• Latino
  • aiuto..lunedi ho il kompito e nn fcc bn mi bocciano

nortek0
nortek0 - Erectus - 58 Punti
Rispondi Cita Salva
L’IMPERATORE AUGUSTO DIETRO LE QUINTE

Imperatoris Augusti facinora publica mira et egregia fuerunt; at eius vita privata admodum modesta atque simplex fuit. Nam Octavianus Augustus in domibus modestis assidue habitavit et per annos quadraginta aestate atque hieme in eodem domicilio vixit. Vestitus laneos induebat quos vel uxor, vel Iulia filia parabant. Semper calceos altos induebat quondam brevis staturae fuit. In mensa cibos simplices desiderabat et ficus virides ac panem cibarium libenter edebat. Per septem horas dormiebat at non continenter: nam interdum ter vel libros legebant. Pila ludere et pisces captare imperatorem praesertim oblectabant; aliquando nucibus et talis ludebat. Senex, Nolae in Campania e vita excessit. Ante mortem parvum speculum petiit, comam composuit et postremo amicis:Edite strepitum – inquit -, vosque omnes cum gaudio plaudite.

Uno scienziato nella difesa di siracusa

Post regis Ieronis obitum, Syracusani Romanorum imperium detrectaverunt et cum Carthagine foedus fecerunt. Tum senatus Romanus Claudium Marcellum consulem cum exercitu in Siciliam misit. Ut Marcellus, egregius dux qui ne Hannibalem quidam timuerat, Syracusas advenit, obsidione urbem statim clausit. Sed longa atque difficilis obsidio fuit, quia Archimedes Syracusanus, praeclarus mathematicus et physicus, ad patriae praesidium machinas omnis generis reperiebat. Marcellus autem, qui Archimedem conoscere optabat, vetuit illum interficere. At miles, quia illum non agnovit, misere necavit: Archimedes vero tum urbis expugnationem ignorabat et in arena imagines describebat. Marcellus autem hominis tam illustris mortem valde maeruit. Deinde ille summo consilio et aequitate urbem administravit, atque ita non modo suam gloriam auxit, sed etiam populi Romani auctoritatem.

LO SFALDAMENTO DEL REGNO MACEDONE
Post mortem Philippi, Macedonum regis, regnum suscepit Perseus filius.
Hic magnum exercitum paravit ac contra Romanos bellum movit
una cum sociis, Thraciae et Illyrici regibus. At Romani socios habebant
Eumenem, Asiae regem, atque reges divitum strenuarumque
gentium. Primum Licinius consul in cruento proelio gravem cladem
accepit, sed postea AemiIius Paulus consul fortuna secunda apud Pydnam
Perseum vicit et peditum Macedonicorum magnam partem occidito
Primo rex cum equitatu fUgit, sed postea propter amicorum relictionem
in Aemilii PauIi potestatem venit. Consul Romanus militibus
spolia distribuit, inde Persei navi in patriam revertit, et pro magna
victoria splendidum triumphum egit. Pro curru, hostium tropaeis
ornato, Perseus cum filiis procedebat.

UN TIRANNO CON LE ORECCHIE SUI PIEDI
Aristippus, philosophus Cyrenaicus, omnes adulatores acriter spernebat
nec dominorum superbas domus frequentabat. Olim tamen philosophus
visit Dionysium, Syracusarum tyrannum, quia ex morte amicum
servare optabat. Aristippus igitur ad Dionysium accessit atque
pro amico misericordiam et veniam petivit; at frustra. Sed denique
tyranni animum vere cognovit.
Nam capite et corpore submissis statim eum adoravit, atque ad
eius genua se submisit, et ita gratiam impetravit. Huius rei notitia ad
Aristippi discipulos pervenit, et omnes stupuerunt, quia memores
erant magistri praeceptorum adversus omnes blanditias. Praeterea
memoria tenebant philosophi monita de sapientium dignitate et de
tyrannorum contemptu. Aristippus autem, sine ulla animi perturbatione,
his verbis respondit: «Minime mea culpa est; Dionysius enim in
pedibus aures habet».

LE TERMOPILI, UN MITO DEL PATRIOTTISMO
Graeci memoriam cladis apud Thermopylas perpetuo retinuerunt.
Propter Persas Graecia in magno peri**** saepe fuit. Persarum multitudo
ingens erat, sed Graeci eorum impetum non metuebant: nam
patriam magis quam se ipsos amabant. Admodum mira fuit pugna
apud Marathonem, qua Miltiades, Atheniensium dux, Persarum
copias fugavit. Cumi deinde Xerxes, Persarum rex, bellum renovavit,
Lacedaemonii apud Thermopylas incredibili fortitudine pro Graeciae
libertate pugnaverunt. Nam parva Lacedaemoniorum manus in illis
angustiis adventum hostium exspectabat. Illam parvam manum Leonidas,
Lacedaemoniorum rex, ducebat. Post aliquot dies Xerxes vehementi
pugna angustias expugnavit. Lacedaemonii tamen magnam
laudem meruerunt: nam omnes milites eodem loco, quo sine spe
pugnaverant, animam efflaverunt.

