rufus
rufus - Sapiens Sapiens - 1100 Punti
Rispondi Cita Salva
alcuni affemano che la causa di molti divorzi risiede nella parità tra uomo e donna. la parità tra marito e moglie genera contrasti nella coppia; invece un tempo, quando il marito "comandava" e la moglie "ubbidiva", i matrimoni duravano più a lungo.
qual è la tua opinione? con quali argomenti ed esempi pioi sostenerla?
ViKyFeK
ViKyFeK - Sapiens Sapiens - 881 Punti
Rispondi Cita Salva
La monogamia, ossia il vincolo che unisce il marito ad una sola moglie, è forse la più antica istituzione della nostra civiltà, oggi minacciata da molti pericoli e con un avvenire che appare incerto e oscuro. Il numero dei divorzi è in crescente aumento nei Pesi in cui il divorzio è ammesso dalle leggi. In Italia, nel caso specifico, il divorzio è stato introdotto nei primi anni ’70, dopo accese e lunghe polemiche tra divorzisti e antidivorzisti, con un referendum popolare che non ha respinto la richiesta di abrogazione. Laddove non è ammesso il divorzio tuttavia è in aumento il numero delle separazioni legali o di fatto tra i coniugi. Nello stesso tempo è in progressivo aumento il numero dei matrimoni falliti, che continuano per forza di inerzia e si riducono ad una forma di convivenza occasionale o forzata, in cui non c’è più traccia di solidarietà o affetto tra i coniugi. Questi fenomeni sono assunti solitamente come segni di crisi dell’istituto della monogamia e del matrimonio e sono in una certa misura favoriti anche dalle nuove dimensioni di libertà, raggiunte dalle donne perché cessando sempre più largamente il loro stato di dipendenza economica e sociale dall’uomo, le donne stesse sono in grado di assumere iniziative del ricorso al giudice, della rottura, a differenza del passato. Allo stesso modo il divorzio è un naturale prodotto di crescente processo di laicizzazione dello Stato moderno: insieme con la crisi dei valori spirituali, religiosi, trova sempre meno seguito la dottrina della Chiesa Cattolica circa l’indissolubilità del vincolo matrimoniale, vincolo che, in quanto contratto come sacramento di fronte a Dio, l’uomo non può sciogliere, a detta della Chiesa, fino alla morte. Il ricorso al divorzio è dunque il riconoscimento ad unione sbagliata o impossibile a mantenersi. Il matrimonio infatti non è mai il perfetto idillio che lo spirito romantico può sognare, ma è fatto di alti e bassi, e pieno di grandi gioie, ma anche di sofferenze e sacrifici. La realtà autentica del matrimonio è quella di una vita vissuta insieme, sulla base dei bisogni, di aspirazioni, di progetti comuni che consentono di eliminare dubbi e contrasti e di ripristinare l’accordo ogni volta che viene minacciato. Ma ci sono anche matrimoni in cui si fanno insopprimibili e insopportabili le situazioni di insofferenza reciproca, i litigi divengono una fatto abituale, l’amore non esiste più: molti matrimoni si celebrano senza la necessaria responsabile consapevolezza degli sposi o senza che questi si conoscano a fondo, non considerando l’importante passo che si va a compiere. Ecco così che il divorzio rappresenta la soluzione migliore a situazioni coniugali spesso drammatiche e insostenibili, ma le conseguenze, se vi sono figli, si presentano non di fatto drammatiche, poiché sono proprio i figli a subire in maniera più traumatica la separazione tra i genitori. Nessuno spettacolo può essere più triste, infatti per i figli, per la loro formazione dell’ostilità tra due persone che costituiscono il mondo affettivo in cui sono nati e cresciuti.


(http://www.secchioni.net/temi/divorzio.html)
Aghi90
Rispondi Cita Salva
rufus: alcuni affemano che la causa di molti divorzi risiede nella parità tra uomo e donna. la parità tra marito e moglie genera contrasti nella coppia; invece un tempo, quando il marito "comandava" e la moglie "ubbidiva", i matrimoni duravano più a lungo.
qual è la tua opinione? con quali argomenti ed esempi pioi sostenerla?

credo che il divorzio abbia favorito la parità tra uomo e donna, ma secondo me la causa maggiore di così tanti divorzi sta nel fatto che si sono persi alcuni valori fondamentali, come il rispetto della persona, la comprensione, il fatto di accettare la persona che si ama in qualsiasi modo...e probabilmente quando una persona si sposa non sa bene a cosa va in contro e al primo problema si getta la spugna...è vero che un tempo i matrimoni duravano più a lungo...ma erano dei matrimoni veri?!?...cioè non si può costringere una persona a stare insieme ad un altra...quindi è vero che duravano più a lungo, ma non perchè queste persone lo volevano davvero, ma perchè piuttosto erano costrette a farlo!...almeno io la vedo così...ciaoooo!:hi
rufus
rufus - Sapiens Sapiens - 1100 Punti
Rispondi Cita Salva
:yes ora mi metto al lavoro vediamo che esce fuori intanto mille grazie ragazze. :hi


ragazzi siete fantastici ho preso nove e mezzo!!!!!:satisfied:lol
sono super felice:hi metterò il mio tema negli appunti ciao!
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

manliogrossi

manliogrossi Blogger 2717 Punti

VIP
Registrati via email