Psy__94
Psy__94 - Sapiens - 370 Punti
Rispondi Cita Salva
Ragazzi, sono nuovo. Per domani ho inglese, diritto, francese e anche storia! Sono veramente nei casini. Aiutatemi vi prego!

Urgente per le 19 questa versione:

Caesar mira prudentia magnaque sollertia bellum Gallicum administravit. Per exploratores locorum naturam cognoscebat, castra opportune muniebat, praesidia stationesque disponebat, discipliam militum severe regebat. In proeliis exemplo verbisque militum animos confirmabat, et cum pedites pugnae diuturnitate fessi erant, milites integros arcessebat atque fessis meritam quietem dabat. Caesaris milites magnum animi vigorem ostendebant, belli labores facile tolerabant, ducum voluntati semper obtemperabant. Veterani tironum, imperitorum militum, temeritatem continebant et in periculis commilitones incitabant. Imperatori centuriones maxime cari erant propter assiduitatem in laboribus et magnam virtutem in pugnis. Caesar, cum ad hostes appropinquabat, ante lucem exploratores equitesque praemittebat, postea ipse legiones expeditas ducebat.


:S Aiutatemi vi prego. Ringrazio in anticipo chi mi aiuta. (:
se_rena
se_rena - Genius - 2188 Punti
Rispondi Cita Salva
Caesar mira prudentia magnaque sollertia bellum Gallìcum administravit (=condusse). Per exploratores locorum naturam cognoscebat, castra opportune muniebat, praesidia stationesque disponebat, disciplinam milìtum severe regebat. In proeliis exemplo verbisque milìtum animos confirmabat et cum (=quando) pedìtes pugnae diuturnitate fessi erant, Caesar milites integros in eorum auxilium in aciem (=campo) immittebat. Caesaris milìtes magnum animi vigorem ostendebant, belli labores facile ferebant, ducum voluntati semper obtemperabant. Veterani tironum, imperitorum milìtum, temeritatem continebant et in peroculis commilitones incitabant. Imperatori centuriones maxime cari erant propter assiduitatem in laboribus et magnam virtutem in pugnis. Caesar cum (=quando) ad hostes (=nemici) appropinquabat, exploratores equitesque praemittebat, postèa ipse (=egli stesso) legiones expeditas ducebat. Cum (=quando) dux signum dabat, primum (avv.) equites in hostes irrumpebant, deinde sagittarii funditoresque tela coniciebant (=da conicio, "scagliare", postremo pedìtes cum hostium peditibus proelium committebant.
-----------------------------------------------------------
Cesare con mirabile prudenza e grande abilità condusse la guerra gallica. Attraverso gli esploratori conosceva la natura dei luoghi, muniva opportunamente l'accampamento, disponeva presidi e stazioni, amministrava severamente la disciplina dei soldati. Nei combattimenti rafforzava con l'esempio e le parole gli animi dei soldati e quando i fanti erano stanchi per la lunghezza della battaglia, Cesare metteva in campo in loro aiuto soldati riposati. I soldati di Cesare mostravano grande vigore di animo, sopportavano facilmente le fatiche della guerra, ottemperavano sempre alla volontà dei comandanti. I veterani dei (tironum cercalo), soldati inesperti, contenevano la temerarietà e incitavano i commilitoni nei pericoli. I centurioni erano molto cari al generale per l'assiduità nelle fatiche e la grande virtù nelle battaglie.
Cesare quando si avvicinava ai nemici, mandava avanti esploratori e cavalieri, dopo lui stesso conduceva le veloci legioni. Quando il comandante dava il segnale, i cavalieri si scagliavano contro i nemici, infine gli arcieri e i (cerca funditores) scagliavano i dardi, infine i fanti si scontravano con i fanti dei nemici.

questa era già nel sito...
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email