GLI URI, SINGOLARI ANIMALI ESTINTI
In Hercynia silva mirae beluae vivunt. Uri sunt magnitudine paulo infra elephantes, specie et colore et figura tauri. Magna vis eorum est et magna velocitas; neque homini neque ferae, quam conspexerunt, parcunt.
Loci incolae hos studiose capiunt foveis atque interficiunt: hoc labore se durant adulescentes atque hoc venationis genere se exercent. Homines qui multos uros interfecerunt, cornua in publicum portant atque magnam laudem obtinent. Uri numquam assuescerepossunt ad homines, etiamsi incolae eos parvulos deprehenderunt. Praeterea amplitudo cornuum et figura et species admodum diversae sunt a nostrorum boum cornibus. Haec cornua homines studiose conquirunt et circumcludunt argento a labris atque in epulis pro poculis adhibent.


kiedo skusa se sono tante ma sono x una klasse intera..questo porterà nuovi utenti..e kiedo skusa nuovamente ma probabilmente nn sono finite ankora le versioni da tradurre spero che mi aiuterete.

I GRACCHI DUE VITTIME DELLA LOTTA DEMOCRATICA
Nonnullos magistratus Romae creabant, tribunos plebis, qui defendebant iura et res plebis, vidèlicet humilis multitudinis proletariorunt Sed post aliquot annos tribuni plebis illud munus minime explebant atque senatorum potius fautores erant. At tribuni piebis Tiberius et Gaius Gracchus, fratres, res populi toto pectore defendere constituerunt ac grave senatorum ìmperiurn deminuere. Tiberius autem saepe dicere solebat: «Ferae sua latibula possident, sed plebei, qui pro Italia pugnant et e vita excedunt, aerem et lucem tantum habent. Cum, ante proelia, duces ad pugnarn pro sepulcris et laribus illos incitant, revera falsa dicunt, quia plebei has res non possident». Deinde praestituta die consules, cum fautoribus, populi contionem invaserunt et Tiberium occiderunt. Post aiiquot menses Gaius multas leges contra sena torum potestatem rogavit*; sed senatores irati illum quoque, sicut hostem, atrociter necaverunt.
rapper
rapper - Genius - 19267 Punti
Rispondi Cita Salva
Allora stasera ti metto la versione dell'imperatore Augusto (la prima) e quella di un tiranno con le orecchie sui piedi...Ciao :hi
cinci
cinci - Mito - 35782 Punti
Rispondi Cita Salva
UNO SCIENZIATO NELLA DIFESA DI SIRACUSA

Dopo la morte del re Gerone, i Siracusani volevano rendersi indipendenti dal potere romano e strinsero alleanza con Cartagine. Allora il Senato Romano mandò il console Claudio Marcello con l'esercito in Sicilia. Come Marcello, esperto comandante che non temeva nemmeno Annibale, giunse a Siracusa, la cinse subito d'assedio. Ma fu un assedio lungo e difficile, poiché Archimede di Siracusa, famosissimo matematico e fisico, cercava ogni modo artificioso per poter salvare la patria con macchine da guerra. Anche Marcello, che desiderava conoscere Archimede, vietò di farlo uccidere. Ma un soldato, che non sapeva chi fosse, lo uccise miseramente: Archimede non sapeva nemmeno dell'espugnazione della città, e disegnava figure nella sabbia. Anche Marcello meritò molto la morte di un uomo così valido. Quindi quello amministrò la città in modo molto buono, e così non portò al massimo solo la sua fama, ma anche l'autorevolezza del popolo romano.

GLI URI, SINGOLARI ANIMALI ESTINTI

Nella foresta Ercinia vivono animali meravigliosi, Gli Uri hanno una grandezza di poco inferiore a quella degli elefanti, hanno un aspetto ed un colore simile a quello del toro. Sono molto forti e molto veloci; nemmeno gli uomini e nemmeno le altre bestie riescono a vedrli. Gli abitanti del luogo li catturano attentamente con i tranelli e li uccidono; ci pensano i ragazzi, che si esercitano nell'arte del cacciare. Gli uomini che uccidono molti Uri, portano le corna davanti a tutti ed ottengono grandi riconoscimenti. Gli Uri non si possono mai addomesticare, anche se vengono presi da piccoli. A causa della grandezza delle corna e per l'aspetto, e per le abitudini, sono diversi dai nostri buoi. Gli uomini aspirano ad avere quelle corna, e fanno di tutto per averle.
rapper
rapper - Genius - 19267 Punti
Rispondi Cita Salva
UN TIRANNO CON LE ORECCHIE SUI PIEDI

