louise
louise - Genius - 2810 Punti
Rispondi Cita Salva
Quadringentesimo et quadragesimo anno a condita urbe Lucius Aemilius Paulus et Publius Terentius Varro contra Hannibalem mittuntur Fabioque succedunt, qui abiens ambo consules monuit, ut Hannibalem, callidum et impatientem ducem, non aliter vincerent, quam proelium differendo. Verum cum, impatientia Varronis consulis contradicente altero consule (id est Aemilio Paulo), apud vicum, qui cannae appellatur, in Apulia pugnatum esset, ambo consules ab Hannibale vincuntur. In ea pugna tria milia Afrorum pereunt; magna pars de exercitus Hannibalis sauciatur. Nullo tamen proelio, Punico bello, Romani gravius accepit sunt. Periit enim in eo consul Aemilius Paulus, consulares aut praetorii XX, senatores capti aut occisi XXX, nobiles viri CCC, militum XL milia, equitum III milia et quingenti. In quibus malis nemo tanem Romanorum pacis mentionem habere dignatus est. Servi, quod numquam ante, manumissi et milites facti sunt.


aiutoooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!
freddytvb
freddytvb - Genius - 10322 Punti
Rispondi Cita Salva
[10] Quingentesimo et quadragesimo anno a condita urbe L. Aemilius Paulus P. Terentius Varro contra Hannibalem mittuntur Fabioque succedunt, qui abiens ambo consules monuit, ut Hannibalem, callidum et inpatientem ducem, non aliter vincerent, quam proelium differendo. Verum cum inpatientia Varronis consulis contradicente altero consule [id est Aemilio Paulo] apud vicum, qui Cannae appellatur in Apulia pugnatum esset, ambo consules ab Hannibale vincuntur. In ea pugna tria milia Afrorum pereunt; magna pars de exercitu Hannibalis sauciatur. Nullo tamen proelio Punico bello Romani gravius accepti sunt. Periit enim in eo consul Aemilius Paulus, consulares aut praetorii XX, senatores capti aut occisi XXX, nobiles viri CCC, militum XL milia, equitum III milia et quingenti. In quibus malis nemo tamen Romanorum pacis mentionem habere dignatus est. Servi, quod numquam ante, manumissi et milites facti sunt.
L'anno cinquecentoquaranta dalla fondazione di Roma L. Emilio Paolo e P. Terenzio Varrone sono mandati contro Annibale e succedono a Fabio, il quale andandosene ammonì i due consoli che non cercassero di vincere Annibale, capitano astuto e impaziente, altrimenti che differendo la battaglia. Ma per l'impazienza del console Varrone, opponendosi l'altro console (cioè Emilio PAolo) essendosi combattuto in Puglia presso il borgo che si chiama Canne, i due consoli sono vinti da Annibale. In quella battaglia periscono tremila Africanigran parte dell'esercito di Annibale è ferita. In nessuna battaglia però nella guerra Punica i Romani furono più duramente provati. Perirono infatti in quella il console Emilio Paolo, già consoli o pretori venti, senatori presi o uccisitrenta, nobili treccento, soldati quarantamila, cavalieri tremila cinquecento. Tra le quali sciagure nessuno però dei Romani si degnò far menzione di pace. Gli schiavi, ciò che non (era accaduto) mai prima, furono liberati e fatti soldati.
louise
louise - Genius - 2810 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie grazie freddyyyyyyyy!!!!!!!!!!!!!!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
strategeek

strategeek Geek 72 Punti

VIP
Registrati via email