Leluccio91
Leluccio91 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Ragazzi m servirebbe urgentemente il commento sul secondo canto del purgatorio...Ki m da una mano???Grazie m fareste un grande favore...V ringrazio anticipatamente
PrInCeSs Of MuSiC
PrInCeSs Of MuSiC - Genius - 76233 Punti
Rispondi Cita Salva
Dante e Virgilio sono ancora sulla spiaggia limitrofa il monte del Purgatorio, quando intravedono una navicella, sospinta da un angelo di un biancore abbagliante. All'interno dell'imbarcazione si assiepano un centinaio di anime; tutte insieme cantano il salmo centoquattordici del Salterio, "In exitu Isräel de Aegypto".

Non appena la barca approda alla riva, le anime scendono, dopo di ché la navicella si allontana veloce. È giorno, il sole splende. Le anime chiedono ai due poeti la strada per il Purgatorio. Virgilio risponde loro che essi pure sono pellegrini inesperti del luogo.

Quando le anime ravvisano in Dante la presenza di uomo ancora vivo, si sgomentano. Nondimeno, per curiosità, si avvicinano, dimenticando lo scopo per cui sono giunte fin qui, quello cioè di emendare i propri peccati.

Una delle anime abbraccia Dante, inducendolo a fare altrettanto. È così che il poeta si accorge purtroppo di abbracciare il proprio petto, mancando le anime di consistenza corporea.

Dante riconosce tuttavia lo spirito che lo ha avvicinato. Si tratta del musico Casella. Di lui possediamo scarsi riferimenti storici: era amico di Dante e probabilmente musicava testi dottrinali; morì poco prima della fine del Duecento. Dante apprende da lui che le anime assegnate al Purgatorio si raccolgono alla foce del Tevere, avvalorando una leggenda nota nel Medioevo.

"Amor che ne la mente mi ragiona" canta soavemente Casella, tanto che Dante avverte dentro di sé una intensa dolcezza. Il testo appartiene allo stesso poeta fiorentino ed è tratto dal Convivio.
A questo punto, a interrompere l'assembramento di anime, interviene Catone, che le rimprovera e le sollecita a riprendere il loro cammino.
A guisa di colombe impaurite, i pellegrini si allontanano lesti.

Probabilmente il senso di questo secondo canto è da ravvisare nell'arricchimento dell'animo e della coscienza del poeta, che, pur amando la bellezza e il piacere terreni dell'Arte (simboleggiati dal canto di Casella che musica un suo stesso verso), scopre che la rettitudine, la salvezza e l'amore di Dio sono più importanti. Si stabilisce una sorta di nuova gerarchia di valori.

Ancora una volta il paesaggio e il clima del Purgatorio divergono radicalmente dai corrispettivi dell'Inferno. Qui la dolcezza, il tepore e la luce ciclica e modulata del giorno, con le sue albe e i suoi tramonti costituiscono fenomeni sconosciuti alle desolate e impervie lande infernali.

Spero che ti basti questo.. :hi

ho trovato pure questo!
http://www.skuola.net/dante/purgatorio/purgatorio-2x.html

la prossima volta, prima di aprire un 3d, _cerca_ sennò i moderatori si arrabbiano! :D

Mary
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Gloongo

Gloongo Geek 3656 Punti

VIP
Registrati via email