• Latino
  • 2 versioni di latino, per favore è urgente

Roxette00792
Roxette00792 - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
Per favore, ho bisogno urgente della traduzione di queste due versioni...Se proprio non riuscite, almeno fatemi l'analisi per piacere! :thx:thx

Sabinus legatus Gallum elegit, hominem callidum, ex iis, quos auxilii causa secum habebat.
Hunc solicitavit ut ad hostes transfugeret et, quid ipsum facere cuperet, edocuit. Qui ubi pro perfga ad eos venit, timorem Romanorum proposuit, quibus augustiis Caesar a Venetis premeretur (eos) docuit, Sabinumque proxima nocte clam e castris exercitum educturum esse qui Caesari succurreret, nuntiavit. Quod cum auditum esset, Venelli conclamaverunt omnes se facile Romanorum castra oppugnaturos esse. Ad hoc consilium illos animo confirmaverunt superiorum dierum Sabini cunctatio, perfugae verba, inopia cibariorum. Itaque a ducibus suis impetraverunt ut arma caperent et ad castra contenderent. Alacres igitur et prompti sarmenta, quibus fossas Romanorum complerent, collegerunt atque ad castra perrexerunt.

_________
---------

Gratus animus virtus est non solum maxima, sed etiam mater virtutum omnium reliquarum. Quid est pietas nisi voluntas grata in parentes? Qui sunt boni cives, domi bellique bene merentes, nisi qui patriae suae beneficiorum memores sunt? Qui sancti, nisi qui meritam diis immortalibus gratiam iustis honoribus et memori mente persolvunt? Quae potest esse iucunditas vitae, si amicitias tollimus? Quae porro amicitia potest esse inter ingratos? Quis est nostrum liberaliter educatus, cui non educatores, non magistri, non locus ille ipse mutus ubi crevit ac discit, grata cum recordatione in mentem veniant?
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
Sabinus legatus Gallum elegit, hominem callidum, ex iis, quos auxilii causa secum habebat.
Hunc solicitavit ut ad hostes transfugeret et, quid ipsum facere cuperet, edocuit. Qui ubi pro perfga ad eos venit, timorem Romanorum proposuit, quibus augustiis Caesar a Venetis premeretur (eos) docuit, Sabinumque proxima nocte clam e castris exercitum educturum esse qui Caesari succurreret, nuntiavit. Quod cum auditum esset, Venelli conclamaverunt omnes se facile Romanorum castra oppugnaturos esse. Ad hoc consilium illos animo confirmaverunt superiorum dierum Sabini cunctatio, perfugae verba, inopia cibariorum. Itaque a ducibus suis impetraverunt ut arma caperent et ad castra contenderent. Alacres igitur et prompti sarmenta, quibus fossas Romanorum complerent, collegerunt atque ad castra perrexerunt.

Il luogotenente Sabino scelse un Gallo, uomo astuto, tra quelli che aveva con lui per aiutarlo. Incitò questo a passare al nemico e gli spiegò cosa desiderava che lui facesse. Questo, quando giunse da loro come un disertore, espose il timore dei Romani, spiegò loro per quali difficoltà Cesare fosse incalzato dai Veneti, e riferì che Sabino la notte successiva avrebbe condotto fuori dall'accampamento l'esercito, per andare in aiuto a Cesare.
Essendo stato ascoltato ciò, i Venelli ( ? ) Veneti gridarono tutti che avrebbero espugnato facilmente l'accampamento romano. E li confermarono nell'animo per questa decisione l'esitazione di Sabino dei giorni precedenti, le parole del disertore,e la mancanza di viveri. Perciò ottennero dai loro comandanti di prendere le armi e di dirigersi all'accampamento. Animosi e disponibili ,dunque , radunarono le fascine, con cui riempire le fosse dei Romani e si diressero all'accampamento.
Roxette00792
Roxette00792 - Habilis - 190 Punti
Rispondi Cita Salva
buona sera silmagister :hi grazie mille :thx
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
manliogrossi

manliogrossi Blogger 2729 Punti

VIP
Registrati via email