• Latino
  • Aiuto x versioni..sn 6! :(

    closed post
_dodo_
_dodo_ - Habilis - 161 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao..mi potete aiutare con queste versioni?
bye

la morte di codro:
traditum memoriae est postremum Athenarum regem codrum, melanthi filium, fuisse, qui mortem pro patria oppetivit et gloriam aeternam sibi comparavit. nam athenienses, qui bellum gerebant adversus dores, delphos legatos miserant, de belli eventu apollinem consulturos. responsum est victores futuros eos, quorum rex ab hostibus occisus esset. quare codrus vestem regiam posuit se in medios hostes immisit, rixam consulto excitavit et interfectus est. tunc dores regem agnoverunt, se iam victos esse senserunt et sine proelio disceserunt. ita athenienses, codri virtute, qui pro salute patriae se devoverat, bello liberati sunt.

le leggi di licurgo:
regibus potestatem bellorum magistratibus iudicia senatui custodiam legum lycurgus permisit. populus autem senatores vel magistratus creabat. fundos omnium aequaliter inter omnes divisit: ita aequata patrimonia omnes pariter divites fecerunt. omnes publice convivia habere iussit: ita puntabat divitias vel luxuriam in occulto non esse. iuvenibus unam vestem toto anno induere permisit nam putabat eos et ad calores et ad frigora firmiores futuros esse. pueros puberes non in forum sed in agrum deduci praecepit ut agerent primos annos non in luxuria sed in opere et laboribus.

apollo è giudicato il più sapiente di tutti:
a piscatoribus in regione milesia quidam iactum emerat. iactu aurea mensa magni ponderis extracta est et statim controversia fuit. piscatores enim adfirmabant se piscium capturam vendidisse; emptor se fortunam iactus emisse. placuit propter magnitudinem rem diiudicari ab universo populo qui statuit apollinem delphicum consulere. deus respondit mensam dederunt; ille eam cessit bianti, bias pittaco, is protinus alii, deincepsque per omnem septem sapientium numerum postremo ad solonem pervenit qui et titulum sapientiae et praemium apollini tribuit.

i serpenti:
serpens nomen est animalium quae serpunt id est corpus movent et irahunt se sinuantes. alii serpentes in silvis habitant ut crotalus qui halitu suo aves aliasque bestiolas enecat tumque devorat: alii in aquis habitant ut hydra. Nonnullis ut viperis exitiale virus est quo cum mordent alia animalia necant. Alii serpunt tantum alii etiam salire possunt atque saltu in praedam irruunt. Cutem suam quotannis verno tempore exuunt angustam rimam perrepentes. Hieme in cavernas se abscondunt et torpescunt. Ova serpentium filis cohaerent:In asia et africa serpentes singularis magnitudinis reperiuntur qui etiam hominem devorare possunt.

il sano che desiderò ritornare pazzo:
athenis quidam vivebat, qui in subitam dementiam incidit, credebatque se regem esse. Multis cives, pueri praesertim, eum iocose salutabant, regem appellantes; et misellus salutatione superbus laetusque erat. Tandem familiares ad medicum eum adduxerunt, qui dementem ad sanitatem perduxit. Postquam sanus domum remeavit, omnes eum vitabant et ne verbum quidem faciebant; nemo enim desiderabat se esse amicum hominis qui demens fuerat; itaque ille assidue solus vivebat, miseramque vitam agebat. Post aliquod tempus medicus petiit curarum quas ei praebuerat. Et ille:<<duplicem tibi mercedem persolvam, si me ad priorem statum redegeris>>.

La congiura di catilina:
Anno sexagesimo sexto a. Ch. n. facta est Romae coniuratio. Praeerat L. Sergius Catilina, iuvenis nobilis generis, sed perditis moribus, qui constituerat consules aliosque magistratus interficere, urbem incendio delere, dominatum habere. Adlexerat blanditiis iuvenes imperitos et cupidos divitiarum et voluptatum, praeterea omnes qui rerum novarumcupiditate flagrabant, promittens se magna lucra magnosque quaestus eis paraturum esse. M. Tullius Cicero, qui tum consul erat, gravitatem periculi considerans, motum sine mora repressit. Coniurati, qui in urbe manserant, comprehensi et interfecti sunt. Sed Catilina iam Roma effugerat, exercitum sibi comparaverat et cum copiis C. Antoni, Ciceronis collegae, conflixit. Apud Pistorium profligatus est et mortem strenue pugnans oppetivit.
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
athenis quidam (un tale) vivebat, qui in tantam dementiam incidit, ut crederet se regem esse. multi cives, pueri praesertim(Sopratt), eum iocose salutabant, regem appellantes; ille salutatione superbus laetusque erat.tantem familiares ad medicum eum adduxerunt, ut ad sanitatem perduceret.postquam sanus domum rediit(ritornò), omnes eum vitabant nec alloquebantur(gli rivolgevano la parola) ; nemno enim cupiebat se esse amicum hominis qui demens fuerat; itaque ille semper solus vivebat miseramque vitam agebat.post aliquot (alcuni) dies medicum mercedem petivit curarum quas ei praebuerat.et ille" deplicem tibi mercedem dabo, inquit, si me ad priorem (precedente) statum redegeris"

