Viking
Viking - Genius - 5352 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao a tutti!
Ho già cercato nel sito ma non ho trovato queste 2 versioni: Il sacrificio di Ifigenia e il sepolcro di Ciro.Vi posto le prime e le ultime frasi per ogni versione.

Il sacrificio di Ifigenia

Graeci ad Troiam navigaturi in Aulidis portu ventis adversis retinebantur.
Iphigenia autem in terram Tauricam a dea traducta est.

Il sepolcro di Ciro
Macedones Parsagada venerant.
Tamen, corona aurea imposita, amiculo suo solium, in quo corpus iacebat, velavit, rem admirabilem esse putans tanti nominis regem, tantis praeditum opibus, sine ullo apparatu sepultum esse, tamquam hominem plebeium.

Grazie mille per la disponibilità! Viking :hi
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Io ho trovato versioni diverse rispetto alle frasi che hai messo tu...sarebbe meglio se scrivessi tutto il testo latino delle versioni ;)
salvatorelag92
salvatorelag92 - Sapiens - 415 Punti
Rispondi Cita Salva
Il Sacrificio di Ifigenia

Graecorum ad troiam navigaturorum classis in Aulidis portu ventis adversis retinebatur. Tum Calchas vates, a Graecorum ducibus interrogatus, in contione respondit et pronuntiavit: < naves in portu retinentur,quia rex Agamemnon deae Dianae iniuriam fecit: nam cervam Dianae sacram necavit. Postquam sacrificio Iphigeniae,regis filiae,deae iram placaverimus, venti ad navigationem secundi rursus flabunt>. Agamemnon primo ( avverbio) infandum facinus recusavit, sed tandem,Meleai fratis et Ulixis monitis praesertim coactus et multorum precibus comotus,omnium et deae volutati paruit. Itaque nuptiarum simulatione iphigenia magna cum apparatu ab urbe Mycenis in castra adducta est. Virgo,postquam fatum suum cognovit,caritate patriae impulsa, aequo animo sacrificio adnuit.Sed sacerdotem, iam Iphigeniam immolaturum, Diana retinuit: ex improviso cerva apud aram apparuit et pro virgine mactata et immolata est. Iphigenia autem in terram Tauricam a dea traducta est.

Testo Tradotto
La flotta dei greci che stava per navigare a troia era trattenuta nel porto aulide per i venti contrari. Allora Calcante il vate, interrogato dai comandanti greci, rispose in assemblea e disse: le navi saranno trattenute nel porto, poichè il re Agamennone fece un'offesa alla dea Diana: infatti uccise la cerva sacra a diana. Dopo che con il sacrificio di Ifigenia, figlia del re, avremo placato la dea, i venti soffieranno di nuovo favorevoli per la navigazione. Agamennone all'inizio rifiutò il nefando delitto, ma tuttavia, spinto specialmente dai moniti di Ulisse e del fratello Menelao e mosso da molte preghiere, obbedì alla volontà di tutti e della dea. E così con la finzione di nozze Ifigenia con grande apparato venne condotta dalla città di micene nell'accampamento. La fanciulla, dopo che conobbe il suo fato, spinta dalla carità per la patria, con animo sereno acconsentì al sacrificio. Ma Diana trattenne il sacerdote che stava per immolare Ifigenia: all'improvviso una cerva apparve sull'altare e fu sacrificata e immolata al posto della fanciulla. Ifigenia tuttavia venne condotta dalla dea in tauride.

Il sepolcro di Ciro
Macedones Parsagada venerant. Urbem condiderat Cyrus, quondam rex Persarum, ibique etiam sepultus erat. Eius satrapes Orsines erat, nobilitate ac divitiis inter omnes barbaros eminens. Genus enim ducebat a Cyro atque magnas opes et hereditate acceptas et longa imperii possessione cumulatas habebat. Alexander sepulchrum Cyri iussit aperiri, in quo conditum erat eius corpus, quia regi inferias dare volebat. Auro argentoque sepulchrum repletum esse crediderat; nam e Persis acceperat multa talenta cum Cyro condita esse. Sed in sepulchro praeter clipeum eius putrem et duos arcus Scythicos et acinacem nihil repperit. Tamen, corona aurea imposita, ami**** suo solium, in quo corpus iacebat, velavit, rem admirabilem esse putans tanti nominis regem, tantis praeditum opibus, sine ullo apparatu sepultum esse, tamquam hominem plebeium.

