• Latino
  • aiuto versione latino

    closed post
gemini
gemini - Habilis - 210 Punti
Rispondi Cita Salva
Aiutatemi a tradurre questa versione di Gellio please!
Si kiama "reazione risentita di Scipione Africano" il testo è questo:

Petilii quidam tribuni plebis a M., ut aiunt, Catone, inimico Scipionis, comparati in eum atque immissi desiderabant in senatu instantissime, ut pecuniae Antiochinae praedaeque in eo bello captae rationem redderet; fuerat enim L. Scipioni Asiatico, fratri suo, imperatori in ea provincia legatus. Ibi Scipio exsurgit et prolato e sinu togae libro rationes in eo scriptas esse dixit omnis pecuniae omnisque praedae; illatum, ut palam recitaretur et ad aerarium deferretur. "Sed enim id iam non faciam" inquit "nec me ipse afficiam contumelia eumque librum statim coram discidit suis manibus et concerpsit aegre passus, quod, cui salus imperii ac reipublicae accepta ferri deberet, rationem pecuniae praedaticiae posceretur.
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Item aliud est factum eius praeclarum. Petilii quidam tribuni plebis a M., ut aiunt, Catone, inimico Scipionis, comparati in eum atque inmissi desiderabant in senatu instantissime, ut pecuniae Antiochinae praedaeque in eo bello captae rationem redderet; 8 fuerat enim L. Scipioni Asiatico, fratri suo, imperatori in ea provincia legatus. 9 Ibi Scipio exsurgit et prolato e sinu togae libro rationes in eo scriptas esse dixit omnis pecuniae omnisque praedae; 10 illatum, ut palam recitaretur et ad aerarium deferretur. 11 "Sed enim id iam non faciam" inquit "nec me ipse afficiam contumelia eumque librum statim coram discidit suis manibus et concerpsit aegre passus, 12 quod, cui salus imperii ac reipublicae accepta ferri deberet, rationem pecuniae praedaticiae posceretur.

Un altro atto di Scipione è parimenti notevole. Un tal Petilio, tribuno della plebe, istigato, a quanto si dice, da Marco Catone, che era ostile a Scipione, lo invitò con veemenza in pieno Senato a rendere conto del denaro di Antioco e della preda fatta in quella guerra: era stato infatti inviato in quella provincia quale legato dal fratello suo Lucio Scipione l'Asiatico. Allora Scipione si levò e tratto dalla toga un registro disse che in esso erano annotati tutti i denari e tutte le prede fatte. L'aveva portato per darne pubblica lettura e per depositarlo all'erario. "Ma non lo farò" egli replicò "e non disonorerò me stesso;" e sul fatto strappò dinansi a tutti con le sue mani il registro e lo fece a pezzetti, indignato che si osasse domandare ragione del denaro a colui cui si doveva accreditare la salvezza dello Stato romano e del suo impero.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email