Viveva ad Atene un tale che che incorse in una così completa (lett, tanto grande) demenza da credere di essere un re. Molti cittadini, e soprattutto i fanciulli, lo salutavano scherzosamente chiamandolo re, egli era lieto e superbo di essere salutato così (lett. "di quel saluto" ). Alla fine (tandem, non tantem - non esiste) i familiari lo condussero da un medico perché lo rimettesse (lett. riconducesse) in salute. Dopo che egli ritornò a casa guarito (lett. sano) tutti lo evitavano e non gli rivolgevano la parola, nessuno ("nemo", non "nemno" ) infatti desiderava essere amico di un uomo che era stato demente, pertanto egli viveva sempre da solo e conduceva una esistenza infelice. Dopo alcuni giorni il medico chiese l'onorario per le (lett. delle) cure che gli aveva prestato. Ed egli disse: "Ti darò l'onorario raddoppiato, se mi riporterai alla condizione di prima.".
Vedi se negli altri forum ti rispondono!
_dodo_
_dodo_ - Habilis - 161 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie 1000 :)) attendo le altre versioni se possibile...
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego, devi aspettare nn puoi chiedere le vers su tutti i forum!
_dodo_
_dodo_ - Habilis - 161 Punti
Rispondi Cita Salva
nono..aspetto..nn sto mettendo fretta a nessuno :)
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Non trovo nulla!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ho fatto la traduzione della prima, ecco:

La morte di Codro

Traditum memoriae est postremum Athenarum regem codrum, melanthi filium, fuisse, qui mortem pro patria oppetivit et gloriam aeternam sibi comparavit. Nam Athenienses, qui bellum gerebant adversus Dores, Delphos legatos miserant, de belli eventu apollinem consulturos. Responsum est victores futuros eos, quorum rex ab hostibus occisus esset. Quare Codrus vestem regiam posuit, se in medios hostes immisit, rixam consulto excitavit et interfectus est. Tunc Dores regem agnoverunt, se iam victos esse senserunt et sine proelio discesserunt. Ita Athenienses, codri virtute, qui pro salute patriae se devoverat, bello liberati sunt.

Si narra che il re degli Ateniesi fosse Codro, figlio di Melanto, il quale affrontò la morte per la patria e si procurò gloria eterna. Infatti gli Ateniesi, che avevano mosso guerra contro i Dori, mandarono gli ambasciatori a Delfi, per consultare Apollo sull’esito della guerra. Fu [loro] risposto che i futuri vincitori sarebbero stati coloro il cui re fosse stato ucciso dai nemici. Per questo motivo Codro tolse la veste regale, si gettò in mezzo ai nemici, suscitò una rissa con un responso e fu ucciso. In quel momento i Dori riconobbero il re, capirono di essere ormai vinti e si ritirarono senza combattere. Così gli Ateniesi, con il coraggio di Codro che si era sacrificato per la salvezza della patria, furono liberati dalla guerra.
_dodo_
_dodo_ - Habilis - 161 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie :)
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ho tradotto anche questa:

Apollo è giudicato il più sapiente di tutti

A piscatoribus in regione milesia quidam iactum emerat. Iactu aurea mensa magni ponderis extracta est et statim controversia fuit. piscatores enim adfirmabant se piscium capturam vendidisse; emptor se fortunam iactus emisse. Placuit propter magnitudinem rem diiudicari ab universo populo qui statuit apollinem delphicum consulere. Deus respondit mensam dederunt; ille eam cessit Bianti, Bias Pittaco, is protinus alii, deincepsque per omnem septem sapientium numerum postremo ad Solonem pervenit qui et titulum sapientiae et praemium apollini tribuit.

Nella regione di Mileto un tale aveva comprato una rete buttata dai pescatori. Dalla rete fu estratta una tavola d’oro di gran peso e subito vi fu una controversia. I pescatori infatti affermavano di aver venduto la cattura dei pesci; il compratore [affermava] di aver acquistato la ricchezza. Sembrò opportuno a causa della grandezza che la cosa fosse giudicata da tutto il popolo, il quale stabilì di consultare Apollo Delfico. Il dio rispose che dovevano dare a lui (il compratore) la tavola; quello la diede a Biante, Biante a Pittaco, questo di nuovo ad un altro, e così di seguito per tutti e sette i sapienti e alla fine giunse a Solone, il quale attribuì ad Apollo sia il titolo di sapiente che il premio.
_dodo_
_dodo_ - Habilis - 161 Punti
Rispondi Cita Salva
grazieeeeeeeeeee!! :)
_dodo_
_dodo_ - Habilis - 161 Punti
Rispondi Cita Salva
non l'ho trovata.. :con
89eleonora89
89eleonora89 - Sapiens - 750 Punti
Rispondi Cita Salva
come no???ma se l'ho vst io....???? -.-
alkalewi
alkalewi - Genius - 6460 Punti
Rispondi Cita Salva
non cè per davvero

Dovresti mettere il link completo
non la homepage:!!!
Semmy92
Semmy92 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
I serpenti
Il nome serpenti è degli animali che strisciano, cioè muovono e trascinano il corpo curvandosi. Alcuni serpenti abitano nei boschi, come il crotalo, che con il suo alito uccide gli uccelli e altre bestie e poi le divora; altri vivono nelle acque, come l’idra. Il veleno di qualcuno, come la vipera, col quale mordono e uccidono altri animale, è mortale. Alcuni strisciano molto, altri possono anche saltare, e con un balzo lanciarsi contro la preda. Ogni anno, nel tempo invernale, si liberano della propria pelle, nascondendosi in anguste fessure. In inverno si nascondono e si addormentano nelle caverne. Le uova dei serpenti hanno in sé i figli. In Asia e in Africa vengono trovati serpenti di singolare grandezza che possono anche divorare l’uomo.
89eleonora89
89eleonora89 - Sapiens - 750 Punti
Rispondi Cita Salva
allora o te la mando a te tutta in privato..e poi te fa qualcosa x dargliela a lui..xkè è trp lunga xkè è tutta la traduzione..e nn mi p osso mettere a cercare capito??quindi...va bene x te se facciamo così?

Pagine: 12

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Registrati via email