• Latino
  • aaa cercasi traduzione versione cicerone

    closed post
lafra
lafra - Erectus - 80 Punti
Rispondi Cita Salva
Sto impazzendo, qualcuno mi aiuti!!!

sto cercando la traduzione della versione "mentalità e costumi diversi nei vari popoli", inizia così:si quis, invectus alitum anguium curru, multas et varias gentes et urbes despicere et oculis collustrare possit.... è di cicerone... help me please!!!!!

la frase finale è Athenienses iurare etiam publice omnem suam esse terram,quae oleam frugesve ferret.

grazie cmq!!!!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Questo è il testo:

Si quis illo Pacuviano 'invehens alitum anguium curru' multas et varias gentis et urbes despicere et oculis conlustrare possit, videat primum in illa incorrupta maxume gente Aegyptiorum, quae plurimorum saeculorum et eventorum memoriam litteris continet, bovem quendam putari deum, quem Apim Aegyptii nominant, multaque alia portenta apud eosdem et cuiusque generis beluas numero consecratas deorum; deinde Graeciae sicut apud nos delubra magnifica humanis consecrata simulacris, quae Persae nefaria putaverunt, eamque unam ob causam Xerxes inflammari Atheniensium fana iussisse dicitur, quod deos, quorum domus esset omnis hic mundus, inclusos parietibus contineri nefas esse duceret.
Post autem cum Persis et Philippus, qui cogitavit, et Alexander, qui gessit, hanc bellandi causam inferebat, quod vellet Graeciae fana poenire; quae ne reficienda quidem Grai putaverunt, ut esset posteris ante os documentum Persarum sceleris sempiternum. quam multi, ut Tauri in Axino, ut rex Aegypti Busiris, ut Galli, ut Poeni, homines immolare et pium et diis immortalibus gratissumum esse duxerunt! vitae vero instituta sic distant, ut Cretes et Aetoli latrocinari honestum putent, Lacedaemonii suos omnis agros esse dictitarint quos spiculo possent attingere. Athenienses iurare etiam publice solebant omnem suam esse terram quae oleam frugesve ferret

Se qualcuno, portato da quel "carro tirato da dragoni alati" di cui parla Pacuvio, potesse vedere ed esaminare le molte e varie nazioni e città, presso il popolo Egiziano, immutevole per eccellenza, che ha nelle sue lettere memoria d'innumerevoli secoli ed eventi, troverebbe che si considera Dio un bove che gli Egiziani chiamano Api, e molti altri portenti e belve d'ogni genere ammesse nel novero degli Déi. Vedrebbe poi, in Grecia come presso di noi, magnifici templi consacrati a simulacri umani che i Persiani consideravano un'empietà. E si vuole che, proprio per questo, Serse desse l'ordine d'incendiare i templi degli Ateniesi, considerando come sacrilego che Déi, la cui casa avrebbe dovuto essere tutto l'universo, fossero stati chiusi fra quattro mura.
Più tardi, Filippo, che meditò, e Alessandro che condusse la guerra contro i Persiani, giustificavano le loro armi col desiderio di vendicare l'incendio dei templi greci. E i Greci non avevano voluto neppure ricostruirli perché i posteri avessero dinnanzi agli occhi un sempiterno monumento della scelleratezza persiana. E quanti, come i Tauri sul Ponto Euxino, e Busiride, il re d'Egitto, e i Galli e i Cartaginesi, credettero che immolare uomini fosse e cosa pia e gratissima agli Déi immortali! I nostri istituti morali sono così diversi da paese a paese che i Cretesi e gli Etoli considerano cosa giusta il brigantaggio, e gli Spartani dicevano in loro potere tutte le terre che potesse raggiungere il loro dardo. Gli Ateniesi giuravano, dal canto loro, anche pubblicamente, che tutti i campi che avessero grani o olivi eran di loro proprietà.
lafra
lafra - Erectus - 80 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie 1000!!! sei 1 grande!!!!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego ;)

Chiudo il thread :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email