enrico___1
enrico___1 - Genius - 3717 Punti
Rispondi Cita Salva
Che ne pensate di quanto ho scritto??? Commentate e...siate cattivi;-)))

La crisi economica mondiale che già da tempo sta mettendo in difficoltà i paesi del mondo forse sta concludendosi. Ma la vera causa di tutto ciò è la globalizzazione?
Quando si parla di globalizzazione si intende il processo grazie al quale più idee, più mercati...si vengono ad unificare. Si arriverà ad un punto in cui le tradizioni dei vari paesi scompariranno; ci sarà un' unica tradizione mondiale, un unico mercato, un' unica lingua...Ma se il mercato mondiale dovesse entrare in crisi ne risentirebbero tutti i paesi del mondo? Ebbene si: stiamo assistendo ad un crollo del mercato mondiale; la causa? La globalizzazione.

Come ho spiegato prima, l'unificazione dei vari mercati in uno unico viene ad essere un vantaggio per i mercati più forti, come quello americano, che così hanno la possibilità di assemblare nel loro nucleo gli elementi di forza degli altri mercati in modo tale da diventare ancora più potenti. Invece i mercati più deboli non migliorano, anzi tendono a peggiorare ancora. Ed ecco che il fenomeno dell'emigrazione diventa più forte,molta gente lascia la propria nazione d'origine per raggiungere l'Eldorado, ma questo non è altro che un punto negativo per il paese, se ne va la manodopera, i giovani: il punto di forza del paese. Un altro fatto negativo dell'avere un mercato unico è l'avvento del monopolio delle imprese più forti; anche loro per far fronte ad un mercato internazionale (in cui c'è la possibilità non solo di venire a contatto ad insidie di carattere mondiale, ma di essere surclassati da imprese più forti) cercano di creare delle potenze mondiali, così da far fronte ad insidie non più nazionali ma internazionali.

La globalizzazione ha dato la possibilità alle banche di poter rafforzarsi attraverso accordi con gli stati del Terzo Mondo, dove in cambio di diamanti, materie prime pregiate...venivano dati dei soldi ai governi di queste nazioni, naturalmente dove vengono utilizzati questi soldi lo si sa: in armi. Le banche, inoltre, con il prestito di denaro (anche ad altro rischio) si sono arricchite ulteriormente; basti pensare al fenomeno della recessione: c'è poco denaro in circolazione, i debitori non riescono a pagare il muto, scatta così il pignoramento, oppure la banca vende il mutuo ad un altra banca. Anche nel caso dell'inflazione (dove c'è molto denaro in circolazione, ma con un potere d'acquisto inferiore) la banche guadagnano.
Questa politica riescono a farla (per un periodo di tempo non molto lungo) soltanto quelle banche "internazionali", le altre soccombono subito.

Un' altro fattore che sta rafforzando la crisi economica, è lo sviluppo tecnologico di quei paesi considerati deboli o poco sviluppati. Il loro progresso comporta un aumento del contenitore (cioè degli stati economicamente sviluppati e quindi aventi un certo potere sul mercato Mondiale) ciò significa un aumento maggiore di imprese concorrenti, e come ben si sa aumenterà anche l'intensità della concorrenza.
La voglia di riscatto e di avere un ruolo importante da parte di quelle nazioni poco sviluppate, non è altro che un punto negativo per le imprese "mondiali" che si devono adattare ai nuovi spietati concorrenti, che entrati da poco nel "giro" con prodotti innovativi, nuove tecniche di mercato, li stanno spiazzando.

In conclusione la crisi economica è causata sopratutto dal fenomeno globalizzazione, dovuta ad un mercato unico, monopolio di poche imprese "mondiali"(con l'entrata nel mercato di nuovi stati considerati poco sviluppati, i cosiddetti colossi entrano in difficoltà), da un sistema bancario con delle fondamenta non molto solide.
Secondo la mia opinione, l'energia rinnovabile è la giusta strada per poter uscire in modo deciso dalla crisi, non solo perchè questo dà la possibilità ai vari stati di non dipendere interamente dal "mondo globalizzato", ma anche per lo sviluppo tecnologico che ne deriva.
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao Enrico, è molto ben fatto anche nei i contenuti. A mio parere la parte iniziale ha troppe domande che né appesantiscono la lettura. Ti ho messo qualche correzione qua e là nel testo....

