• Latino
  • aiuto versioni Primus liber vol B

    closed post
giadinas
giadinas - Habilis - 220 Punti
Rispondi Cita Salva
ciauuuuu vi volevo kiedere se avete la truduzione di queste versioni prese dal libro primus liber: Muzio scevola/1

iam diu porsena, etruscorum rex, cum copiis suis urbem romam obsidebat; romani autem, quamquam omnia temptaverant, etruscos fugare non potuerant.
Iam fame vexabantur, cum Gaius Mucius, generosus adulescens, Tiberim tranavit, furtim in hostium castra penetravit et regem interficere temptavit. Sed erravit et scribam regis,qui apud eum sedebat, pro porsena necavit. Tum hostes eum ceperunt et ante tribunal regis traxerunt. Ibi mucius:"romanus civis sum, inquit, mucius appellor. hostis hostem occidere volui; non autem ego id solus cupivi:multi sunt romani iuvenes, qui post me idem optant, et quod ego frustra temptavi, sine dubio alius post me efficere poterit".

muzio scevola/2

Cum tam proterva animosaque verba audivit, rex iratus periculoque territus iussit iuvenem ignibus circumdari, quia sic eum terrere volebat; sed Mucius magna voces:"qui magnam gloriam optant, inquit, ignem non timent" dextramque,quae erraverat,ignem porrexit ibique diu, dolorem neglegens, tenuit.
Tum rex,prope attonitus miraculo tantae virtutis, ab sede sua prosiluit et iuvenem liberum dimisit.
Postea legati a porsena romam venerunt et pacis condiciones dixerunt. Inter duos populos statuitur pax; copias suas ab ianiculo deduxit porsena et agro romano excessit. Mucio cognomen scaevola postea fui, quia scaevam, id est(cioè) sinistram, solum habebat manum.
pukketta
pukketta - Mito - 72506 Punti
Rispondi Cita Salva
nada:dontgetit
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120307 Punti
Rispondi Cita Salva
Visto che non c'erano sul web, te le ho tradotte io le versioni:

Muzion Scevola - parte 1

Iam diu porsena, etruscorum rex, cum copiis suis urbem romam obsidebat; romani autem, quamquam omnia temptaverant, etruscos fugare non potuerant. Iam fame vexabantur, cum Gaius Mucius, generosus adulescens, Tiberim tranavit, furtim in hostium castra penetravit et regem interficere temptavit. Sed erravit et scribam regis,qui apud eum sedebat, pro porsena necavit. Tum hostes eum ceperunt et ante tribunal regis traxerunt. Ibi mucius:"romanus civis sum, inquit, mucius appellor. hostis hostem occidere volui; non autem ego id solus cupivi:multi sunt romani iuvenes, qui post me idem optant, et quod ego frustra temptavi, sine dubio alius post me efficere poterit".

Già a lungo Porsenna, re degli Etruschi, assediava la città Roma con le sue truppe; i Romani, invece, sebbene avevano tentato di tutto, non avevano potuto cacciare gli Etruschi. Erano già tormentati dalla fame, quando Gaio Muzio, generoso giovane, attraversò a nuoto il Tevere, penetrò di nascosto nell’accampamento dei nemici e tentò di uccidere il re. Ma sbagliò e al posto di Porsenna uccise uno scriba del re, che sedeva vicino a lui. Allora i nemici lo catturarono e lo portarono davanti al tribunale del re. Là Muzio disse:” Sono cittadino Romano, mi chiamo Muzio. Volli uccidere il nemico del nemico; non solo io lo desideravo: ci sono molti giovani Romani che dopo di me cercheranno la medesima cosa, e poiché io tentai invano, senza dubbio gli altri dopo di me potranno farla.
Muzio Scevola - parte 2

Cum tam proterva animosaque verba audivit, rex iratus periculoque territus iussit iuvenem ignibus circumdari, quia sic eum terrere volebat; sed Mucius magna voces:"qui magnam gloriam optant, inquit, ignem non timent" dextramque,quae erraverat,ignem porrexit ibique diu, dolorem neglegens, tenuit. Tum rex, prope attonitus miraculo tantae virtutis, ab sede sua prosiluit et iuvenem liberum dimisit. Postea legati a porsena romam venerunt et pacis condiciones dixerunt. Inter duos populos statuitur pax; copias suas ab ianiculo deduxit porsena et agro romano excessit. Mucio cognomen scaevola postea fuit, quia scaevam, id est sinistram, solum habebat manum.

Quando ascoltò le così sfrontate e coraggiose parole, il re arrabbiato e terrorizzato dal pericolo ordinò di circondare il giovane con il fuoco, poiché in questo modo voleva spaventarlo; ma Muzio disse a gran voce: ”Chi cerca grande gloria, non teme il fuoco” e pose sul fuoco la mano destra, che aveva sbagliato, e là la tenne a lungo, ignorando il dolore. Allora il re, sbalordito dal vicino miracolo di così tanta virtù, balzò fuori dal suo trono e lasciò andare il giovane libero. In seguito gli ambasciatori giunsero a Roma da Porsenna e fissarono le condizioni di pace. Tra i due popoli fu stabilita la pace; Porsenna condusse le sue truppe giù dal Gianicolo e si allontanò dal territorio Romano. In seguito Muzio fu soprannominato Scevola, poiché aveva solo la mano mancina, cioè la sinistra.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Registrati via email