Testo Tradotto
I macedoni erano giunti a Parsagada. Ciro, un tempo re dei Persiani, aveva fondato la città ed era anche stato sepolto la. Il suo satrapo era Orsine, che spiccava per nobiltà e ricchezza fra tutti gli stranieri. La stirpe infatti derivava da Ciro e e possedeva grandi opere ricevute in eredità e accumulate durante il lungo possesso dell'impero.
Alessandro stabilì che il sepolcro di Ciro,nel quale ara stato custoditoil suo corpo, fosse aperto,perche al re voleva dare le esequie.
Aveva pensato che il sepolcro fosse colmo di oro e di argento: infatti aveva appreso dai Persiani che con Ciro molti talenti erano stati nascosti. Ma nel sepolcro non trovarono nulla eccetto il suo scudo putrido e due archi degli Sciti e un pugnale. tuttavia, posta la corona d oro, coprì il sarcofago, nel quale giaceva il corpo, con il suo mantello, ? che era un avvenimento meraviglioso considerando il re della molta fama fama e rinomanza.
fornito da tante forze armate, fu sepolto senza alcun preparativo, così come gli uomini della plebe.

Questa risposta è stata cambiata da salvorocco (20-06-08 14:42, 8 anni 5 mesi 23 giorni )
Viking
Viking - Genius - 5352 Punti
Rispondi Cita Salva
Il sacrificio di Ifigenia

Graeci ad Troiam navigaturi in Aulidis portu ventis adversis retinebantur. Tum Calchas vates, a Graecorum ducibus interrogatus, in contione pronuntiavit: "Naves in portu detinentur, quia rex Agamemnon deae Dianae iniuriam fecit. Postquam sacrificio Iphigeniae, monitis preaesertim coactus, omnium voluntati paruit. Itaque nuptiarum simulatione Iphigenia regis filiae, deae ira placata erit, venti ad navigationem secundi rursus flebunt". Agamemnon primo (avv.) infandum facinus recusavit, sed tandem, Menelai fratris et Ulixis magna cum apparatu domo in castra adducta est. Virgo, postquam fatum suum cognovit, caritate patriae impulsa, aequo animo sacrificio adnuit. Sed sacerdotem, iam Iphigeniam immolatarum, Diana retinuit: ex improviso cerva apud aram apparuit et pro virgine mactata est. Iphigenia autem in terram Tauricam a dea traducta est.

Il sepolcro di Ciro

Macedones Parsagada venerant. Urbem condiderat Cyrus, quondam rex Persarum, ibique etiam sepultus erat. Eius satrapres Orsines (=Orsine) erat, nobilitate ac divitiis inter omnes barbaros eminens. Genus enim ducebat a Cyro atque magnas opes et hereditate acceptas et longa imperii possessione cumulatas habebat. Alexander sepulchrum Cyri iussit aperiri, in quo (=nel quale) conditum erat eius corpus, quia regi inferias dare volebat. Auro argentoque sepulchrum repletum esse crediderat: nam e Persis acceperat multa talenta cum Cyro condita esse. Sed in sepulchro praeter clipeum eius putrem et duos (=due) arcus Scythicos et acinacem nihil (=nulla) repperit. Tamen, corona aurea imposita, amiculo suo solium, in quo (=nel quale) corpus iacebat, velavit, rem admirabilem esse putans tanti nominis regem, tantis praeditum opibus, sine ullo apparatu sepultum esse, tamquam hominem plebeium.

Spero di aver scritto correttamente, grazie SuperGaara!!!:)
salvatorelag92
salvatorelag92 - Sapiens - 415 Punti
Rispondi Cita Salva
Se non te ne sei accorto le ho tradotte....C'è anche la traduzione :yes
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
A quanto pare salvorocco le ha trovate...;)
Viking
Viking - Genius - 5352 Punti
Rispondi Cita Salva
Scusate non me n'ero accorta :D
Grazie mille salvorocco!!!!
salvatorelag92
salvatorelag92 - Sapiens - 415 Punti
Rispondi Cita Salva
Di nulla...
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Perfetto, si può chiudere :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
.anonimus.

.anonimus. Tutor 43870 Punti

VIP
Registrati via email