Aristippo, filosofo di Cirene, disprezzava duramente tutti gli adulatori e non frequentava le magnifiche abitazioni dei signori. Una volta tuttavia il filosofo visitò Dionisio, tiranno dei siracusani, poichè scelse di salvare un amico dalla morte. Allora Aristippo si avvicinò a Dionisio e cercò di ottenere la compassione e la grazia in favore dell'amico; ma invano. Però finalmente riconobbe giustamente l'animo del tiranno. Subito infatti lo supplicò con la testa e corpo bassi, e si chinò alle sue ginocchia e così ottenne la benevolenza. La conoscenza di questa cosa giunse agli aiutanti di Aristippo, e tutti rimasero stupiti, poichè si ricordavano degli ammonimenti del maestro sulla mollezza del carattere. I filosofi si ricordavano delle cose passate, sui moniti circa la sapienza e sul disprezzo dei tiranni. Anche Aristippo, senza nessun problema, rispose a quelle parole: <<Non è per nulla colpa mia; Dionisio infatti ha le orecchie sui piedi>>.

L’IMPERATORE AUGUSTO DIETRO LE QUINTE

Le pubbliche imprese dell'imperatore Augusto furono straordinarie ed illustri, ma la sua vita privata fu molto semplice e modesta. Infatti Ottaviano Augusto abitava sempre in case modeste e per quarant'anni in estate e in inverno visse nella stessa abitazione. Indossava vestiti di lana che o la moglie, o la figlia Giulia preparavano. Indossava sempre degli alti stivaletti poichè fu di bassa statura. Nella mensa richiedeva cibi semplici e mangiava volentieri fichi verdi e pane di farina non raffinata. Dormiva per sette ore ma non in modo continuo: infatti nel frattempo si alzava tre o quattro volte dal lettuccio e chiamava i lettori, i quali leggevano le epistole o i libri. Giocare a palla e catturare i pesci (pescare) dilettavano specialmente l'imperatore; a volte giocava con le noci e con i dadi. Anziano morì a Nola in Campania. Prima della morte chiese un piccolo specchio, si ordinò i capelli ed infine disse agli amici:<<Mangiate saziamente, e voi tutti applaudite con felicità>>.
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
LO SFALDAMENTO DEL REGNO MACEDONE

Dopo la morte di Filippo, re dei Macedoni, prese il potere il figlio Perseo.
Questo preparò un grande esercito e mosse una guerra contro i Romani con i re alleati della Tracia e della Illiria. Ma i Romani avevano tra gli alleti, Eumene re dell'Asia e i re più ricchi e valorosi di tutte le genti. Per primo fu sconfitto il console Licinio in una cruenta battaglia, ma in seguito il console Emilio Paolo, per la fortuna favorevole, vinse Perseo a Pidna e uccise gran parte della fanteria dei Macedoni. Il re inizialmente fuggi con la cavalleria, ma in seguito a causa dell'abbandono degli amici si arrese ad Emilio Paolo. Il conosle romano distibuì ai soldati le spoglie, quindi tornò in patria sulla nave di Perseo e trionfò (triumphum egit) per la solendida vittoria. Davanti al carro, decorato come trofeo dei nemici, procedeva Perseo con i figli.
angulusridet
angulusridet - Sapiens Sapiens - 1172 Punti
Rispondi Cita Salva
GRACCHI DUE VITTIME DELLA LOTTA DEMOCRATICA

A Roma creavano alcuni magistrati, i tribuni della plebe, che difendevano i diritti e gli interessi della plebe, cioè dell'umile moltitudine dei proletari. Ma dopo qualche anno i tribui della plebe espletavano quell'ufficio in misura minimale, ed erano piuttosto sostenitori dei senatori. Ma i tribuni della plebe Tiberio e Caio Gracco, fratelli, decisero di difendere gli interessi del popolo con tutto il cuore e diminuirono pesantemente il potere dei senatori. Tiberio, anzi, soleva dire spesso: "Le fiere posseggono le loro tane, ma i plebei, che combattono per l'Italia e muoiono, hanno solo aria e luce. Quando, prima delle guerre, i comandanti li incitano alla battaglia per le tombe ed i lari, dicono cose assai false, perché i plebei non possiedono tali cose" Quindi nel giorno stabilito i consoli, con i sostenitori, fecero irruzione nell'assemblea del popolo e uccisero Tiberio. Dopo alcuni mesi Gaio fece molte proposte di legge contro il potere dei senatori; ma i senatori irati uccisero anche lui atrocemente come un nemico.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Pinchbeck

Pinchbeck Moderatore 2645 Punti

VIP
Registrati via email