La crisi economica mondiale che già da tempo sta mettendo in difficoltà i paesi del mondo forse sta volgendo al termine. Ma la vera causa di tutto ciò è la globalizzazione?
Quando si parla di globalizzazione si intende il processo grazie al quale più idee e più mercati si vengono ad unificare. Si arriverà ad un punto in cui le tradizioni dei singoli paesi scompariranno; ci sarà un' unica tradizione mondiale, un unico mercato, un' unica lingua. Ma se il mercato mondiale dovesse entrare in crisi ne risentirebbero tutti i paesi del mondo? Ebbene si: stiamo assistendo ad un crollo del mercato mondiale e la causa è proprio la globalizzazione.

Come ho spiegato prima l'unificazione dei vari mercati in uno unico viene ad essere un vantaggio per i mercati più forti, come quello americano, che così hanno la possibilità di assemblare nel loro nucleo gli elementi di forza degli altri mercati in modo tale da diventare ancora più potenti. Invece i mercati più deboli non migliorano, anzi tendono a peggiorare ancora. Ed ecco che il fenomeno dell'emigrazione diventa più forte, molta gente lascia la propria nazione d'origine per raggiungere l'Eldorado, ma questo non è altro che un punto negativo per il paese, se ne vanno la manodopera e i giovani. Questi ultimi sono il punto di forza del paese. Un altro fatto negativo dell'avere un mercato unico è l'avvento del monopolio delle imprese più forti; anche loro per far fronte ad un mercato internazionale (in cui c'è la possibilità non solo di venire a contatto ad insidie di carattere mondiale, ma di essere surclassati da imprese più forti) cercano di creare delle potenze mondiali, così da far fronte ad insidie non più nazionali ma internazionali.

La globalizzazione ha dato la possibilità alle banche di poter rafforzarsi attraverso accordi con gli stati del Terzo Mondo, dove in cambio di diamanti, materie prime pregiate, ecc...venivano dati dei soldi ai governi di queste nazioni, naturalmente la maggior parte di questi soldi verrà investita per l'acquisto di armi. Le banche, inoltre, con il prestito di denaro (anche ad altro rischio) si sono arricchite ulteriormente; basti pensare al fenomeno della recessione: c'è poco denaro in circolazione, i debitori non riescono a pagare il muto, scatta così il pignoramento, oppure la banca vende il mutuo ad un altra banca. Anche nel caso dell'inflazione (dove c'è molto denaro in circolazione, ma con un potere d'acquisto inferiore) la banche guadagnano.
Questa politica riescono a farla (per un periodo di tempo non molto lungo) soltanto quelle banche "internazionali", le altre soccombono subito.

Un altro fattore che sta rafforzando la crisi economica, è lo sviluppo tecnologico di quei paesi considerati deboli o poco sviluppati. Il loro progresso comporta un aumento del contenitore (cioè degli stati economicamente sviluppati e quindi aventi un certo potere sul mercato Mondiale), ciò significa un aumento maggiore di imprese concorrenti, e come ben si sa aumenterà anche l'intensità della concorrenza.
La voglia di riscatto e di avere un ruolo importante da parte di quelle nazioni poco sviluppate non è altro che un punto negativo per le imprese "mondiali", che si devono adattare ai nuovi spietati concorrenti, che entrati da poco nel "giro" con prodotti innovativi e nuove tecniche di mercato, li stanno spiazzando.

In conclusione la crisi economica è causata sopratutto dal fenomeno della globalizzazione, dovuta ad un mercato unico, monopolio di poche imprese "mondiali"(con l'entrata nel mercato di nuovi stati considerati poco sviluppati, i cosiddetti colossi entrano in difficoltà), da un sistema bancario con delle fondamenta non molto solide.
Secondo la mia opinione, l'energia rinnovabile è la giusta strada per poter uscire in modo deciso dalla crisi, non solo perchè questo dà la possibilità ai vari stati di non dipendere interamente dal "mondo globalizzato", ma anche per lo sviluppo tecnologico che ne deriva.
enrico___1
enrico___1 - Genius - 3717 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie per l'aiuto
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
prgo alla prossima!
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email