pezz92
pezz92 - Habilis - 220 Punti
Rispondi Cita Salva
mi servirebbero queste 2 versioni...

Emilio Paolo
Cum contra Perseum regem L. Aemilius Paulus consul dimicavisset, eum vicit et occidit viginti milia peditum eius.Equitatus cum rege integer fugit; Romani centum milites amiserunt. Urbes Macedoniae omnes, quas rex tenuerat, Romanis se dediderunt: ipse rex venit in Pauli potestatem. Sed honorem ei consul tribuit: nam eum ad pedes suos cadere non permisit et iuxta se in sella collocavit. Macedones et Illyrios Romani liberos esse voluerunt, ut appareret populum Romanum pro aequitate dimicare, non pro avaritia; atque in conventu infinitorum populorum Paulus haec pronuntiavit et legationes multarum gentium, quae ad eum venerant, magnificentissime tractavit.

La fine del re Ciro
Ibi, in Cyri castris Tamyris regina,nobili genere nata, ingentem militiam et filium amisit, tamen orbitatis dolorem non in lacrimas effudit. Tantum in ultionis solacia intendit Persasque recenti victoria exultantes pari fraude circumvenit. Nam regina propter magnum dolorem diffidentia refugiens, Cyrum ad angustias perduxit, quo suas copias misit et in montibus insidiis Persas cum rege trucidavit.Inde nullus nuntius tentae cladis evasit. Regina, ut dicunt, Cyri caput amputatum in utrem humano sanguine repletum coniecit cum hac exprobratione crudelitatis: "Satia,inquit, sanguine tuum corpus semper insatiabile"

ps non so l'autore ma mi sa che sono modificate...grazie
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
quali sono gli autori delle due versioni li sai????
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ho tradotto la prima versione:

Emilio Paolo

Cum contra Perseum regem L. Aemilius Paulus consul dimicavisset, eum vicit et occidit viginti milia peditum eius. Equitatus cum rege integer fugit; Romani centum milites amiserunt. Urbes Macedoniae omnes, quas rex tenuerat, Romanis se dediderunt: ipse rex venit in Pauli potestatem. Sed honorem ei consul tribuit: nam eum ad pedes suos cadere non permisit et iuxta se in sella collocavit. Macedones et Illyrios Romani liberos esse voluerunt, ut appareret populum Romanum pro aequitate dimicare, non pro avaritia; atque in conventu infinitorum populorum Paulus haec pronuntiavit et legationes multarum gentium, quae ad eum venerant, magnificentissime tractavit.

Quando il console Lucio Emilio Paolo combatté contro il re Perseo, lo vinse e uccise ventimila dei suoi fanti. La cavalleria fuggì con il re incolume; i Romani persero cento soldati. Tutte le città della Macedonia, che il re aveva governato, si consegnarono ai Romani: lo stesso re cadde in potere di Paolo. Ma a lui il consolo fece onore: infatti non permise che lui si gettasse ai suoi piedi e lo colloco nel seggio accanto a sé. I Romani vollero che i Macedoni e gli Illiri fossero liberi, affinché sembrasse che il popolo Romano combattesse per la giustizia, non per l’avarizia; e nel convegno di infiniti popoli Paolo pronunciò queste parole e trattò magnificamente i rappresentanti delle molte genti che erano giunti da lui.
pezz92
pezz92 - Habilis - 220 Punti
Rispondi Cita Salva
no non li so...ma sono modificate dal porofe...credo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
Registrati via email