresse, con le torce, verso la casa di Bruto e di Cassio; respinta a fatica si imbatté in Elvio Cinna e scambiandolo, per un equivoco di nome, con Cornelio, quello che il giorno prima aveva pronunciato una violenta requisitoria contro Cesare, lo uccise e la sua testa, conficcata su una lancia, fu portata in giro. Più tardi fece erigere nella piazza una massiccia colonna di marmo di Numidia, alta quasi venti piedi, e vi scrisse sopra: «Al padre della patria». Si conservò per lungo tempo l'abitudine di offrire sacrifici ai piedi di questa colonna, di prendere voti e di regolare certe controversie giurando in nome di Cesare.
Se ho tempo ti traduco la versione di prima...
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Stefano mi hai anticipato...

Pagine: 12

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Max

Max Geek 692 Punti

VIP
Registrati via email