elyz92
elyz92 - Sapiens - 485 Punti
Rispondi Cita Salva
post ascanium in Latio regnavit fiius Silvius,qui casu quodam in silvis natus erat.Is aeneam Silvium genuit,id deinde Latinum Silvium.Ab hoc civitates(comunità) aliquot conditae sunt, quarum incolae ex nomine eius appellati sunt Latini.Postea cognomes "Silvius" secutum est omnes qui in Latio regnarunt, inter quos Tiberinus fuit,qui,cum in traiectu Albulae amnis submersus esset,nomen Tiberim flumini dedit.Deinde regnavit Agrippa,Tiberini filius; post eum Romulus Silvius.Hic fulmine ictus est et Aventino filio regnum tradidit.Is,sepultus in eo colle,qui nunc pars urbis est,cognomen colli fecit.Deinde Proca regnavit, ex quo numitor atque Amulius nati sunt.Numitor,cum maior aetate esset,regnum consecutus est.Sed Amulius cupidine regni capitus est et fratrem expulit ut ipse regnare posset.Huic sceleri alterum scelus gravius additum est: nam omnes filios fratris interemit et ream Silviam filiam vestalem fecit ne ex ea filii nascerentur,qui regno suo insidiarentur(recassero insidie)
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva

Aiutati con questa versione:

Silvius deinde regnat Ascani filius, casu quodam in silvis natus; is Aeneam Silvium creat; is deinde Latinum Silvium. Ab eo coloniae aliquot deductae, Prisci Latini appellati. Mansit Silviis postea omnibus cognomen, qui Albae regnarunt. Latino Alba ortus, Alba Atys, Atye Capys, Capye Capetus, Capeto Tiberinus, qui in traiectu Albulae amnis submersus celebre ad posteros nomen flumini dedit. Agrippa inde Tiberini filius, post Agrippam Romulus Silvius a patre accepto imperio regnat. Aventino fulmine ipse ictus regnum per manus tradidit. Is sepultus in eo colle qui nunc pars Romanae est urbis, cognomen colli fecit. Proca deinde regnat. Is Numitorem atque Amulium procreat, Numitori, qui stirpis maximus erat, regnum vetustum Silviae gentis legat. Plus tamen vis potuit quam voluntas patris aut verecundia aetatis: pulso fratre Amulius regnat. Addit sceleri scelus: stirpem fratris virilem interemit, fratris filiae Reae Silviae per speciem honoris cum Vestalem eam legisset perpetua virginitate spem partus adimit.


Quindi regna Silvio figlio di Ascanio, nato per caso nelle foreste; costui genera Enea Silvio; costui quindi Latino Silvio. Da quest’ultimo furono fondate alcune colonie dette dei Prischi Latini. Il nome di Silvio rimase in seguito a tutti coloro che regnarono ad Alba. Da Latino nacque Alba, da Alba Ati, da Ati Capi, da Capi Capeto, da Capeto Tiberino, il quale, annegato nel passaggio della corrente dell’Albula, diede al fiume il nome celebre presso i posteri. Quindi (regna) il figlio di Tiberino Agrippa, dopo Agrippa regna Romolo Silvio, che ricevette il comando dal padre. Costui fu colpito da un fulmine e il regno passò di mano in mano ad Aventino. Poiché quest’ultimo fu sepolto sul colle che oggi fa parte della città di Roma, diede il nome al colle. Quindi regna Proca. Costui genera Numitore e Amulio, e a Numitore, che era il primogenito, lascia in eredità l’antico regno della gente Silvia. Tuttavia valse di più la violenza che il volere del padre o il rispetto dovuto all’età: cacciato il fratello, Amulio regna in sua vece. Egli aggiunge misfatto a misfatto: sopprime i nipoti maschi, e alla nipote Rea Silvia, nominatala Vestale con il pretesto di onorarla, toglie con la perpetua verginità la speranza di generare dei figli.

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
anny=)

anny=) Moderatore 30560 Punti

VIP
Registrati via email